La NASA si prepara a rifornire il telescopio James Webb per il lancio il 18 dicembre

1/5

La NASA si prepara a rifornire il telescopio James Webb per il lancio il 18 dicembre

L’imponente specchio principale del telescopio spaziale James Webb della NASA è sottoposto a test a Houston. Foto di Chris Jean/NASA | immagine della licenza

novembre 2 (UPI) – La NASA è nelle fasi finali dei preparativi per il lancio di quasi 10 miliardi di dollari James Webb Un telescopio spaziale, una meraviglia ingegneristica che potrebbe svelare i segreti del tempo e dell’universo, dal Sud America il 18 dicembre.

I tecnici si stanno preparando a caricare l’osservatorio spaziale con carburante che lo alimenterà per un massimo di 13 anni mentre orbita intorno al sole a circa un milione di miglia dalla Terra, hanno detto i funzionari della NASA martedì in una conferenza stampa.

Il telescopio dovrebbe dispiegare un enorme scudo solare delle dimensioni di un campo da tennis per mantenere il dispositivo a infrarossi abbastanza fresco da poter vedere a miliardi di anni luce di distanza.

“James Webb è stato progettato con obiettivi molto nobili per guardare indietro nel tempo di 13,5 miliardi di anni per vedere le prime galassie che si sono formate nell’universo”, ha affermato Begonia Villa, Webb Instrument Systems Engineer della NASA.

La navicella osserverà anche le prime stelle – la prima luce dell’universo – che erano 300 volte più massicce del nostro sole, ha detto.

I potenti strumenti a infrarossi del telescopio sono progettati per vedere più chiaramente e alcune centinaia di milioni di anni luce più lontano del telescopio spaziale Hubble, lanciato nel 1990.

L’osservazione più distante del telescopio Hubble era la galassia GN-z11, a circa 32 miliardi di anni luce di distanza, ma l’immagine era debole.

Il nuovo telescopio è un progetto congiunto con agenzie spaziali in Europa, Francia e Canada. Il contributo europeo alla missione è il lancio dell’osservatorio da 14.300 libbre dal Centro spaziale della Guiana dell’Agenzia spaziale europea.

READ  Per correggere un errore, i fisici nucleari stanno migliorando l'accuratezza degli studi sui neutrini

Alfonso Stewart, responsabile di Web Publishing Systems, ha affermato che la NASA ha imballato il telescopio e lo ha piegato per lanciarlo come un’arte di carta piegata origami.

Stuart ha detto che diffondere tutto nello spazio sarebbe come “origami al contrario, il che significa che apparirebbe in una certa sequenza”. Il processo richiederà circa un mese, dopodiché la NASA impiegherà altri cinque mesi a testare sensori e sistemi prima che inizi la scienza di routine.

“Il pannello solare … è l’unico tipo di sistema di lancio automatico che abbiamo”, ha detto. “Il resto del dispiegamento è tutto ordini di terra, il che significa che ci prenderemo il nostro tempo e invieremo ordini da terra e aspetteremo la conferma che accadano”, ha aggiunto.

James Webb ha 344 componenti di guasto a punto singolo, o dispositivi che possono rompersi o attaccarsi, e l’80% è correlato alla distribuzione, secondo la NASA.

Se qualcosa va storto, James Webb non sarà più utile come Hubble, che è molto più vicino alla Terra ed è stato riparato o aggiornato cinque volte dagli astronauti durante le loro passeggiate spaziali. Stewart ha affermato che la maggior parte degli strumenti e delle funzionalità del telescopio dispone di backup da eseguire in caso di guasto.

Invece di viaggiare per visitare il telescopio, ha detto, la NASA cercherà di risolvere qualsiasi problema tecnico utilizzando tecniche “flash, rotazione o fuoco e ghiaccio”.

Questi termini, ha detto Stewart, si riferiscono al veicolo che viene scosso, ruotato o consentito di espandersi e contrarsi esponendolo al sole nel tentativo di rimuovere o riattivare eventuali funzionalità che non funzionano.

Mike Menzel, ingegnere capo dei sistemi di missione di Webb, ha affermato che gli ingegneri hanno anche cercato di calcolare i danni da detriti spaziali o micrometeoriti.

READ  Come puoi sopportare 7 minuti di `` orrore estremo '' con la NASA che cerca di atterrare su Marte con un Percy Rover da 2,9 miliardi di dollari

“Ci aspettavamo un degrado dei micrometeoriti sia sul parasole che sullo specchio principale”, ha detto Menzel. “I micrometeoriti, quando colpiscono lo specchio, faranno dei buchi piccoli e ben definiti”.

Ma ha detto che il danno non dovrebbe avere un impatto significativo sulle capacità scientifiche del telescopio.

“Abbiamo costruito un telescopio a infrarossi di livello mondiale. L’abbiamo costruito, l’abbiamo allineato, l’abbiamo testato, abbiamo dimostrato che funziona e ora dobbiamo smontarlo, arrotolarlo e ricostruirlo in orbita”, Menzel disse.

Questa immagine, che mostra un brillamento solare di classe X1.0 al centro del sole, è stata scattata il 28 ottobre 2021 dal Solar Dynamics Observatory della NASA. Mostra una miscela di luce di lunghezza d’onda 171 e 304 angstrom. I brillamenti solari sono potenti esplosioni di radiazioni. Le radiazioni nocive del bagliore non possono passare attraverso l’atmosfera terrestre per influenzare fisicamente gli esseri umani sulla Terra, tuttavia, quando abbastanza intense, possono disturbare l’atmosfera nello strato in cui vengono trasmessi i segnali e le comunicazioni GPS. Immagine fornita dalla NASA | immagine della licenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *