Boris Johnson mette la palla dalla parte dell’Unione Europea: “Speriamo che i nostri amici europei restino ragionevoli e facciano loro stessi un’offerta” | all’estero

Secondo Michel Barnier, capo negoziatore della Brexit, restano solo “ore utili” per negoziare un accordo commerciale tra Regno Unito e Unione Europea. Barnier ha detto che il “momento della verità” era arrivato. Il primo ministro britannico Boris Johnson mette la palla dalla parte dell’Unione europea: “Ci auguriamo che i nostri amici europei rimangano ragionevoli e facciano loro stessi un’offerta. Questo è effettivamente dove siamo ora”.




“Siamo di fronte a un momento di verità – hanno detto i francesi al Parlamento europeo -. Rimane pochissimo tempo, solo poche ore utilizzabili, se vogliamo raggiungere un accordo che entri in vigore il primo gennaio”.

Il più grande ostacolo

A quanto pare, l’accesso dei pescatori britannici ed europei alle acque dell’altro è l’ultimo ostacolo per i negoziatori. Tuttavia, non è chiaro se la squadra di Barnier e la loro controparte britannica David Frost troveranno una soluzione.

“La nostra porta è aperta. Continuiamo a parlare. Ma devo ammettere che sembra difficile.” Boris Johnson ha detto venerdì: “C’è una lacuna da colmare.” Questo è effettivamente dove siamo adesso. “

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto intorno alle 13:00 BST che la situazione “sembra difficile”. Secondo lui, l’Unione europea dovrebbe “venire al tavolo dei negoziati con qualcosa”. “Devono rendersi conto che il Regno Unito deve essere in grado di controllare le sue leggi, che è ciò per cui la gente ha votato. Dobbiamo anche essere in grado di controllare le nostre acque ei nostri diritti di pesca. Se l’Unione europea non lo farà, torneremo sui termini regolamentari. Commercio globale. Sarà difficile all’inizio, ma alla fine prospereremo “.

READ  I dettagli completi dell'attacco del Congresso ... sconvolgeranno molti!

Il presidente europeo Michel Barnier. © AP

Il periodo di transizione termina

L’accordo sulle relazioni bilaterali tra il Regno Unito e l’Unione europea entrerà in vigore il 1 ° gennaio, dopo la fine del periodo di transizione post-Brexit. Dopo il nuovo anno, anche il Regno Unito si ritirerà dal mercato interno europeo e l’unione doganale e dovranno essere pronti nuovi accordi. Altrimenti, è “nessun accordo”.

Ieri il Parlamento europeo ha espresso la volontà di organizzare un’ulteriore sessione plenaria alla fine di dicembre per l’approvazione dell’accordo sulla Brexit. La condizione, ovviamente, è che questo accordo venga raggiunto e al più tardi domenica a mezzanotte.

“Ci saranno comunque controlli alle frontiere.”

Ci saranno comunque controlli di frontiera al confine tra il Regno Unito e l’UE, indipendentemente dal fatto che esista o meno un accordo commerciale. Lo ha avvertito intanto l’European Sea Ports Organization (ESPO), la quale afferma che alcune compagnie sembrano sperare che questi controlli non vengano effettuati se Unione Europea e Regno Unito riusciranno ancora a raggiungere un accordo.

“Dal 1 ° gennaio 2021, le società commerciali tra l’Unione europea e il Regno Unito saranno tenute a osservare i controlli alle frontiere e garantire che forniscano i moduli e le informazioni corrette alle dogane per spostare le loro merci oltre i confini”, ha affermato ESPO. “L’incertezza sull’esito finale dei negoziati sulla Brexit e la speranza di un accordo sembrano creare un malinteso tra alcune aziende che possono ancora evitare i giornali”.

Pertanto, ESPO ei suoi membri, compresi i porti belgi, desiderano garantire che questi controlli alle frontiere saranno comunque in vigore, indipendentemente dall’esito dei colloqui sulla Brexit. Pertanto le aziende devono prepararsi in modo da avere a disposizione i documenti e le informazioni necessarie. In caso contrario, le loro merci sarebbero state fermate nei porti. Ciò può portare a colli di bottiglia nei porti e compromettere seriamente la resilienza e l’affidabilità delle catene di approvvigionamento sostenibili. I porti stessi hanno fatto del loro meglio per prepararsi al 1 ° gennaio.

Circa la metà delle importazioni ed esportazioni del Regno Unito da e verso l’Unione europea. Per alcuni stati membri dell’Unione Europea, il commercio con il Regno Unito rappresenta una parte significativa delle sue attività commerciali totali. La maggior parte dei prodotti viene trasportata via mare e quindi passa attraverso i porti marittimi.

ESPO ha annunciato che spera di concludere un accordo commerciale tra l’Unione europea e il Regno Unito. Ciò si tradurrà in un sistema di commissioni che manterrà la crescita commerciale ed economica, ma assicurerà anche una forte cooperazione futura tra l’Unione europea e il Regno Unito. Inoltre attenuerebbe l’impatto dei controlli alle frontiere sul commercio “.

Questa mattina, a Calais, ci sono stati nuovamente ingorghi lunghi chilometri verso il porto dei traghetti per i camion che volevano attraversare il Regno Unito.

Questa mattina, a Calais, ci sono stati nuovamente ingorghi lunghi chilometri verso il porto dei traghetti per i camion che volevano attraversare il Regno Unito. © Reuters

Presidente del porto di Calais: l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea non dovrebbe portare al caos ai confini

Tuttavia, secondo Jean Marc Boiseu, la Brexit non porta necessariamente al caos nel trafficato porto di Calais. Puissesseau ha sottolineato che era imperativo che le aziende seguissero correttamente le procedure. “Brexit non è sinonimo di caos. Non è sinonimo di ingorghi. Se le dichiarazioni doganali vengono completate in tempo, non vedo alcun problema”, ha detto Boissiso all’agenzia di stampa Reuters.

Le aziende temono che la fornitura di beni venga interrotta se l’affare non va a buon fine. Puissesseau ha assicurato che il suo porto era comunque pronto per la nuova situazione. Milioni di euro sono stati investiti nella nuova infrastruttura. Calais si trova a decine di chilometri dal Regno Unito ed è un importante punto di transito.

Nonostante le parole incoraggianti del porto francese, i funzionari doganali francesi ammettono che non è chiaro quanto siano preparate le compagnie di altri paesi europei. I camion di tutta l’Unione Europea vanno nel Regno Unito e tornano via Calais. Forse dovrebbero tener conto di più burocrazia.

“Attualmente abbiamo a che fare con due virus: Brexit e Corona virus”, ha detto Boissiso. Ha espresso la speranza che il prossimo anno ci sarebbe più chiarezza sulla Brexit e che il virus sarebbe poi stato combattuto con successo. I turisti torneranno nel 2022. Non sono pessimista riguardo al futuro “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *