‘La libertà torna in vita’: rimpatrio canadese dopo 15 anni di carcere per spionaggio

Joseph Attar guarda fuori dalla finestra di una stanza d’albergo a Toronto, con emozione. Dopo quasi 15 anni rinchiuso in una prigione egiziana, non era sicuro che avrebbe mai più sentito il freddo di un inverno canadese.

“Non posso credere di essere a casa”, ha detto, piangendo. “Libertà, ritorno alla vita, ritorno alla vita.”

Attar – originariamente allevato da Muhammad al-Attar prima di convertirsi al cristianesimo – è atterrato in sicurezza all’aeroporto Pearson di Toronto venerdì mattina. Non mette piede in Canada dal gennaio 2007, quando è stato arrestato al Cairo all’età di 31 anni, durante quello che ha detto essere stato un congedo per vedere la sua famiglia.

Ora, a 45 anni, si ritrova a casa e si ritrova in un mondo completamente diverso da quello che ricorda tanti anni fa, avendo passato un terzo della sua vita dietro le sbarre. Da allora sua madre e suo padre sono morti e non ha familiari in Canada.

“Immagina te stesso in un oceano molto profondo, non potresti trattenere il respiro per 15 anni”, ha detto a CBC News del suo tempo in prigione. “Muori ogni giorno.”

Guarda | Joseph Attar sul ritorno in vita dopo la sua prigionia in Egitto:

Joseph Attar sul ritorno in vita dopo quasi 15 anni in Egitto

Joseph Attar, un canadese che è stato imprigionato in Egitto per quasi 15 anni, è atterrato in sicurezza all’aeroporto Pearson di Toronto venerdì mattina. Il cittadino canadese ed egiziano è stato arrestato dopo essere arrivato al Cairo nel gennaio 2007 durante quella che ha descritto come una vacanza per vedere la sua famiglia. 0:37

READ  [خاص]Una lettera di apprezzamento espone le regole del fronte unico esterno del Partito Comunista Cinese | Dipartimento per il Fronte Unito del PCC | Ufficio per gli affari esteri di Liuzhou | One Belt One Road

accuse di spionaggio

Al-Attar è nato in Egitto ma è fuggito dal Paese per cercare rifugio in Canada, dicendo di dover affrontare persecuzioni a causa della sua fede e perché è un uomo gay. (Nacque in una famiglia musulmana, ma in seguito si convertì al cristianesimo.)

Nel 2007, Al Attar ha sede a Toronto e ha lavorato come cassiere presso la CIBC Bank.

Funzionari egiziani hanno affermato di aver utilizzato la sua posizione presso la banca per ottenere informazioni su vari conti di Israele, che secondo loro lo avevano reclutato mentre era in Turchia nel 2001.

Il suo processo è iniziato nel febbraio 2007 e Nell’aprile di quell’anno fu subito condannato e condannato È stato imprigionato per 15 anni sulla base di una confessione che in seguito ha detto essere stata fatta sotto costrizione perché era stato torturato.

Ha detto nel 2007: “Sono stato sotto pressione, sia mentalmente che fisicamente, per ammettere cose che non ho detto, che sono l’esatto opposto della verità”.

Venerdì, Al-Attar ha detto a CBC News che il suo calvario è iniziato non appena è arrivato all’aeroporto del Cairo. Immediatamente, dice, è stato portato via in un luogo che considerava una struttura dell’intelligence egiziana.

Lì, dice, non solo è stato minacciato, ma anche la sua famiglia, compresi i suoi fratelli nell’esercito egiziano, sono stati minacciati.

In risposta a una domanda di venerdì sul motivo per cui è stato accusato di spionaggio, Al-Attar ha affermato che il caso contro di lui era “infondato”, affermando che non ha violato la sua posizione in banca e non ha “imbrogliato” il Canada o l’Egitto.

READ  Il Canadian Hurricane Center monitora il possibile percorso dell'uragano tossico
Al-Attar è arrivato al processo con la polizia davanti a un tribunale del Cairo il 28 febbraio 2007. È stato condannato nell’aprile 2007 per spionaggio per conto di Israele. (Nasser Nouri/Reuters)

Al-Attar conferma di essere stato torturato

La maggior parte del caso dell’Egitto si basava sull’ammissione di Attar e dei gruppi per i diritti umani di essere stato torturato.

Una delle ultime cose che Al-Attar ha detto pubblicamente dalla sua cella in aula durante il processo è stata che è stato fulminato e costretto a bere la propria urina.

Notizie CBC segnalato nel 2015 Che al-Attar è detenuto in una cella di tre metri per due nella prigione di Tora al-Masry, nota per le sue dure condizioni.

Nonostante sia stato incarcerato per false accuse, ha detto a CBC News che perdona coloro che lo hanno imprigionato.

“Il Signore mi ha insegnato a fare qualcosa. Ho perdonato coloro che mi hanno messo in prigione per qualcosa che non ho mai fatto. Li perdono tutti”.

“Mi sono sentito trascurato dal mio governo”

Nel 2015, Alex Neff, di Amnesty International, ha dichiarato a CBC News Attar che la fede e l’orientamento sessuale di Attar lo hanno reso molto vulnerabile in Egitto.

“Ci sono tutte le ragioni al mondo per cui il governo canadese prende sul serio questo problema e non ne abbiamo visto alcuna indicazione”, ha detto Neve.

Attar ha detto a CBC News che riteneva che i funzionari consolari facessero il loro lavoro, ma le sue suppliche al governo conservatore dell’allora Primo Ministro Stephen Harper rimasero senza risposta.

“Mi sono sentito trascurato dal mio governo… mi sentivo come se il Canada fosse una grande nazione, per l’amor di Dio, è uno dei paesi del G7 nel mondo e ha uno dei passaporti più rispettati di sempre… Che sta succedendo?”

Quando i liberali hanno preso il potere nel 2015, Attar ha detto di aver scritto direttamente al primo ministro Justin Trudeau. Nel giro di pochi mesi, ha detto di aver ricevuto una risposta che lo informava che il governo stava lavorando per riportarlo a casa.

Poi, all’incirca nel periodo del vertice del G-20 del 2019 in Giappone, Al-Attar afferma di aver ricevuto lettere dal ministro degli Esteri canadese su incontri privati ​​con il presidente egiziano Abdel Fattah Al-Sisi, in cui discutevano del caso di Al-Attar.

Nel 2011 Stuart Einer, un produttore CBC ora in pensione, ha inviato una lettera scritta a mano ad Attar tramite i servizi consolari canadesi. La coppia ha continuato a scriversi regolarmente per 11 anni. (CBC)

“Molte domande su questo caso”

Stuart Einer, un produttore della CBC in pensione, ha detto prima del ritorno di Attar che nel corso degli anni c’erano state poche informazioni sullo stato del caso di Attar.

Nel 2011, Einer ha deciso di inviare una lettera scritta a mano ad Attar tramite i servizi consolari canadesi. Passarono i mesi, finché Einer ricevette finalmente una lettera. Da lì, i coniugi hanno continuato a scriversi regolarmente: i loro scambi sono continuati per 11 anni.

“I suoi messaggi erano un misto di frustrazione con la sensazione che il suo caso non fosse preso sul serio da nessuno – che fosse nel governo, in Egitto o in Canada – e punteggiato solo da storie di vita quotidiana in prigione”, ha detto Einer.

Giovedì sera, Einer ha ricevuto una lettera dai servizi consolari allegata a una lettera di Al-Attar, che era stato rilasciato.

“Ci sono molte, molte domande su e su questo caso”, ha detto Einer, osservando che dopo tutti questi anni non si sa più del caso di 15 anni fa.

Il Canada può fare di meglio

Majid Al-Shafei, fondatore e presidente di One Free World International, un’organizzazione internazionale per i diritti umani con sede a Toronto, è stato tra coloro che hanno sostenuto il rilascio di Attar.

El-Shafei è venuto in Canada 20 anni fa come rifugiato dopo aver detto che anche lui era stato imprigionato in Egitto e torturato per quello che dice essere il suo credo cristiano.

Majid Al-Shafei, fondatore e presidente di One Free World International, un’organizzazione internazionale per i diritti umani con sede a Toronto, è stato tra coloro che hanno sostenuto il rilascio di Attar. (CBC)

“So esattamente cosa ha passato”, ha detto del calvario di Al-Attar. “Conosco il suo dolore, conosco le sue cicatrici. Conosco la cura e conosco la persecuzione che ha subito”.

Con Al Attar ora rilasciato, El Shafei ha detto che lui e la sua organizzazione lo stanno aiutando a rimettere insieme parti della sua vita, incluso trovargli un alloggio e un consulente per i traumi.

Ha detto: “Ha bisogno di rimettersi in piedi, ha bisogno di trovare un lavoro, ha bisogno di essere guarito… la sua anima e la sua salute mentale. Ha bisogno di un villaggio”.

Tuttavia, nonostante abbia perso tutti quegli anni in prigione, Al-Shafi’i dice che Al-Attar è uno dei fortunati, poiché la gente ora sa del suo calvario. Ha detto che ci sono innumerevoli altri canadesi nelle carceri di tutto il mondo le cui storie non sono state ascoltate.

“Abbiamo visto la storia di Michaels, per esempio, e abbiamo davvero visto cosa poteva fare la pressione”, ha detto, riferendosi a Michael Spavor e Michael KovrigEntrambi sono detenuti in Cina nel dicembre 2018.

Ha aggiunto che se le loro storie non fossero state notizie in prima pagina, il pubblico non avrebbe saputo dei loro casi.

“Dobbiamo fare di meglio, il Canada può fare di meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *