L’artista giapponese della carta “washi”, con sede in Italia, crea video di YouTube che fungono da ponte

Kochi – Un paper artist giapponese “washi” residente in Italia ha realizzato dei video su YouTube che mostrano gli artigiani diventare un ponte tra i due paesi.

Sette video che mostrano gli artigiani partecipanti in ciascuno dei due paesi sono stati creati da questi, tra cui Miko Yokoyama, 45 anni, un artista giapponese della carta a mano con sede in Italia di Aki, una città nel Giappone occidentale, nella prefettura di Kochi. Yokoyama mira a incoraggiare indirettamente lo scambio culturale tra i due paesi attraverso video dopo aver annullato gli eventi che aveva pianificato durante la pandemia di coronavirus.



Questa schermata da un video di YouTube mostra una pagina di un libro restaurata con carta giapponese washi.

In uno dei video, si vede un restauratore italiano attaccare abilmente un foglio di carta washi sottile e trasparente su carta occidentale, dicendo: “Ci sono diversi tipi e colori. La carta Washi è molto importante perché originariamente non avevamo diversi tipi di carta. carta washi per lavori di restauro. ” In un altro video, i produttori di carta nella città di Ino, nella prefettura di Kochi, dove viene prodotto il tosa-wasi, mostrano scene che coinvolgono la polpa raccolta per produrre carta giapponese. C’è anche una scena in cui gli artigiani chiedono: “Come si fa la carta in Italia e come si usa?”

Yokoyama, che ha prodotto i video, è un’artista fiorentina che lavora al suo unico “Washi-Arte”, dove strappa foglie di washi e crea foto su nastro. Usa principalmente Tosa-washi per le sue opere d’arte e si è impegnata a familiarizzare con i washi. L’artista ha anche organizzato laboratori per i locali per sperimentare l’uso della carta.

Tuttavia, in mezzo alla pandemia di coronavirus, l’Italia è precipitata in una situazione pericolosa poiché le uscite sono limitate e i trasgressori sono soggetti a multe. Di conseguenza, una serie di seminari di Yokoyama e altri eventi sono stati cancellati. Durante quel periodo, ho avuto una potenziale idea di intervistare persone coinvolte in giornali nei due paesi e incoraggiare l’interazione pubblicando video.

READ  'Luca' porta il pubblico in Italia, ma per uno degli animatori del film il viaggio inizia ad Aurora



Questa schermata di un video di YouTube mostra un produttore di carta a Inu, nella prefettura di Kochi, che presenta un impianto utilizzato per produrre carta.

Ogni video dura dai cinque ai 15 minuti. Yokoyama ha avviato il progetto intorno a marzo 2020 e da dicembre lo ha pubblicato sul suo canale YouTube “Meiko Yokoyama” (https://m.youtube.com/channel/UCpqKdysSot60mRLY9sHeRqA).

Cinque video sono stati girati da Yokoyama e altri in Italia, e gli altri due sono stati girati in Giappone dai dipendenti dell’Ino-cho Paper Museum che Yokoyama conosce bene. Ha spiegato che le melodie nei video sono state composte appositamente da un direttore musicale del Teatro Comunale di Firenze.

“Con persone coinvolte in giornali di tutto il mondo che guardano i video, spero che il Paper Bridge si diffonda”, ha detto Yokoyama. “Voglio anche che le persone che non sono direttamente coinvolte nel giornale guardino e sarei felice se sentissero il fascino dei materiali in varie forme”.

(Origine giapponese di Yosuke Kore, ufficio di Kochi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *