L’astronomia è una scienza variabile: l’osservazione del cielo

L’astronomia è una scienza variabile: l’osservazione del cielo

Era una giornata limpida e soleggiata su Marte, con solo poche linee di nuvole sottili. Un gruppo di basse colline definiva l’orizzonte.

Questa era una delle immagini inviateci da uno dei robot con cui esploravamo il Pianeta Rosso. Poi abbiamo immagini inviate da Titano, la luna più grande di Saturno, che mostrano il substrato roccioso di un fiume in secca. Abbiamo campioni di roccia della Luna, di un asteroide e immagini ravvicinate di molti oggetti nel sistema solare. Abbiamo anche immagini della superficie di Venere, inviate prima che la navicella si sciogliesse.

Per gran parte della sua storia, l’astronomia è consistita principalmente nell’osservazione di punti nel cielo. I nostri antenati valutavano la loro luminosità e registravano la loro posizione. Hanno notato che alcuni punti erano in gruppi che non cambiavano. Queste erano stelle e quegli ammassi divennero le costellazioni che conosciamo oggi.

C’erano altri punti che si muovevano avanti e indietro lungo un percorso specifico nel cielo. Quelli erano i pianeti. Una cosa che i nostri antenati astronomi notarono fu che i cieli erano ordinati, stabili e altamente prevedibili. Ciò è in netto contrasto con l’imprevedibilità della vita qui sulla Terra.

La relativa stabilità del cielo è il motivo per cui le persone si lasciano prendere dal panico quando qualcosa di nuovo appare nel cielo, come una cometa. Successivamente, quando furono inventati i telescopi, potemmo vedere che i pianeti erano diversi dalle stelle e potevamo persino vedere le caratteristiche della superficie di alcuni di essi. La Luna si è trasformata da un corpo celeste liscio in una palla rocciosa piena di crateri e antiche colate laviche.

READ  Immagini Hubble dei pianeti più grandi del nostro sistema solare

A quei tempi, scienze come la geologia, la meteorologia e la biologia miravano a comprendere meglio il nostro pianeta. La sua applicazione ad altri mondi è stata lasciata in gran parte agli scrittori di fantascienza. Ora le cose sono completamente cambiate. Grazie a telescopi migliorati, veicoli spaziali che osservano da vicino gli oggetti nel sistema solare o addirittura atterrano su di essi, ora possiamo studiare altri mondi con la stessa libertà con cui possiamo studiare il nostro. Ora possiamo acquistare libri di testo sulla geologia di Marte o della Luna. Possiamo persino studiare il tempo su altri mondi. Sono diventati luoghi con cui possiamo connetterci.

Non molto tempo fa pensavamo che esistessero pianeti in orbita attorno ad altre stelle, ma non lo sapevamo. Da allora ne abbiamo scoperti migliaia. Quasi ogni stella ha pianeti, alcuni dei quali potrebbero essere simili al nostro. Sappiamo anche se alcuni di questi pianeti hanno un’atmosfera e gli scienziati stanno attivamente cercando in quelle atmosfere segni chimici di vita. Ora sappiamo che viviamo in un mondo tra tanti, orbitando attorno a una stella su miliardi, in una galassia su miliardi. È difficile immaginare che il nostro pianeta possa essere l’unico pianeta abitato.

Grazie alla nostra conoscenza in rapida espansione di altri mondi, possiamo applicare ciò che consideravamo “scienze della Terra”, come la geologia, ad altri mondi. Ciò rende possibile confrontare le forze che modellano altri pianeti con quelle che modellano il nostro pianeta.

Questi confronti sollevano domande importanti, ad esempio se Venere, Terra e Marte erano simili quando si formarono, perché sono diversi ora? Pensavamo di sapere perché il nostro sistema solare era stato costruito così com’era e presumevamo che altri sistemi sarebbero stati simili. Tuttavia, ora sappiamo che il sistema solare non è affatto tipico. Pochi sistemi esoplanetari sono come il nostro.

READ  Il frame rate più alto di sempre per un'eclissi solare su Marte

Il 14 febbraio 1990, la navicella spaziale Voyager 1 della NASA, che si trovava a circa sei miliardi di chilometri di distanza e aveva lasciato il sistema solare, si guardò indietro e scattò una foto della Terra. Mostrava il nostro pianeta come un piccolo punto azzurro pallido contro l’oscurità dello spazio; Era solo un altro punto nel cielo.

L’astronomia è cambiata da una scienza che mirava a migliorare la nostra comprensione di ciò che accade “là fuori” a una scienza che lavora anche per migliorare la nostra comprensione di ciò che accade “qui”.

•••

• Saturno si trova a sud dopo il tramonto e Giove è a est.

• Il sorgere di Venere nelle prime ore della notte.

• La luna sarà piena il 27 novembre

Questo articolo è stato scritto da o per conto di un editorialista esterno e non riflette necessariamente le opinioni di Castanet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *