Le missioni spaziali possono aumentare il rischio di disfunzione erettile per gli astronomi maschi

Le missioni spaziali possono aumentare il rischio di disfunzione erettile per gli astronomi maschi
Immagine di un astronauta durante una passeggiata nello spazio

Durante le missioni nello spazio profondo, gli astronauti sono esposti ad alti livelli di radiazione cosmica galattica (GCR) e microgravità, che sono associati ad un aumento del rischio di stress ossidativo e disfunzione endoteliale. Lo stress ossidativo e la disfunzione endoteliale sono fattori nella patogenesi della disfunzione erettile, sebbene gli effetti del volo spaziale sulla funzione erettile non siano stati ancora esplorati.

Un nuovo studio mira a determinare gli effetti della simulazione del volo spaziale e del recupero a lungo termine sui tessuti importanti per la funzione erettile, l’arteria pudenda interna distale (dIPA) e il corpo cavernoso (CC).

Lo studio ha incluso 86 ratti Fisher maschi adulti. Sono stati randomizzati in sei gruppi ed esposti a 4 settimane di scarico degli arti posteriori (HLU), controllo del carico e simulazione o GCR in un simulatore GCR a terra presso lo Space Radiation Laboratory della NASA.

Dopo il recupero per 12-13 mesi, l’analisi fisiologica ex vivo delle sezioni di tessuto dIPA e CC ha rivelato effetti differenziali di HLU e GCR sul rilassamento endotelio-dipendente e indipendente che era specifico del tipo di tessuto.

Secondo studi di simulazione condotti su ratti maschi, questi aspetti del volo spaziale possono avere un effetto dannoso sul tessuto vascolare associato alla disfunzione erettile, anche molto tempo dopo il recupero.

Dosi relativamente basse di radiazione cosmica galattica e, in misura minore, l’assenza di gravità simulata, causano cambiamenti nei vasi sanguigni, principalmente attraverso un aumento dello stress ossidativo. Vari trattamenti antiossidanti possono mitigare alcuni di questi effetti.

L’autore corrispondente Justin D. La Favor, Ph.D., della Florida State University, Egli ha detto, “Con le missioni con equipaggio nello spazio pianificate nei prossimi anni, questo lavoro suggerisce che la salute sessuale dovrebbe essere attentamente monitorata negli astronauti al loro ritorno sulla Terra”.

“Sebbene gli effetti negativi della radiazione cosmica galattica siano stati di lunga durata, i miglioramenti funzionali derivanti dal targeting preciso delle vie redox e dell’ossido nitrico nei tessuti suggeriscono che la disfunzione erettile può essere curabile.”

Riferimento alla rivista:

  1. Manuela R. Andrade, Twp A. Aziz et al. La disfunzione neurovascolare associata alla disfunzione erettile persiste dopo il recupero a lungo termine dall’assenza di gravità simulata e dall’irradiazione dello spazio profondo. Rivista FASEB. ID digitale: 10.1096/fj.202300506RR
READ  "Il progetto scientifico definitivo": gli studenti di Edmonton inviano un esperimento sui vermi nello spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *