La Gran Bretagna finanzia un sito di detenzione in Francia, i leader concordano un accordo sull’immigrazione | Notizie sull’immigrazione

La Gran Bretagna finanzia un sito di detenzione in Francia, i leader concordano un accordo sull’immigrazione |  Notizie sull’immigrazione

Il Regno Unito contribuirà a finanziare un centro di detenzione in Francia come parte di un pacchetto finanziario per affrontare la migrazione irregolare.

Francia e Regno Unito hanno concordato un pacchetto finanziario pluriennale per fermare la migrazione attraverso la Manica, pochi giorni dopo che il governo britannico è stato criticato per un disegno di legge che vieta gli arrivi non autorizzati.

Come parte dell’accordo annunciato venerdì, il Regno Unito contribuirà a finanziare un centro di detenzione in Francia, mentre le autorità francesi dispiegheranno una nuova unità di polizia permanente dedicata e una tecnologia migliorata per pattugliare le spiagge del paese, compresi droni e aerei.

L’accordo prevede anche il raddoppio del personale dispiegato nel nord della Francia per gestire i transiti di piccole imbarcazioni, metà del quale sarà operativo entro la fine del 2023.

Un nuovo centro di coordinamento attivo 24 ore su 24 con ufficiali di collegamento britannici permanenti riunirà tutte le autorità francesi competenti per coordinare la risposta.

Gli ufficiali di entrambi i paesi cercheranno anche di lavorare con i paesi lungo le rotte preferite dai trafficanti di esseri umani.

Il Regno Unito ha affermato che contribuirà con circa 581 milioni di dollari di finanziamenti nei prossimi tre anni per aiutare a pagare le nuove misure, aggiungendo che si aspetta che la Francia contribuisca con “un importo di finanziamento significativamente maggiore”. La Francia non ha fornito alcuna stima dei costi.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak e il presidente francese Emmanuel Macron hanno dichiarato in una conferenza stampa dopo un incontro a Parigi che le due parti hanno deciso di lavorare a più stretto contatto.

READ  Elon Musk annulla il contratto di Don Lemon X, definendolo un burattino della CNN

“È tempo di un nuovo inizio”, ha detto Macron.

Sunak, entrato in carica nell’ottobre 2022, ha affermato che i due Paesi condividono “le stesse convinzioni” e hanno “portato la cooperazione a un livello senza precedenti”.

“Le bande criminali non dovrebbero decidere chi entra nel nostro paese. A poche settimane dall’insediamento, abbiamo concordato il nostro più grande accordo mai realizzato per le piccole imbarcazioni e oggi abbiamo portato la nostra collaborazione a un livello senza precedenti per affrontare questa sfida comune”.

I due leader hanno anche discusso di una maggiore cooperazione in materia di difesa, nonché dell’addestramento congiunto delle forze ucraine.

Sunak ha fatto dell’arresto degli arrivi in ​​barca una delle sue cinque priorità dopo che più di 45.000 persone hanno raggiunto la costa meridionale dell’Inghilterra lo scorso anno.

Camille Le Couse, analista del Migration Policy Institute, ha detto ad Al Jazeera che in termini di politica “quello che stiamo vedendo è più o meno lo stesso”.

La cooperazione franco-britannica sui controlli sul confine condiviso è stata formalizzata in passato da una serie di accordi bilaterali.

“Ciò che il Regno Unito vuole davvero è poter rimandare le persone in Francia, e questo è qualcosa che non è stato concordato e la Francia non accetterà”, ha detto Le Coz.

In un reportage da Parigi, Natasha Butler di Al Jazeera ha affermato che le relazioni tra i due paesi sono state tese da quando il Regno Unito ha votato per lasciare l’Unione Europea nel 2016, ma sono state rafforzate dal sostegno dei paesi all’Ucraina dall’invasione russa dello scorso anno.

Il vertice di venerdì è stato il primo in cinque anni, ha affermato Butler, e parte del riallineamento è dovuto a un “senso di scopo condiviso” forgiato dal conflitto in corso.

READ  Guerriero canadese centenario si lancia con il paracadute per beneficenza

Il Regno Unito prevede di interrompere l’attraversamento del canale

Il nuovo accordo fa seguito alle critiche nel Regno Unito di un nuovo disegno di legge – soprannominato “Illegal Immigration Act” – che vieta l’ingresso ai richiedenti asilo che arrivano con mezzi non autorizzati, come piccole imbarcazioni attraverso la Manica.

La legislazione consentirebbe alle persone di essere trattenute senza cauzione o revisione giudiziaria per 28 giorni dopo il loro arrivo.

Negherebbe anche alle persone la possibilità di utilizzare le moderne leggi sulla schiavitù per contestare le decisioni del governo di rimuoverle in tribunale.

Sunak ha affermato che il governo “riprenderà il controllo dei nostri confini una volta per tutte”.

Diane Abbott, deputata del partito laburista all’opposizione, ha affermato che il disegno di legge “maltratta i migranti ei loro diritti” e non funzionerebbe “nel mondo reale”.

Ylva Johansson, commissario per gli affari interni dell’UE, ha affermato di ritenere che i piani violassero il diritto internazionale.

I partiti di opposizione e le organizzazioni per i diritti hanno messo in dubbio la moralità e la praticità delle politiche di immigrazione di lunga data del governo, inclusa la deportazione di alcuni richiedenti asilo in Ruanda.

Il ministro dell’Interno britannico Soella Braverman ha ammesso martedì che il governo ha “oltrepassato i limiti del diritto internazionale”.

READ  Sono passati 50 anni dalla Bloody Sunday dell'Irlanda del Nord. Le famiglie delle vittime vogliono ancora giustizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *