La Red Bull prevede di trasferire Tsunoda in Italia per aiutare a ricostruire la fiducia

Tsunoda è passato alla F1 per il 2021 dopo essere arrivato terzo nel campionato F2 lo scorso anno, e ha recitato nel ruolo da protagonista mentre lo caricava al nono posto in Bahrain.

Ma il pilota giapponese da allora non è riuscito a segnare punti, con Imola che ha raggiunto un punto basso notevole quando è uscito dalle qualificazioni e poi è corso dentro la zona punti.

Il consigliere della Red Bull Marko è stato efficace nel rapido aggiornamento di Tsunoda al posto di F1 che lo ha visto passare dalla F4 in sole quattro stagioni.

Ha ammesso che l’inizio della stagione di Tsunoda è stato “davvero fantastico”, ma ha ritenuto che l’eccessiva sicurezza di sé avesse portato ad alcuni errori, spingendo la Red Bull a trasferire il 21enne dall’Inghilterra all’Italia in modo da essere più vicino ad AlphaTauri.

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02

Fotografia: Jerry Andre / Foto di sport motoristici

“Tentare di superare Hamilton sulla pista bagnata di Imola è una manovra audace, e ovviamente è stato commesso un errore – questo è stato il testacoda che lo ha portato fuori dai punti”, ha detto Marco in un’intervista alla rivista sorella di Autosport Formel1.de.

“Ora abbiamo deciso che si trasferirà in Italia, dove è sotto la sorveglianza personale di Franz Toast.

“Ora il giovane deve concentrarsi e imparare che la Formula 1 è lo sport più difficile del motorsport. Di conseguenza, anche il lavoro e l’approccio devono essere professionali”.

Il team leader di AlphaTauri Tost, Marco, ha dichiarato che supervisionerà e organizzerà la routine quotidiana di Tsunoda, concentrandosi anche su “un sacco di fitness, kart, opere d’arte di fabbrica, lettura di dati e simili”.

READ  Viaggio al cuore delle VLT, un must per i giocatori italiani

Leggi anche:

Tsunoda ha già realizzato una serie di aree che dovrebbe migliorare, tra cui controllare maggiormente le sue emozioni sulla radio della squadra e scusarsi con il Team AlphaTauri dopo una baldoria dopo la qualificazione in Spagna.

Alla domanda se la fiducia in se stessi di Tsunoda fosse una preoccupazione dopo l’incidente aereo di Imola, Marco ha risposto: “Sì, lo sviluppo non è stato decisamente positivo.

Ma con gli errori che sono accaduti, è chiaro che anche la fiducia in se stessi ha subito un duro colpo.

“Ecco perché trasferirsi dall’Inghilterra all’Italia. Le possibilità ci sono ancora. Ma ora dobbiamo metterlo sulla buona strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *