L’attivista iraniano imprigionato e premio Nobel per la pace Mohammadi inizia lo sciopero della fame | Notizia

L’attivista iraniano imprigionato e premio Nobel per la pace Mohammadi inizia lo sciopero della fame |  Notizia

Preoccupata per la sua salute fisica e mentale, la famiglia di Mohammadi afferma di ritenere il governo responsabile delle sue condizioni.

La vincitrice del Premio Nobel per la Pace Narges Mohammadi ha iniziato uno sciopero della fame nella sua prigione iraniana per protestare contro le restrizioni sulle cure mediche per lei e gli altri prigionieri, nonché l’obbligo per le donne di indossare l’hijab in Iran, secondo la sua famiglia.

La veterana attivista per i diritti umani Mohammadi (51 anni), attualmente detenuta nella prigione di Evin nella capitale iraniana, Teheran, ha vinto il Premio Nobel in ottobre “per la sua lotta contro l’oppressione delle donne in Iran”.

Oggi, tramite una lettera dalla prigione di Evin, Narges Mohammadi ha informato la sua famiglia di aver iniziato uno sciopero della fame diverse ore fa.”Siamo preoccupati per le condizioni fisiche e di salute di Narges Mohammadi”, ha detto la sua famiglia in un comunicato lunedì.

In un post su X, precedentemente noto come Twitter, la sua famiglia ha detto che stava prendendo solo acqua, zucchero e sale e che aveva smesso di prendere i farmaci.

Mohammadi si rifiuta in ogni caso di indossare l’hijab, un copricapo diventato obbligatorio per le donne negli spazi pubblici poco dopo la rivoluzione islamica iraniana del 1979.

In risposta, le autorità carcerarie hanno rifiutato di trasferire Mohammadi, che soffre di malattie cardiache e polmonari, in un ospedale fuori Evin per ricevere cure.

La sua famiglia ha detto che aveva “urgente” bisogno di cure mediche fuori dal carcere.

“Narges ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro due cose: la politica della Repubblica islamica di ritardare e trascurare le cure mediche per i detenuti malati… [and] “Politica dell’hijab obbligatorio per le donne iraniane”, si legge nella dichiarazione.

READ  Biden e Trump stanno facendo viaggi in competizione al confine tra Stati Uniti e Messico

La dichiarazione aggiunge: “La Repubblica Islamica è responsabile di tutto ciò che accade al nostro amato Narciso”. “È passata una settimana ormai e si rifiutano di fornirle l’assistenza medica di cui ha bisogno”.

“Moralmente inaccettabile”

In una forte dichiarazione a sostegno di Mohammadi, il capo del Comitato norvegese del Premio Nobel, Berit Reiss-Andersen, ha affermato che l’organismo è “profondamente preoccupato” per la salute del premio Nobel 2023.

Ha detto: “Chiedere alle detenute di indossare l’hijab per entrare in ospedale è disumano e moralmente inaccettabile”.

La famosa attivista iraniana per i diritti umani Narges Mohammadi, a destra, ascolta il premio Nobel per la pace Shirin Ebadi mentre partecipa a un incontro sui diritti delle donne a Teheran, Iran, il 27 agosto 2007. [File: Vahid Salemi/AP]

“Lo sciopero della fame di Narges Mohammadi dimostra la gravità della situazione. Ha aggiunto: “Il Comitato norvegese per il Nobel esorta le autorità iraniane a fornire a Narges Mohammadi e alle altre detenute tutta l’assistenza medica di cui potrebbero aver bisogno.”

Nel frattempo, PEN International, un gruppo che promuove la libertà di espressione, ha affermato di essere “profondamente preoccupato” per Mohammadi e “ritiene le autorità iraniane pienamente responsabili di aver messo la sua vita in grave pericolo”.

“Narges Mohammadi non dovrebbe essere in prigione in primo luogo”, ha aggiunto, dicendo che l’Iran dovrebbe rilasciarla “immediatamente” e “trasferirla urgentemente in ospedale per cure mediche”.

“Mezzi di repressione”

Mohammadi è stata arrestata per la prima volta 22 anni fa e ha trascorso gran parte degli ultimi due decenni dentro e fuori dal carcere per la sua campagna a favore dei diritti umani in Iran.

È in carcere dal novembre 2021 e non vede i suoi figli, che ora risiedono in Francia, da otto anni.

Il Premio Nobel di Mohammadi è arrivato sulla scia di mesi di proteste in tutto l’Iran per la morte nel settembre 2022 durante la custodia di Mahsa Amini, 22 anni, arrestata per presunta violazione del rigido codice di abbigliamento iraniano per le donne.

READ  L'ex avvocato di Trump è stato accusato in Georgia. Vuole i soldi della sua difesa per pagare le sue spese legali.

Dall’interno del carcere, Mohammadi ha anche espresso la sua rabbia per quello che ha descritto come “l’omicidio” dell’adolescente Armita Giravand, che è stata colpita alla testa mentre si trovava nella metropolitana di Teheran senza hijab.

Mentre i genitori di Giravand sono apparsi in filmati diffusi dai media statali in cui affermavano che un problema di pressione sanguigna, una caduta, o forse entrambi hanno contribuito all’infortunio della figlia, gli attivisti hanno affermato che potrebbe essere stata spinta o aggredita dalla polizia morale per non aver indossato l’hijab, cosa che le autorità hanno fatto. fortemente negato.

È morta a ottobre dopo essere stata in coma per un mese.

In una lettera in cui ha espresso la sua gratitudine per il premio, che sua figlia ha letto e pubblicato sul sito del Nobel, Mohammadi ha descritto l’hijab obbligatorio come “un mezzo di controllo e di oppressione imposto alla società e su cui si basa la continuazione e la sopravvivenza di questa tirannia”. la religione è basata”. Il sistema dipende”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *