Le domande abbondano mentre le coste italiane diventano più ripide

Le domande abbondano mentre le coste italiane diventano più ripide

Dopo settimane di festeggiamenti per la Coppa del Mondo mentre il Vodacom United Rugby Championship è passato in secondo piano, gli appassionati di rugby sudafricani hanno avuto un’enorme dose di realtà questo fine settimana poiché risultati contrastanti hanno lasciato molte domande senza risposta e alcune grandi preoccupazioni all’inizio della stagione.

Anche se le cattive condizioni meteorologiche, i giri lunghi e i campi misti sembravano aver giocato un ruolo, sono state le squadre costiere a soffrire di più mentre i Vodacom Bulls e gli Emirates Lions hanno trovato il modo di vincere nonostante i loro errori.

I Bulls siedono bene in cima alla classifica URC dall’aspetto molto strano insieme al colosso irlandese Leinster e ai Glasgow Warriors di Franco Smith e saranno molto contenti delle vittorie esterne consecutive quando il loro tour raggiungerà la metà.

Ma il fatto che ci siano tre punti che separano le posizioni dal primo all’ottavo è una storia a sé stante, e mostra quanto sarà dura la stagione nel proseguire, non solo per la qualificazione europea ma anche per i turni di qualificazione URC di quest’anno.

A prima vista, le squadre sembrano più equilibrate, anche se i campioni regolari di Leinster e Glasgow siedono in testa. Anche il vantaggio di casa, almeno al di fuori di Italia e Galles, sembra essere un fattore enorme, e c’è stato un netto miglioramento nella forma delle due squadre italiane.

Tuttavia, il fatto spiacevole che le squadre costiere rimangano senza vittorie nell’emisfero settentrionale, e l’eccessiva dipendenza dalle vittorie nei derby e dal vantaggio casalingo, significa che sarà necessario ripensare a lungo termine il modo in cui le squadre sudafricane si avvicinano all’emisfero. un viaggio.

I Bulls potrebbero ottenere due vittorie su tre partite del turno, ma a prima vista è improbabile che Zebre e Cardiff siano tra le prime quattro della competizione, e questo lo mette in prospettiva.

Allo stesso modo, i Lions, che hanno battuto gli Scarlets ottenendo la prima vittoria nel torneo e rischiavano di farlo nelle prime quattro settimane, saranno contenti della loro vittoria, ma sapendo che la squadra di Llanelli non è riuscita a vincere a livello globale. È diminuito nei primi quattro round dell’URC.

La preoccupazione più grande rimangono gli Sharks, che sono a corto di giocatori, ma sembrano soffrire di questo problema ricorrente che quando i loro giocatori di punta non sono in giro, non possono produrre nulla che si avvicini allo stesso tipo di forma, come fa sempre il Leinster senza le loro stelle.

Plumtree si scusa

Potrebbe essere stato quasi imposto su di lui e potrebbe essere ingiusto per il nuovo allenatore degli Sharks John Plumtree scusarsi per la mancanza di risultati nelle quattro settimane di corsa, ma la sconfitta contro le Zebre ha prodotto un punto particolarmente basso per lui e la sua squadra.

READ  Questo villaggio italiano potrebbe pagarti 25.000 euro per aiutarti a ristrutturare una casa del valore di 1 euro

Le Zebres hanno una serie di 28 sconfitte consecutive e, sebbene abbiano quasi battuto i Lions la scorsa settimana e siano stati molto migliori di quanto spesso gli viene attribuito, non c’era nessuno che guardasse quella partita che non pensasse che gli Sharks fossero cattivo, essere gentile.

È sempre stato chiaro che avrebbero avuto bisogno di molto lavoro per cambiare la cultura che li aveva fatti lottare, nonostante tutti gli acquisti di grandi nomi che avevano acquistato, ma forse Plumtree si renderà conto dopo questa corsa di quanto lavoro ci vorrà.

Il più grande ostacolo al successo degli Sharks all’URC non è quando i loro Springboks sono disponibili, ma quando sono assenti, poiché faticano a creare lo stesso tipo di intensità e pressione che i giocatori internazionali nella loro squadra sembrano creare con facilità.

Il rigore sbilenco di 15-4 assegnato ha mostrato quanto abbiano faticato ad adattarsi alle interpretazioni dell’arbitro irlandese Peter Martin, ma mentre le decisioni individuali possono richiedere un po’ di esame, la loro mancanza di adattabilità è una preoccupazione più grande, come nel caso delle 15 palle perse assegnate nella partita. gioco.

Poi anche il cartellino giallo e rosso non ha aiutato, e anche se ci sarà un po’ di simpatia per Heron Andrews, il cui rosso è arrivato dal suo turno in un contrasto indiretto sul pilone Mohamed Hessa, in parte colpa del suo compagno di squadra George Cronje, era solo un altro esempio di come gli Sharks non aiutassero se stessi quando contava.

Ci sarà un esame di coscienza a Durban al loro ritorno, e il ritorno di un certo numero di giocatori infortunati, così come degli Springboks, contribuirà notevolmente a risolvere il problema. Ma si teme che i problemi a Durban siano più profondi di quanto si possa ammettere.

I tori sono luce intensa

A Cardiff, i Bulls hanno ottenuto una vittoria impressionante nella capitale gallese, ma hanno faticato a contenere una squadra di Blues piena di vita e alla fine sono riusciti a raggiungere la vittoria.

Tuttavia, qualsiasi vittoria in trasferta vale oro, anche se Jake White avrà molto da discutere con la sua squadra mentre si dirigeranno a Edimburgo per l’ultima partita del tour prima di tornare a casa sotto il sole di Tshwane.

Ma in una notte fredda su un campo ibrido che in passato ha causato loro problemi, i Bulls hanno mostrato abbastanza grinta per vincere una partita difficile e mettersi in testa.

Come disse in seguito White, questo è ciò che metti nei tuoi banchi di memoria.

Perché anche se i Bulls hanno segnato una meta sensazionale con Embrose Papier all’inizio, seguita pochi minuti dopo da un intercetto per Sebastian De Klerk, alla fine hanno resistito mentre la statura del Cardiff cresceva.

READ  L'Italia ha nominato il sostenitore Ivan Nemer nella sua squadra per la Coppa del mondo di rugby nonostante un divieto di razzismo

La loro difesa – qualcosa che era stato un grosso problema nella stagione precedente – è rimasta coerente e sembrava a suo agio giocando senza palla e affrontando la maggior parte di ciò che il Cardiff gli lanciava.

Questo di per sé, con Gary Gould e Jan Tiedt che arrivano in difesa, sarebbe un enorme passo avanti per le loro aspirazioni in questa stagione.

Ma il messaggio inviato dal pubblico era più grande di questo.

Anche se siamo abituati a vedere le squadre sudafricane dominare il pubblico, un eccezionale secondo tempo di Wilko Low – che è stato l’uomo a ricevere la partita – Johan Goosen e Gerhard Steenkamp hanno fatto vincere loro diversi rigori quando erano sotto pressione.

Se il processo di ricostruzione per difendere la Coppa del Mondo inizia adesso, Law e Steenekamp hanno inviato il messaggio che non verranno trascurati in questa stagione.

La gioia e l’orgoglio di Leo

La squadra di Ivan van Rooyen potrebbe non avere i grandi nomi e la potenza di fuoco delle altre squadre, ma è positivo che abbiano molto spirito combattivo.

La loro vittoria sugli Scarlets sabato è stata speciale e contribuirà notevolmente a ridurre la pressione su una squadra che dà il massimo ed è sempre competitiva.

La loro vittoria è arrivata grazie a un momento miracoloso – qualcosa che è andato contro il corso del gioco come se gli Scarlets stessero per gridare a casa – che ha cambiato completamente il corso della partita e ha regalato ai Lions una vittoria di misura.

Il povero uomo in campo, Sanile Nohamba, ha visto un passaggio da incubo di Steve Evans che è stato attaccato da Richard Criel, che ha raccolto la palla e l’ha passata a Henko van Wyk per segnare la meta decisiva.

È stata solo la ricompensa per aver continuato a lottare e non essersi mai arresi, ma è stato un momento fortunato che avrebbe potuto facilmente trasformarsi in qualcosa di diverso.

I principali aspetti positivi per i Lions sono stati la forma di Nohamba in 10, che è stata rinfrescante e ha offerto diverse opzioni, così come il pubblico che ha dominato la partita.

La colpa è delle tempeste stesse

È difficile non provare compassione per John Dobson quando la sua squadra è diventata uno scalpo per la Benetton in una partita molto combattuta sabato a Treviso.

Ma è chiaro che una combinazione di cambiamenti, alcuni giocatori chiave sottoperformanti e la decisione di rimanere intrappolati nel mezzo di due piani di gioco costano loro una squadra rovente della Benetton.

READ  Dotazione di 200 stazioni di rifornimento autostradali con caricatori ad alta energia

Per essere chiari, questi non sono i giochi più facili per nessuno. La stagione della Benetton finora è stata fantastica: ha vinto in trasferta a Cardiff, ha pareggiato con i campioni del Munster in casa a Treviso, poi ha battuto i Lions prima di aggiungere agli Stormers il proprio scalpo.

Sono chiaramente una squadra molto migliore di quanto si creda loro e probabilmente lotteranno per i primi otto – se non i primi quattro – se riusciranno a stare al sicuro e a continuare questo slancio.

Tuttavia, gli Stormers hanno un record in trasferta molto scarso, nonostante abbiano raggiunto le finali URC consecutive negli ultimi due anni, l’ultima vittoria fuori casa nell’ottobre 2022.

Ma questo non è dovuto alle condizioni o al campo, ma piuttosto al fatto che gli Stormers hanno inspiegabilmente provato a giocare largo in condizioni che non gli andavano bene e contro una difesa che si arrangiava bene.

Hanno iniziato la partita giocando su terreno più ampio e sembrava che funzionasse, ma il cambiamento, combinato con il rendimento della loro formazione durante la partita e le domande sulla forma di giocatori chiave come Warrick Gelant, li terranno svegli la notte.

È ancora presto, ma i segnali d’allarme ci sono per Dobson, e il modo in cui risponderà sarà fondamentale man mano che avanzerà nella competizione.

EDIMBURGO DROP SINCS CONNACHT

Nel resto delle partite, la vittoria più interessante è stata quella della squadra di Edimburgo di Sean Everett, che ha sfruttato un gol di Ben Healy negli ultimi secondi per regalare loro la vittoria sul Connacht in una delle partite più divertenti della stagione.

Sei mete e un gol strepitoso rendono questa gara fantastica e, cosa ancora più importante, una celebrazione della 100esima partita di Pierre Schumann con l’Edimburgo.

L’Ulster si è dimostrato troppo bravo per il Munster nel derby irlandese, con tre rigori segnati da Nathan Doak che hanno convertito il margine decisivo in una partita che ha visto due mete ciascuna. Il Leinster è tornato in campo domenica battendo i Dragons 33-10, mentre anche Glasgow ha mantenuto la pressione al vertice con una divertente vittoria in casa degli Ospreys.

Risultati del fine settimana

Venerdì

Zebre Parma 12 HollywoodBet Sharks 10

Ulster 21 Munster 14

Cardiff Rugby 12 Vodacom Bulls 18

Sabato

Benetton 20 DHL Stormers 17

Falchi pescatori 23 Glasgow Warriors 31

Scarlets 23 Leoni degli Emirati 24

Edimburgo 25 Connacht 22

Domenica

Drago 10 Leinster 33

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *