L’aggiornamento TOS di Twitch vieta a tutti il ​​multicasting su piattaforme “simili a Twitch”.

L’aggiornamento TOS di Twitch vieta a tutti il ​​multicasting su piattaforme “simili a Twitch”.

pubblicato: 2023-06-07 T15:08:02

aggiornato: 2023-06-07 T15:08:14

Un nuovo aggiornamento dei Termini di servizio di Twitch vieta a tutti di trasmettere in multicast su piattaforme “simili a Twitch”, comprese le società non affiliate.

Il 6 giugno 2023, Twitch ha rivelato un aggiornamento alle sue linee guida sui contenuti di marca che ha attirato il contraccolpo dei suoi più grandi creatori e potrebbe influenzare gli stream per beneficenza ed eSport.

Ma non è tutto ciò che hanno aggiornato, poiché la piattaforma di proprietà di Amazon ha anche rilasciato diversi aggiornamenti ai propri termini di servizio.

Uno di questi aggiornamenti include una nuova sezione di simulcasting, che vieta a tutti il ​​multicasting su piattaforme “simili a Twitch” come Youtube E calcio.

L’articolo continua dopo l’annuncio

L’aggiornamento TOS di Twitch vieta a tutti il ​​multicasting

Nell’agosto 2022, Twitch ha rivelato che i partner e gli affiliati erano in grado di trasmettere in multicast su altre piattaforme purché fossero “servizi mobili in forma abbreviata” come Instagram e TikTok Live.

Da allora, la clausola è stata menzionata solo nelle Linee guida per partner e affiliati, ma a partire dal 31 maggio, È stato aggiunto ai termini di servizio che regolano l’intero sito.

Ciò significa che tutti gli utenti della piattaforma, comprese le società non affiliate, non possono più trasmettere in multicast a piattaforme come YouTube e Kick.

L’articolo continua dopo l’annuncio

L’aggiornamento al TOS ha mantenuto le stesse regole stabilite nelle linee guida precedenti per gli streamer affiliati e partner, per fortuna, quindi i creatori di Twitch possono ancora trasmettere in multicast a piattaforme mobili come Instagram e TikTok senza alcun problema.

READ  Dai un'occhiata ai primi cinque minuti di Man Who Fell to Earth di Showtime

Queste linee guida inoltre non vietano ai creatori di trasmettere su altre piattaforme separatamente da Twitch, il che significa che gli utenti possono comunque eseguire lo streaming su YouTube e Kick purché non trasmettano anche sull’app viola.

Abbiamo contattato Twitch per chiarire anche l’aggiornamento e aggiorneremo questo articolo se commentano la modifica.

L’articolo continua dopo l’annuncio

Nel frattempo, vai a leggere le scuse di Twitch in seguito al contraccolpo sulle sue linee guida sui contenuti di marca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *