Hubble rileva la stella più lontana che tu abbia mai visto

Stella super ingrandita di Earendel. Immagine fornita da NASA, Agenzia spaziale europea, Brian Welch (JHU) e Dan Koe (STScI); Elaborazione delle immagini da parte di NASA, ESA e Alyssa Pagan (STScI)

La singola stella più distante mai vista è stata scoperta dal telescopio spaziale Hubble in collaborazione con i ricercatori dell’Università israeliana Ben-Gurion.

Si stima che la stella appena scoperta, soprannominata Earendel (“stella del mattino” in inglese antico) sia almeno 50 volte la massa del nostro sole e milioni di volte più luminosa, rivaleggiando con le stelle più massicce conosciute.

Così lontano che la sua luce ha impiegato 12,9 miliardi di anni per raggiungere la Terra, Earndel ci è apparso come quando l’universo aveva solo il 7% della sua età attuale, in un momento in cui gli astronomi chiamano redshift 6,2. (Il redshift si riferisce al fatto che mentre l’universo si espande, la luce proveniente da oggetti distanti si trasforma in lunghezze d’onda più lunghe e più rosse mentre viaggia verso di noi.)

“All’inizio non ci credevamo quasi, era molto più lontano della stella precedente che era la più lontana e il più alto spostamento verso il rosso”, ha detto l’astronomo Brian Welch della Johns Hopkins University di Baltimora, autore principale del documento che descrive la scoperta. pubblicato nella rivista natura.

precedente detentore del record con una stella; Scoperta da Hubble nel 2018, esisteva quando l’universo aveva circa 4 miliardi di anni, o il 30% della sua età attuale, con uno spostamento verso il rosso di 1,5.

La nuova scoperta è stata fatta dai dati raccolti durante il programma RELICS (Reionization Lensing Cluster Survey) di Hubble, guidato dal coautore Dan Coe presso lo Space Telescope Science Institute (STScI), sempre a Baltimora.

READ  Qual è il tempo e perché progredisce?

Il professor Adi Zittrain della Ben-Gurion University, uno dei principali investigatori dello studio, ha spiegato che l’allineamento cosmico di un enorme gruppo di galassie tra noi e la stella lontana ha ingrandito la stella di almeno alcune migliaia di volte. Gli oggetti massicci piegano lo spazio-tempo in modo da creare efficacemente una lente nel cielo.

“Il fenomeno del lensing apre le porte all’apprendimento della materia oscura e delle galassie lontane”, ha detto Zittrain.

Questa scoperta, ha aggiunto, “apre anche le porte all’apprendimento delle stelle nell’universo primordiale, dove abbiamo poche informazioni sulle loro proprietà fisiche e sul loro contributo alla prima ionizzazione dell’idrogeno in tutto l’universo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.