La NASA e il rover cinese trovano segni di dune sommerse e fiumi che scorrono su Marte

La NASA e il rover cinese trovano segni di dune sommerse e fiumi che scorrono su Marte

I risultati sono pubblicati su Science Advances.

Il rover della NASA e il rover cinese Zhurong hanno trovato segni di dune di sabbia bagnata e fiumi che scorrono sul Pianeta Rosso. Il rover in Cina ha trovato prove che il gelo potrebbe aver cementato insieme le dune 400.000 anni fa. Perseverance della NASA ha trovato segni che un corso d’acqua veloce e potente si è fatto strada nel cratere Jezero, vomitando acqua a una velocità impressionante, secondo National Geographic un report.

I risultati sono pubblicati in La scienza avanza. Zhurong che è atterrato su Marte nel maggio 2021 dopo non essersi svegliato dopo un periodo di ibernazione programmato, probabilmente a causa dell’accumulo di polvere sui suoi pannelli solari.

Perseverance della NASA ha trovato il fiume più grande mai visto su Marte. Il fiume era profondo più di 66 piedi in punti basati sull’altezza delle formazioni rocciose. Gli scienziati ritengono che queste siano le colonne di sabbia conservate.

Entrambe le scoperte “mettono in evidenza il fatto che è davvero importante mettere le cose sulla superficie di altri pianeti”, ha affermato Janie Radbo, ricercatrice presso la Brigham Young University nello Utah.

Il rover cinese ha scoperto tracce d’acqua su Marte. Le dune vicino al rover hanno sviluppato una crosta che probabilmente si è formata a seguito dell’interazione dell’acqua con i minerali. Quest’acqua potrebbe provenire dal gelo che si è formato sulle dune in passato, oppure potrebbe essere caduta sotto forma di neve centinaia di migliaia di anni fa, quando l’inclinazione del pianeta avrebbe permesso alla neve di cadere in quest’area, secondo il rapporto Nat Geo.

READ  La navicella spaziale Cassini della NASA ha catturato un'immagine straordinaria di Saturno, della Terra e della Luna che appaiono come piccoli punti

Le croste si riferiscono a caratteristiche poligonali che si contraggono e si espandono nel tempo. “Avere questo tipo di caratteristica di restringimento ed espansione indica che nelle regioni delle dune si sta verificando una bagnatura e un’asciugatura relativamente recenti, recenti o in corso.

Ralph Milliken, uno scienziato planetario della Brown University e membro della missione Mars Curiosity della NASA, ha detto a Nat Geo che la polvere marziana è ricca di minerali che possono assorbire il vapore acqueo dall’aria. Se questo materiale ricopre le dune, i cambiamenti di umidità durante la stagione possono far sì che la polvere assorba vapore acqueo e lo rilasci senza mai diventare liquido.

“Queste sono probabilmente cose che si formano in molti luoghi diversi su Marte”, dice Milliken. “Questo potrebbe essere un processo che potrebbe essersi verificato su gran parte del pianeta nel recente passato geologico”.

Mentre il rover cinese ha indagato su una duna bagnata, Perseverance ha esplorato i resti di un potente torrente.

Il rover della NASA ha dimostrato che gli antichi fiumi che un tempo scorrevano sopra il pianeta erano molto più profondi e scorrevano molto più velocemente di quanto i ricercatori pensassero in precedenza. Il fiume faceva parte di una rete di corsi d’acqua che sfociavano nel cratere Jezero. In particolare, questa è l’area che il rover ha esplorato da quando è atterrato più di due anni fa nella speranza di cercare segni di antica vita microbica.

“Questi si riferiscono a un fiume ad alta energia che entra in un camion” e trasporta molti detriti. Più forte è il flusso d’acqua, più facilmente può spostare pezzi di materiale più grandi. “È stata una gioia guardare le rocce su un altro pianeta e vedere processi molto familiari”, ha detto Libby Ives, ricercatrice post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, nel comunicato della NASA.

READ  Una fitta nebbia e un avvertimento ai conducenti ... Il Met avverte del tempo domani mattina, martedì

Per due anni, Perseverance ha esaminato la cima di un tumulo di roccia sedimentaria alto 250 metri che presenta strati curvi che suggeriscono l’acqua che scorre. Una posizione all’interno del modulo curvo, soprannominata “Sprinkle Haven”, è stata catturata in uno dei nuovi mosaici Mastcam-Z.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *