La Siria condanna la visita del generale americano nel nord-est controllato dai curdi | Notizie di politica

La Siria condanna la visita del generale americano nel nord-est controllato dai curdi |  Notizie di politica

Il Dipartimento di Stato condanna la visita a sorpresa di Mark Milley, definendola “illegale”, secondo i resoconti dei media ufficiali.

Il ministero degli Esteri siriano ha denunciato una visita a sorpresa di un alto ufficiale militare statunitense a una base militare nella Siria nord-orientale controllata dai curdi, definendola “illegale”, hanno riferito i media statali.

Il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, durante la sua visita a sorpresa sabato, ha incontrato le forze statunitensi di stanza nelle aree della Siria devastate dalla guerra sotto il controllo delle forze democratiche siriane a guida curda.

Circa 900 soldati statunitensi sono dispiegati in diverse basi e località nel nord-est della Siria come parte della lotta contro i resti dello Stato islamico (ISIS).

Domenica scorsa, l’agenzia ufficiale di stampa siriana (SANA) ha citato un funzionario del ministero degli Esteri che ha affermato: “La Siria condanna fermamente la visita illegale del capo di stato maggiore statunitense a una base militare statunitense illegale nel nord-est della Siria”.

Il funzionario ha aggiunto, secondo SANA, che la visita di Milley è stata una “flagrante violazione della sovranità e integrità” del territorio siriano, invitando “l’amministrazione Usa a cessare immediatamente la sua sistematica e continua violazione del diritto internazionale e il sostegno ai gruppi separatisti armati. “

Il governo del presidente Bashar al-Assad vede il dispiegamento delle forze statunitensi nel territorio detenuto dalle SDF come una “occupazione” e accusa le forze curde alleate degli Stati Uniti di “tendenze separatiste”.

I funzionari curdi negano qualsiasi aspirazione separatista e affermano di cercare di preservare la loro autonomia, che Damasco non riconosce.

Il portavoce di Milley, Dave Butler, ha detto ad Agence France-Presse che il generale americano “ha visitato la Siria nord-orientale sabato… per incontrare comandanti e soldati”.

READ  Il presidente del Messico pubblica una foto di quello che dice essere un nano - ma la foto ha una storia - patriottica

Il portavoce ha affermato che questa è stata la prima visita di Milley in Siria da quando ha assunto la presidenza nel 2019. In precedenza aveva visitato il paese come capo dell’esercito.

Butler ha aggiunto che durante la visita, Milley “ha ricevuto aggiornamenti sulla missione anti-ISIS”.

Il generale ha anche “ispezionato le misure di protezione della forza e confermato gli sforzi di rimpatrio nel campo profughi di Al-Hol”, che ospita più di 50.000 persone, compresi i familiari di sospetti combattenti stranieri dell’Isis che non sono stati rimpatriati dai loro paesi d’origine.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti che combatte l’ISIS fornisce supporto alle forze democratiche siriane, guidate dalle unità di protezione del popolo curdo siriano.

Dopo che i combattenti dell’ISIS hanno perso l’ultimo del loro territorio a causa delle forze guidate dalle SDF nel 2019, le SDF hanno represso i resti dell’ISIS, i cui membri continuano a organizzare attacchi mortali in Siria.

Le forze statunitensi hanno ucciso o arrestato figure dell’ISIS in molte operazioni, incluso il leader dell’organizzazione Abu Bakr al-Baghdadi nel 2019.

Il 19 febbraio, l’esercito americano ha affermato che le forze che lavorano con le SDF hanno catturato un funzionario regionale dell’ISIS.

Il comando centrale dell’esercito americano ha affermato che il raid è avvenuto il giorno dopo che quattro soldati statunitensi sono rimasti feriti mentre eseguivano un altro raid per uccidere un alto leader dell’ISIS nel nord-est della Siria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *