Le boe eoliche possono aiutare le comunità costiere remote a liberarsi dal diesel

I ricercatori dell’Università di Victoria stanno proponendo una nuova idea che potrebbe fornire energia pulita e rinnovabile alle comunità costiere remote della Columbia Britannica e porre fine alla loro dipendenza dai generatori diesel.

Inviano una boa altamente personalizzata, dotata di turbine eoliche e un sistema di scansione laser 3D, nelle acque al largo della costa di Trial Island, a sud di Victoria, per misurare i venti, la temperatura dell’acqua, la pressione e altro ancora, tutto ciò può informare dove un viene posizionato un parco eolico offshore.

“C’è una fantastica risorsa eolica offshore che esiste sulla costa della British Columbia e in altre parti del mondo”, ha affermato il ricercatore e professore di ingegneria meccanica Curran Crawford.

“Quindi stiamo cercando di localizzare o ottenere alcuni dati, alcune idee, nella British Columbia su dove potrebbe essere il potenziale dell’energia eolica per lo sviluppo futuro di quella risorsa”.

The Wind Float è un progetto dell’Università di Victoria finanziato dalla Canadian Foundation for Innovation e dal British Columbia Knowledge Development Fund. (Tecnologie AXYS)

La boa sarà installata lì per circa sei mesi, durante un inverno afoso e ventoso, in quello che i ricercatori chiamano un “volo di spostamento” in modo che possano saperne di più su come funziona lo strumento.

Le turbine eoliche sulla Terra rappresentano una piccola percentuale del fabbisogno energetico globale, ma stanno diventando sempre più comuni, secondo il ricercatore e co-leader del progetto Brad Packham.

Tuttavia, l’energia eolica generata dalle turbine oceaniche non ha ricevuto la stessa attenzione, principalmente a causa della mancanza di dati attuali necessari per sviluppare sistemi efficienti.

Crawford ha affermato che ci sono piani per lavorare con la Haida Nation per posizionare parchi eolici offshore intorno ad Haida Gwaii e altre Prime Nazioni costiere hanno espresso interesse per il progetto come parte della loro pianificazione energetica.

“Ci vuole molto per costruire un enorme progetto eolico”, ha detto Crawford.

“Quindi stiamo cercando di dare una mano e fare alcune di quelle ricerche iniziali sulle risorse, la comprensione e la riflessione sul potenziale”.

La ricercatrice Chloe Imonen, che ha aderito al progetto nel 2019, afferma che l’esperimento non solo andrà a beneficio delle comunità remote che sperano di sostituire il diesel, ma fornirà anche una migliore comprensione di come sfruttare il vento per generare energia sostenibile.

“Sappiamo da decenni che i combustibili fossili sono probabilmente la principale causa del cambiamento climatico che stiamo vivendo tutti”, ha detto.

“E quindi penso che l’unico modo per andare avanti sia ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili e concentrarci su ciò che funziona in futuro”.

READ  Eluminator è il motore elettrico della Ford

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *