La Corea del Nord afferma che un soldato americano ha attraversato il confine per cercare rifugio dal razzismo | notizie militari

La Corea del Nord afferma che un soldato americano ha attraversato il confine per cercare rifugio dal razzismo |  notizie militari

Travis King è scappato mentre visitava l’area di sicurezza congiunta che separa la Corea del Nord e quella del Sud.

La Corea del Nord ha affermato che un soldato americano che ha attraversato il confine il mese scorso lo ha fatto perché cercava rifugio da “abusi disumani e discriminazioni razziali” negli Stati Uniti.

I commenti, rilasciati mercoledì dai media statali, sono la prima dichiarazione pubblica di Pyongyang riguardante Travis King che è passato dalla Corea del Sud alla Corea del Nord il 18 luglio mentre visitava la Joint Security Area (JSA) che separa i due paesi.

La Corea del Nord ha affermato che King ha ammesso di aver attraversato il confine illegalmente, con l’intenzione di rimanere in Corea del Nord o in un paese terzo.

“Durante le indagini, Travis King ha ammesso di aver deciso di venire in Corea del Nord perché era sconvolto dai maltrattamenti disumani e dalla discriminazione razziale all’interno dell’esercito americano”, ha riferito KCNA, usando l’abbreviazione del nome ufficiale della Corea del Nord. Ha anche espresso il desiderio di cercare un rifugiato nella RPDC o in un paese terzo, affermando di essere deluso dall’ineguale società americana.

Il KCNA ha affermato che il 23enne “è rimasto sotto il controllo dei soldati dell’KPA” dopo il passaggio e le indagini sono proseguite.

Il confine intercoreano è fortemente fortificato, ma nella JSA il confine è segnato solo da un basso divisorio in cemento ed è relativamente facile da attraversare, nonostante la presenza di soldati su entrambi i lati.

I funzionari statunitensi hanno affermato di ritenere che King abbia attraversato deliberatamente il confine e si sono rifiutati di classificarlo come prigioniero di guerra.

READ  Il viaggio di Babbo Natale intorno alla Terra: quando è in Ucraina - Curiosità
(Al Jazeera)

King è scappato quando stava affrontando udienze disciplinari a seguito di una rissa in un bar ubriaco che ha portato a un incidente con la polizia sudcoreana e al carcere in Corea del Sud.

Il Pentagono ha affermato di non poter verificare le osservazioni di King riportate dalla Central News Agency, ed era ancora concentrato sul suo ritorno sicuro. Non ha detto se avesse sentito più in dettaglio dalla Corea del Nord.

Lo zio di King, Myron Gates, ha detto ad ABC News all’inizio di questo mese che suo nipote ha subito il razzismo durante il suo dispiegamento militare e, dopo essere stato tenuto in prigione, non gli assomigliava.

L’esercito americano è alle prese con come classificare King, che si è arruolato nell’esercito americano nel gennaio 2021.

Come soldato in servizio attivo, potrebbe sembrare che si qualifichi come prigioniero di guerra, dato che gli Stati Uniti e la Corea del Nord sono ancora tecnicamente in guerra. La guerra di Corea del 1950-1953 si concluse con un armistizio piuttosto che con un trattato di pace. La penisola coreana è ancora tecnicamente in guerra con il Comando delle Nazioni Unite (UNC), che fornisce la supervisione dell’armistizio.

Ma funzionari statunitensi hanno anche affermato che la decisione di King di entrare di sua spontanea volontà, in abiti civili, nella Corea del Nord, sembra avergli negato lo status di prigioniero di guerra.

L’incidente di luglio è avvenuto quando le relazioni intercoreane hanno toccato il punto più basso, con la diplomazia in stallo e il leader nordcoreano Kim Jong Un che chiedeva un maggiore sviluppo di armi, comprese le testate nucleari tattiche.

READ  Schwarzenegger presidente? Arnold dovrebbe candidarsi, e non solo perché ha sconfitto Trump.

All’inizio di questo mese, il comando delle Nazioni Unite ha affermato che la Corea del Nord ha “risposto” agli sforzi per discutere la questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *