La Corea del Nord protesta contro la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per i diritti umani | Notizie sui diritti umani

La Corea del Nord protesta contro la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per i diritti umani |  Notizie sui diritti umani

Gli Stati Uniti affermano che il loro piano di tenere un incontro sulle violazioni dei diritti andrà avanti nonostante le proteste della Corea del Nord e della Cina.

La Corea del Nord ha espresso la sua opposizione a una prossima riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla sua situazione dei diritti umani, accusando gli Stati Uniti di promuovere la propria agenda guidando lo sforzo.

Martedì, il vice ministro degli Esteri nordcoreano Kim Sun Gyeong ha definito “spregevoli” i piani per l’incontro aperto, previsto per giovedì. Anche la Cina, che ha stretti legami con la Corea del Nord, si è espressa contro l’incontro.

“La Cina non vede alcun valore aggiunto per il consiglio nel tenere una tale riunione e si opporrà”, ha detto all’inizio di questa settimana un portavoce della missione cinese delle Nazioni Unite, aggiungendo che il mandato del consiglio è “il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, non diritti umani.”

L’incontro, il primo del suo genere dal 2017, si svolge in un momento in cui gli Stati Uniti detengono la presidenza di un mese del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

L’incontro, che richiede il supporto di almeno nove dei quindici membri del consiglio, è stato richiesto da Stati Uniti, Albania e Giappone.

READ  La Cina ritira le applicazioni del Corano e della Bibbia in un giro di vite sull'Apple Store

Cina e Russia potrebbero tentare di bloccare le misure, ma i funzionari statunitensi hanno espresso fiducia di avere i voti necessari per andare avanti.

L’ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, ha affermato che il Consiglio di sicurezza deve “affrontare le atrocità, gli abusi ei crimini commessi” dal governo del leader nordcoreano Kim Jong Un.

La Corea del Nord, soggetta alle sanzioni delle Nazioni Unite dal 2006 per il suo programma missilistico e nucleare, respinge le critiche al suo rispetto dei diritti umani. Ha accusato le sanzioni internazionali per la triste situazione umanitaria nel paese.

Ha anche accusato gli Stati Uniti di nascondere gli sforzi per promuovere i propri interessi geopolitici in nome dei diritti umani e del diritto internazionale.

Martedì, il vice ministro degli Esteri Kim ha ribadito tali affermazioni, affermando che gli Stati Uniti sono interessati solo a “raggiungere il loro obiettivo geopolitico e l’egemonia ristretti” e che l’incontro “non ha nulla a che fare con il concetto globale di protezione dei diritti umani”.

Nel frattempo, gli Stati Uniti negano che le sanzioni siano la causa delle difficoltà in Corea del Nord, puntando invece il dito contro il governo del paese.

I nordcoreani soffrono mentre la RPDC [Democratic People’s Republic of Korea] “Il regime sta dirottando una parte significativa del suo budget e delle sue risorse allo sviluppo di armi”, ha detto all’Associated Press Nate Evans, portavoce della missione statunitense alle Nazioni Unite, in risposta alle osservazioni di martedì.

Kim Jong-un ha recentemente ordinato un aumento significativo della produzione di missili e altre armi in preparazione di possibili ostilità. La richiesta arriva mentre la Corea del Nord ha intensificato i suoi lanci missilistici quest’anno, annunciando il primo test di un missile balistico intercontinentale a combustibile solido (ICBM) a lungo raggio ad aprile.

READ  L'ambasciata afghana a Delhi cessa le operazioni dal 1° ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *