La giuria degli Stati Uniti ordina all’ex sindaco di Haiti di pagare 15,5 milioni di dollari per violazioni dei diritti umani | Notizie di corruzione

La giuria degli Stati Uniti ordina all’ex sindaco di Haiti di pagare 15,5 milioni di dollari per violazioni dei diritti umani |  Notizie di corruzione

Una causa americana accusa il sindaco di una cittadina rurale di Haiti di omicidio, tentato omicidio e tortura.

Una giuria federale degli Stati Uniti ha ordinato all’ex sindaco di Haiti di pagare più di 15,5 milioni di dollari in risposta a una causa in cui si affermava che avesse condotto una campagna di persecuzione politica.

La decisione di martedì del tribunale distrettuale degli Stati Uniti di Boston ha riconosciuto Jan Moroz Villena responsabile di una serie di accuse, tra cui il suo coinvolgimento in omicidio, tentato omicidio e tortura contro i suoi oppositori politici.

La causa è stata intentata da tre uomini che affermano che loro e le loro famiglie sono stati presi di mira quando Villena era sindaco della cittadina rurale di Les Iroas ​​più di dieci anni fa.

Mentre la decisione della giuria è stata presa in una causa civile e non ha avuto implicazioni penali, i pubblici ministeri hanno accolto l’ordine come una “vittoria”.

“La sentenza di oggi rende giustizia a me, alla mia famiglia e alle famiglie di coloro che sono stati vittime della campagna di terrore di Villena”, ha dichiarato martedì uno dei querelanti, David Boniface.

Boniface, insieme a Juders Yseme e Nissage Martyr, ha intentato la causa nel 2017 ai sensi del Torture Victims Protection Act, una legge statunitense del 1991 che consente di intentare cause civili contro funzionari stranieri accusati di illeciti, se tutte le vie legali sono state esaurite nel loro paesi d’origine. .

READ  Alex Ovechkin ha rotto il silenzio sull'invasione russa dell'Ucraina: "Qualcosa che non posso controllare, non è nelle mie mani

La causa ha affermato che nel 2007 Villena ha condotto uomini armati a casa di Boniface, dove hanno picchiato e sparato a suo fratello.

Il sindaco ha successivamente mobilitato un gruppo nel 2008 che ha picchiato e ucciso Shahid e Yasimi in una stazione radio comunitaria, secondo la denuncia. Ha aggiunto che il martire ha perso una gamba ed è stato chiamato cieco da un occhio.

La causa ha anche affermato che nel 2009 Villena ha coordinato l’incendio di dozzine di case occupate da pubblici ministeri e persone associate all’opposizione politica a Les Iroas, che ha una popolazione di circa 22.000 persone.

I tre uomini avevano precedentemente tentato di ritenere Felina responsabile davanti a un tribunale haitiano, ma alla fine è stato rilasciato e mai processato.

La causa si apre mentre Haiti è alle prese con crescenti crisi, tra cui ricorrenti disastri naturali, epidemie di colera e crescente influenza da parte di potenti bande, in particolare sulla scia dell’assassinio del presidente Jovenel Moise nel luglio 2021.

Ha inoltre evidenziato i limiti del sistema giudiziario di Haiti dopo anni di turbolenze.

Uno dei querelanti nel caso, Shaheed, è morto dopo che la causa americana è stata intentata. Il figlio martirizzato Nisanderi lo sostituì come querelante.

Villena – che da allora si è trasferito negli Stati Uniti e attualmente vive a Malden, nel Massachusetts, dove lavora come camionista – ha negato la responsabilità diretta delle violenze.

Martedì, una giuria lo ha ritenuto non responsabile per l’incendio doloso delle case dei querelanti.

La sentenza di martedì “rappresenta la lotta di 15 anni dei querelanti e della gente di Les Irwa per la giustizia”, ​​ha detto Ella Matthews, un avvocato del Center for Justice and Accountability, che ha rappresentato i querelanti.

READ  Quali paesi si sono uniti alla causa del Sudafrica contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia? | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *