La storia di Anna Frank torna alla nuova generazione a Cannes

“Era importante raggiungere un pubblico più giovane attraverso Anne Frank”, afferma il regista.

Cannes: il nuovo film d’animazione presentato al Festival di Cannes vede l’amica immaginaria di Anne Frank, Kitty, come una forza guida, che cerca di ricollegare una delle storie decisive dell’Olocausto contro gli ebrei della Seconda Guerra Mondiale ai giorni nostri – e un nuovo pubblico.

Di Waltz con il creatore di Bashir Ari Follman, Dov’è Anna Frank? Va oltre la narrazione del diario di Frank, scritto dall’adolescente quando si nascose con la sua famiglia durante l’occupazione nazista dei Paesi Bassi.

Attraverso Kitty, che è balzata dalle pagine all’Olanda contemporanea, Vollmann racconta la storia a una generazione di adolescenti in jeans strappati e berretti da baseball, sullo sfondo della crisi dei rifugiati in Europa che solleva nuovi dilemmi per personaggi e spettatori.

“Ho dovuto inventare qualcosa di nuovo. Non potevo fare il diario così com’era”, ha detto Follman. Reuters In un’intervista, aggiungendo che “era importante per me raggiungere un pubblico più giovane il più possibile… per vedere cosa portiamo dalla storia di Anna Frank nelle nostre vite oggi”.

Il film d’animazione – riccamente disegnato in stili mutevoli, tra cui Anne e Kitty che scatenano la loro immaginazione per ribellarsi e combattere l’esercito nazista – ci sono voluti anni per essere realizzato ed è stato influenzato dagli eventi attuali.

Il film usa anche l’umorismo per connettersi con il suo pubblico, mettendo in evidenza clip divertenti dal libro di memorie di Anne – come un ospite di una fiera scoreggia – o strizzatine d’occhio dei giorni nostri, come un’apparizione del cantante americano Justin Bieber al Museo di Anna Frank.

“Penso di dover rompere l’icona. Anne Frank era più di un’icona… Era un’adolescente, aveva tutti i classici problemi dell’adolescenza: odiare sua madre, grandi litigi, invidiare sua sorella”, ha detto Follman.

READ  I fan in Cina si sono indignati dopo che Lady Gaga è stata censurata

Follmann, i cui genitori erano sopravvissuti all’Olocausto, ha detto di aver letto per primo Il diario di Anna Frank Quando aveva 14 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *