La lotta per il titolo nel 2021 mostra quanto sia importante Charlie Whiting per la Formula 1

Quando il primo Gran Premio dell’anno ha chiarito quanto fosse serrata la battaglia per il campionato di F1, nessuno si è reso conto di quante polemiche sarebbe diventata la stagione.

Gli scontri tra Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno plasmato la corsa per il titolo, e non c’è fine in vista, anche se le sanzioni continuano a scorrere.

Piuttosto che stabilire dei confini, le sonde degli ospiti sembrano solo confondere le acque.

Di fronte al compito quasi impossibile di garantire una lotta pulita per il campionato, l’attuale direttore di gara Michael Massey potrebbe essere disperato per la sua situazione, in netto contrasto con il suo predecessore.

Il filtro di quest’anno sport motoristici Charlie Whiting si è guadagnato il massimo rispetto da parte di piloti e membri del team. La sua presenza è stata avvertita dal campo al gigante e ovunque nel mezzo, un occhio di riguardo è stato gettato sui concorrenti.

Le riprese video dei briefing dei piloti mostrano piacevoli scambi tra il direttore di gara e il pilota, sebbene Whiting non sia mai stato timido nel fissare limiti fermi.

Raramente c’era un grido duraturo dopo che le decisioni erano state prese; Alcuni notevoli scoppi d’ira dovuti alla radio della squadra, ma senza amarezza ha continuato a correre gara dopo gara dopo gara.

Mentre sono i padroni di casa che hanno il compito di giudicare le gare dal vivo, il direttore di gara funge da moderatore di tutto questo e Whiting è stato un preside coerente ma equo.

Ci sono stati molti momenti controversi nella battaglia per il titolo di quest’anno

foto

E da nessuna parte il suo talento è stato mostrato meglio del giovane Verstappen, i cui primi anni in Formula 1 sono stati pieni di difese controverse che hanno attirato l’attenzione dei suoi rivali, causando grattacapi ai padroni di casa, proprio come ha fatto in Brasile.

Nel 2016, apparentemente Verstappen aveva il talento grezzo per lottare per un campionato, ma le sue ultime difese aggressive e la sua serie di cambiamenti hanno attirato critiche da veterani come Kimi Räikkönen, Sebastian Vettel, Fernando Alonso e Hamilton.

Ma invece di una serie di rigori, è arrivato il tocco leggero di Whiting, ma un intervento deciso.

Il problema è stato risolto nel suo diario pre-gara prima del Gran Premio degli Stati Uniti, che stabiliva termini incerti su ciò che era e non era illegale.

Le note affermano che “Nessun veicolo deve essere guidato in un modo che possa essere pericoloso per gli altri conducenti… Inoltre, l’articolo 27.8 vieta qualsiasi manovra che possa ostacolare gli altri conducenti, come qualsiasi cambio di direzione innaturale. Con questo in mente, e con l’eccezione di qualsiasi movimento consentito ai sensi della Sezione 27.6, qualsiasi cambio di direzione durante la frenata che provochi un’azione evasiva da parte di un altro pilota è considerato anormale e quindi potenzialmente pericoloso per gli altri conducenti. Qualsiasi movimento di questo tipo sarà segnalato ai commissari sportivi”.

Cristallino.

In contrasto con la situazione dopo che la difesa fuori pista di Verstappen di Hamilton in Brasile non ha portato a una partita. L’enorme volume di sanzioni imposte quest’anno ha portato all’interpretazione che se una sanzione non viene applicata, il comportamento deve essere legale.

READ  Pro14: Benetton 14-29 Cardiff Blues

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *