Le autorità di regolamentazione iniziano l’ispezione di sicurezza finale prima che le acque reflue trattate di Fukushima vengano scaricate in mare – Notizie dal Mondo

Le autorità di regolamentazione iniziano l’ispezione di sicurezza finale prima che le acque reflue trattate di Fukushima vengano scaricate in mare – Notizie dal Mondo

Mercoledì le autorità di regolamentazione giapponesi hanno avviato un’ispezione finale prima di rilasciare nell’Oceano Pacifico le acque reflue radioattive trattate dalla centrale nucleare distrutta di Fukushima.

L’ispezione è iniziata il giorno dopo che l’operatore dell’impianto, Tokyo Electric Power Company Holdings, ha installato l’ultima attrezzatura necessaria per il rilascio: l’uscita del tunnel sottomarino che era stato perforato per drenare le acque reflue a circa un chilometro dalla costa.

Tepco ha affermato che gli ispettori della NRA controlleranno le apparecchiature relative allo scarico dell’acqua trattata e i suoi sistemi di sicurezza durante i tre giorni dell’ispezione fino a venerdì. Un permesso per il rilascio dell’acqua potrebbe essere rilasciato dopo circa una settimana e la TEPCO potrebbe iniziare a rilasciare l’acqua subito dopo, anche se la data esatta non è stata specificata.

Il piano ha affrontato feroci proteste da parte di gruppi di pescatori locali preoccupati di danneggiare la sicurezza e la reputazione. Il governo e la TEPCO hanno promesso nel 2015 di non liberare le acque senza l’approvazione dei gruppi di pescatori, ma molti nella comunità dei pescatori affermano che il piano è stato comunque accantonato. La vicina Corea del Sud, la Cina e alcune nazioni insulari del Pacifico hanno sollevato problemi di sicurezza.

Il segretario capo di gabinetto Hirokazu Matsuno ha detto ai giornalisti mercoledì che il governo “aderisce alla sua politica di non attuare il rilascio senza comprendere” le popolazioni di pescatori di Fukushima. Ha affermato che il governo continuerà a impegnarsi a stretto contatto con loro e con le altre persone coinvolte, garantendo al contempo la sicurezza e affrontando la questione del danno alla reputazione. I gruppi di pescatori temono che il rilascio di acque reflue impedirà ai consumatori di acquistare pesce dalla regione.

READ  Decine di bambini prematuri evacuati da Gaza all'Egitto Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Funzionari del governo e delle utility affermano che le acque reflue, attualmente immagazzinate in circa 1.000 serbatoi dell’impianto, devono essere rimosse per evitare perdite accidentali e fare spazio allo smantellamento dell’impianto. Dicono che l’acqua trattata ma leggermente radioattiva sarà diluita a livelli più sicuri rispetto agli standard internazionali e gradualmente rilasciata nell’oceano nel corso di decenni, rendendola innocua per gli esseri umani e la vita marina.

Alcuni scienziati affermano che l’effetto dell’esposizione a lungo termine a basse dosi ai radionuclidi è sconosciuto e il rilascio dovrebbe essere ritardato. Altri affermano che il piano di rilascio è sicuro ma richiedono maggiore trasparenza, incluso consentire a scienziati esterni di partecipare al campionamento e al monitoraggio del rilascio.

Il Giappone ha cercato il sostegno dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica per ottenere credibilità e garantire che le misure di sicurezza soddisfino gli standard internazionali. L’AIEA ha inviato diverse missioni in Giappone dall’inizio del 2022 e presto è previsto un rapporto di valutazione finale, sebbene l’organizzazione non abbia l’autorità per fermare il piano. L’amministratore dell’AIEA Rafael Mariano Grossi dovrebbe visitare il Giappone all’inizio di luglio per incontrare il primo ministro Fumio Kishida e visitare l’impianto.

Un violento terremoto e uno tsunami l’11 marzo 2011 hanno distrutto i sistemi di raffreddamento della centrale nucleare di Fukushima Daiichi, causando la fusione di tre reattori e la contaminazione e la perdita costante dell’acqua di raffreddamento. L’acqua viene raccolta, trattata e immagazzinata nei serbatoi, che raggiungeranno la capacità all’inizio del 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *