La NASA non è in grado di rimuovere il campione rimanente di asteroide dal contenitore e sta lavorando a nuovi metodi

La NASA non è in grado di rimuovere il campione rimanente di asteroide dal contenitore e sta lavorando a nuovi metodi

Il team lavorerà per sviluppare una nuova procedura per rimuovere il campione rimanente di asteroide

Il mese scorso, una capsula della NASA è atterrata nel deserto dello stato americano dello Utah, portando sulla Terra i più grandi campioni di asteroidi mai raccolti. L’11 ottobre, la NASA ha dato al mondo la prima occhiata a un campione dell’asteroide Bennu, qualcosa che gli scienziati sperano possa fornire indizi sui primi giorni del nostro sistema solare e forse sulle origini della vita stessa. Finora, il team ha rimosso e raccolto 70,3 grammi di rocce e polvere dai campionatori. Secondo la NASA, i campioni superano l’obiettivo della missione di raccogliere 60 grammi di detriti di asteroidi.

Ci sono però altri campioni da raccogliere e i team del Johnson Space Center (JSC) della NASA stanno ora lottando per aprire il caso.

La settimana scorsa, il team della missione OSIRIS-REx ha avuto difficoltà ad aprire la testa del TAGSAM, che conteneva la maggior parte delle rocce e della polvere raccolte dalla navicella spaziale nel 2020.

“Dopo diversi tentativi di rimozione, il team ha scoperto che due dei 35 elementi di fissaggio sulla testa del TAGSAM non potevano essere rimossi con gli attuali strumenti approvati per l’uso nel vano portaoggetti OSIRIS-REx. Il team sta sviluppando e implementando nuovi metodi per estrarre il materiale all’interno della testa pur preservando Il campione è sicuro e incontaminato. La NASA ha scritto in un post sul blog.

Il team passerà ora le prossime settimane a sviluppare e mettere in pratica una nuova procedura per rimuovere il campione di asteroide rimanente dalla testa di campionamento di TAGSAM, elaborando contemporaneamente il materiale raccolto questa settimana.

READ  Cause, sintomi e rimedi casalinghi

“Tutto il lavoro di elaborazione sul campione – e sulla testa TAGSAM – viene eseguito in una cella a guanti specializzata sotto un flusso di azoto per evitare che venga esposto all’atmosfera terrestre e per preservare lo stato originale del campione per le successive analisi scientifiche”, La NASA ha aggiunto: “Qualsiasi soluzione proposta per estrarre il materiale rimanente dalla testa è in grado di adattarsi all’interno di un vano portaoggetti e non compromettere l’integrità scientifica del kit, e qualsiasi procedura deve essere conforme agli standard delle camere bianche”.

OSIRIS-REx non è la prima missione a incontrare un asteroide e a restituire campioni per lo studio; il Giappone ha compiuto l’impresa due volte, riportando pezzi di ghiaia spaziale nel 2010 e nel 2020.

Vale la pena notare che la NASA ha scelto di prelevare un campione da Bennu perché si ritiene che sia ricco di composti organici. Gli scienziati ritengono che asteroidi simili potrebbero aver trasportato sulla Terra elementi organici insieme all’acqua attraverso collisioni miliardi di anni fa.

Sebbene non vi sia alcuna possibilità di colpire la Terra durante la metà del 21° secolo, le probabilità salgono a circa 1 su 1.750 tra allora e il 2300, ha affermato la NASA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *