La Norvegia ospita incontri talebani sulla crisi umanitaria in corso in Afghanistan

Una delegazione talebana è arrivata in Norvegia per colloqui con il governo norvegese e diversi paesi alleati sull’allentamento della crisi umanitaria in Afghanistan, nonché per incontri con attivisti della società civile e difensori dei diritti umani del paese.

Il ministero degli Affari esteri norvegese ha dichiarato venerdì di aver invitato i rappresentanti del movimento talebano a Oslo da domenica a martedì.

“Questi incontri non rappresentano la legittimità o il riconoscimento dei talebani. Ma dobbiamo parlare con le autorità de facto del Paese”, ha affermato in una nota il ministro degli Esteri Anken Hoetfeldt.

Non possiamo permettere che la situazione politica porti a un disastro umanitario ancora peggiore”.

Hoytfeldt ha anche affermato che le condizioni economiche e politiche in Afghanistan hanno causato “una massiccia catastrofe umanitaria per milioni di persone” che affrontano la fame.

I governi di tutto il mondo stanno lottando su come frenare la crescente crisi umanitaria in Afghanistan senza riconoscere formalmente i talebani, saliti al potere il 15 agosto 2021, con il ritiro delle forze straniere.

Guarda | Milioni di bambini in Afghanistan affrontano la malnutrizione:

3,2 milioni di bambini in Afghanistan soffriranno di malnutrizione questo inverno: ONU

Le Nazioni Unite stimano che quasi 3,2 milioni di bambini in Afghanistan soffriranno di malnutrizione questo inverno, a meno che non vengano forniti importanti aiuti internazionali. Il Canada ha recentemente promesso 56 milioni di dollari per aiutare le organizzazioni nel paese, con altri che arriveranno in una data successiva non specificata. 2:17

Il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha avvertito all’inizio di questo mese che l’Afghanistan sta affrontando uno “tsunami di fame” mentre il paese vacilla sull’orlo del collasso economico.

READ  Il procuratore distrettuale assegna alla regione di Atlanta un gran giurì speciale per indagare sull'interferenza elettorale di Trump

L’organizzazione ha affermato che 22,8 milioni di persone affrontano una grave carenza di cibo, di cui 8,7 milioni sono sull’orlo della fame.

Mary Ellen McGorty ha esortato la comunità internazionale a porre l’imperativo umanitario al di sopra delle discussioni politiche ed evitare il disastro assicurandosi che miliardi di aiuti continuino ad arrivare nel paese.

È probabile che i diritti delle donne e delle ragazze siano all’ordine del giorno

È probabile che i diritti delle donne e delle ragazze in Afghanistan siano in primo piano nei colloqui, insieme alla reiterata richiesta dell’Occidente affinché l’amministrazione talebana condivida il potere con le minoranze etniche e religiose dell’Afghanistan.

Il viaggio arriva sabato quando la Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan ha invitato i talebani a trovare due attiviste per i diritti delle donne – Tamana Zaryab Baryani e Parawana Ibrahimkhel – scomparse mercoledì da Kabul.

“Esortiamo i talebani a fornire informazioni su dove si trovano e a proteggere i diritti di tutti gli afgani”, ha affermato sabato la Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan in un tweet. I talebani hanno negato qualsiasi coinvolgimento nella loro scomparsa.

Un testimone oculare ha affermato che almeno 10 militanti che affermano di essere membri dell’intelligence talebana hanno fatto irruzione in un appartamento mercoledì a Kabul e hanno arrestato Tamana Zaryab Baryani e le sue tre sorelle.

READ  Le accuse sono cadute contro Buffalo, New York, mentre gli agenti sono visti in una videocassetta che spingeva a terra un anziano attivista

L’attivista per i diritti delle donne ha pubblicato un video sui social media poco prima che venissero portate via, mostrandole spaventate, senza fiato e chiedendo aiuto. Ha detto che i talebani stavano bussando alla sua porta.

Baryani era tra le circa 25 donne che lo scorso fine settimana hanno preso parte a una manifestazione anti-talebana contro il velo islamico obbligatorio per le donne.

L’Unione Europea ripristina la sua presenza fisica in Afghanistan

L’Unione europea ha dichiarato venerdì che stava ripristinando la sua presenza fisica in Afghanistan per scopi umanitari, ma ha sottolineato che non riconosce ufficialmente l’amministrazione guidata dai talebani.

Questa è la prima dichiarazione del genere da parte di una potenza occidentale dai 27 paesi dell’Unione Europea e dal ritiro di molti funzionari e diplomatici del governo dall’Afghanistan quando Kabul è caduta in mano ai talebani.

Un portavoce del ministero degli Affari esteri a nome dei talebani in precedenza ha affermato in un tweet su Twitter che i suoi funzionari hanno raggiunto un’intesa con l’Unione europea, che “ha ufficialmente aperto la sua ambasciata con una presenza permanente a Kabul e ha praticamente iniziato le sue operazioni. “

Un portavoce dell’UE non ha detto che la missione è stata ufficialmente riaperta.

“La nostra minima presenza a Kabul non deve in alcun modo essere vista come una confessione. Le autorità de facto ne sono state chiaramente informate”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.