L’adolescente e il giovane di 77 anni mostrano che l’Italia è sulla buona strada per il successo nel powerlifting – International Weightlifting Federation

L’adolescente e il giovane di 77 anni mostrano che l’Italia è sulla buona strada per il successo nel powerlifting – International Weightlifting Federation

Un atleta e allenatore in pensione con una differenza di età di 60 anni rappresenta la salute passata e futura dei sollevatori di pesi italiani nella sesta giornata dei Campionati Mondiali Giovanili IWF a Durazzo, in Albania.

Nella sua seconda competizione internazionale, Simon Abate (ITA) a 15 kg e 78 kg ha intensificato le prestazioni per finire secondo nei 96 kg maschili dietro a Sami-Baki Kim (TUR).

Abati è andato molto vicino a fare un sei su sei ma non è riuscito nel suo ultimo tentativo, lasciando Kimmitt a respingere il suo ultimo sollevamento a 145-180-325. Abate Ft. 144-173-317. È stata una prestazione impressionante per entrambi gli uomini, che hanno preceduto Ashot Margaryan (ARM) al terzo posto con un 137-163-300.

Abate era arrivato quinto e ultimo nella sua unica competizione precedente, i Campionati Europei Under 15 nel 2021, quando ha sollevato nella divisione 81 kg e ha raggiunto un totale di 239 kg. Sono passate poche settimane da quando l’Italia ha vinto più medaglie di qualsiasi altra nazione europea alle Olimpiadi di Tokyo, un’impresa che mirano a ripetere a Parigi mentre il loro programma di sviluppo a lungo termine continua a dare i suoi frutti.

Guarda al Ramadan Ngala Sports Complex, dove Abate ha vinto la prima medaglia italiana in totale questa settimana, è il 77enne Salvatore Scarantino, che ha svolto un ruolo importante nella storia del sollevamento pesi italiano per sette decenni.

Salvatore detiene lo stesso titolo per una delle famiglie di sollevamento pesi più famose d’Italia, che questa settimana solleva i suoi membri più giovani a Durazzo. Ma non è imparentato con i tanti atleti olimpici Giovanni e Mirko Scarantino. Il collegamento è che vengono tutti dalla stessa città, Caltanissetta in Sicilia, che grazie all’intervento di Salvatore è diventata la “capitale del sollevamento pesi” d’Italia.

READ  Allarme in Italia a causa del virus Corona. Sono state rinviate 88 partite, compresa quella della squadra di Vasiliy Mojo

Ma per quanto riguarda la decisione di Salvatore di portare il sollevamento pesi a Caltanissetta nel 1968, Giovanni Scarentino potrebbe non essere arrivato a Seoul 1988, Barcellona 1992 e Atlanta 1996, e suo figlio Mirko, recentemente andato in pensione, a Londra 2012 e Rio 2016.

Forse anche Antonio Orso, segretario generale IWF, 12 volte campione nazionale e responsabile del piano di sviluppo a lungo termine come presidente della Federazione italiana pesistica, potrebbe non essersi mai avvicinato a questo sport.

“Nel sollevamento pesi non c’è nessun altro posto al mondo come Caltanissetta, ea Salvatore Scarantino si deve l’entusiasmo della città per il nostro sport” ha detto Orso, che è del capoluogo regionale con una popolazione di 63.000 abitanti. “Nessuno parla di calcio a Caltanissetta, solo sollevamento pesi”.

Salvatore era nei vigili del fuoco e voleva praticare uno sport indoor in caserma per aiutare a mantenere in forma i vigili del fuoco. Quando stava guardando la copertura televisiva in diretta delle Olimpiadi di Città del Messico del 1968, decise che il sollevamento pesi sarebbe andato bene.

Quando ha chiesto aiuto, il famoso allenatore Roberto Miliaccio è stato mandato da Roma ed è rimasto per due anni, allenando atleti e allenatori. Lo stesso Salvatore è stato il primo allenatore del Caltanissetta, ed è stato attivo per più di 50 anni fino al suo ritiro due anni fa.

Caltanissetta è la città più importante del sollevamento pesi italiano. Salvatore ha detto all’intervallo durante la gara di Abate. “Abbiamo avuto grandi allenatori: Ettore Pellato, Salvatore Parla, Maurizio Sardo e ora Alessandro Spinelli in Nazionale.

“Abbiamo avuto 42 atleti di Caltanissetta in nazionale, sei alle Olimpiadi, e vinto oltre 500 campionati nazionali. Ce ne saranno molti di più”.

Uno di loro potrebbe essere Claudio Scarantino, il fratello di Mirko che questa settimana ha compiuto 17 anni. Claudio, che ha vinto l’European Youth Medal l’anno scorso, qui ha fatto solo due buoni sollevamenti da 61 kg, ma è sicuramente uno per il futuro.. “Se mantiene i suoi progressi, otterrà sicuramente buoni risultati”, ha detto. disse Orso.

READ  A giudicare la squadra del Galles per affrontare l'Italia, dove Wayne Bevac sorprende tutti

Giovanni e Mirko ora stanno aiutando la loro doula a scendere dal palco. Giovanni sta formando e selezionando giovani talenti in un progetto speciale in cui la Federazione Italiana Pesistica (FIPE) ha investito 400.000 euro.

Mirko, l’11 volte campione europeo, si è ritirato il mese scorso e ora si concentrerà sull’allenamento e sugli sport universitari. “Vogliamo che tutti i nostri migliori talenti entrino nell’università atletica. Abbiamo bisogno di persone come loro in modo da poter utilizzare la loro esperienza di powerlifting d’élite “, ha affermato. disse Orso.

C’è stata una sorpresa oggi nell’altro medagliere di Durazzo, i 76kg femminili. Ella Nicholson (USA) sperava di qualificarsi per i Campionati Panamericani Giovanili in Venezuela ad agosto con alcune migliori alzate personali – e lo ha fatto con stile battendo tutti e tre i record continentali giovanili e vincendo un titolo mondiale.

Nicholson, 16 anni, è arrivato allo sport attraverso CrossFit e proviene da una famiglia attiva. Sua madre fa CrossFit, suo fratello è appassionato di wrestling e calcio e anche suo padre va in palestra.

“Tutte le donne forti nel powerlifting e nel CrossFit mi motivano, le guardo e voglio essere come loro”, dice. Lei disse. “Sono stato sulla pista di sollevamento pesi nelle ultime otto settimane e continuerò sicuramente”.

Nicholson ha realizzato 101-121-222, ottenendo un record personale pulito e stellare di 7 kg. Questo l’ha portata davanti al vincitore dello scorso anno, Rahma Ahmed (Egitto), con un punteggio di 99-122-221. Ahmed doveva raggiungere i 124 kg nel suo ultimo tentativo di vincere il titolo, ma i suoi allenatori non sono riusciti a inserire il peso corretto al momento giusto. Anna Imroyan (Armenia) si è classificata al terzo posto con un punteggio di 88-116-204.

READ  Novak Djokovic è al centro del dramma “inquietante” dell'Open d'Italia

Scritto da Brian Oliver dentro i giochi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *