La polizia reprime i manifestanti contro la guerra in Russia

La polizia ha arrestato più di 2.000 persone durante proteste contro la guerra in 48 città della Russia domenica, secondo un gruppo di monitoraggio delle proteste, mentre le persone hanno sfidato le autorità per esprimere la loro rabbia per l’invasione russa dell’Ucraina.

Dall’inizio dell’invasione giovedì, più di 5.500 persone sono state arrestate in varie proteste contro la guerra, secondo un monitor OVD-Info, che da anni documenta la repressione del dissenso russo.

A Mosca, la polizia antisommossa era più numerosa dei manifestanti, alcuni portavano cartelli scritti a mano con striscioni della pace e slogan contro la guerra in russo e ucraino. Alcuni indossavano maschere con la parola “Basta” scritta sul davanti.

Un manifestante che indossa una maschera sul viso con la scritta “No alla guerra” si trova davanti a una fila di agenti di polizia durante una manifestazione nel centro di San Pietroburgo domenica. (Sergei Mikhalichenko/AFP tramite Getty Images)

Un giornalista del canale televisivo indipendente DZD è stato arrestato durante le proteste, nonostante fosse stato dimostrato che dipendeva dalla polizia e indossava una giacca da stampa.

Fuori dal negozio di lusso Gostiny Dvor nel centro di San Pietroburgo, centinaia di manifestanti contro la guerra stavano insieme, allacciavano le pistole e cantavano.

Per le strade di Mosca, domenica i manifestanti hanno fatto sentire la loro voce contro l’invasione russa dell’Ucraina. (Evgenia Novizinina/Reuters)

Le proteste di domenica hanno coinciso con il settimo anniversario dell’omicidio del politico dell’opposizione Boris Nemtsov.

Un testimone della Reuters ha detto che alcuni degli arresti a Mosca sono avvenuti in un memoriale improvvisato appena fuori dal Cremlino, nel luogo in cui è stato ucciso Nemtsov.

“No alla guerra”, ha gridato un manifestante mentre la polizia lo trascinava via.

Gli agenti di polizia hanno arrestato un manifestante nel centro di San Pietroburgo domenica. Fuori dall’esclusivo negozio del centro di Gostiny Dvor, centinaia di persone stavano insieme, legavano pistole e applaudivano. (Sergei Mikhalichenko/AFP tramite Getty Images)

Nemtsov è stato un importante critico del presidente Vladimir Putin, dell’annessione della Crimea alla Russia nel 2014 e del sostegno di Mosca ai separatisti filo-russi in Ucraina, che alla fine hanno portato a quella che Putin ha descritto come una “operazione speciale” per proteggere le due regioni separatiste anche se le sue forze stanno combattendo in loro. Più in generale Ucraina.

Gli alleati occidentali dell’Ucraina hanno imposto sanzioni senza precedenti in risposta all’invasione terrestre, marittima e aerea della Russia.

Putin ha ordinato alla sua leadership militare di mettere in allerta le forze armate nucleari domenica mentre i combattenti ucraini che difendevano la città di Kharkiv hanno affermato di aver respinto un attacco invadendo le forze russe.

Decine di migliaia di persone hanno manifestato in tutta Europa domenica contro l’invasione russa e 100.000 persone hanno manifestato a Berlino in solidarietà con l’Ucraina.

Immagini | Persone in tutto il mondo manifestano in solidarietà con l’Ucraina:

READ  Kanye afferma che Trump è stato "davvero commosso" dopo l'incontro con i revisionisti dell'Olocausto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.