La Commissione elettorale del Pakistan respinge la nomina dell'ex primo ministro Imran Khan per le elezioni del 2024 | Notizie sulle elezioni

La Commissione elettorale del Pakistan respinge la nomina dell'ex primo ministro Imran Khan per le elezioni del 2024 |  Notizie sulle elezioni

Il tentativo del leader incarcerato di revocare la sua squalifica in seguito alla sua condanna in un caso di corruzione respinto dalla Commissione elettorale.

Il corpo elettorale pakistano ha respinto la candidatura dell'ex primo ministro Imran Khan alle elezioni parlamentari del 2024, con il partito Pakistan Tehreek-e-Insaf di Khan che accusa le autorità di impedire alla maggior parte dei suoi candidati di partecipare alle elezioni previste per febbraio.

L'ex stella del cricket, 71 anni, che sta scontando una pena detentiva di tre anni per corruzione, è stato bandito dalla politica per cinque anni dalla Commissione elettorale del Pakistan (ECP). Ma venerdì ha comunque presentato i documenti per la candidatura.

Secondo i documenti visti dall'AP, i funzionari elettorali hanno rifiutato la nomina di Khan a causa della sua condanna e di ciò che hanno detto fosse la sua squalifica ai sensi della Costituzione. Hanno rifiutato anche le candidature di ex membri del suo governo.

Sabato il partito al governo ha pubblicato un elenco dei candidati respinti da Lahore, che includeva anche il nome di Khan. Ha detto che l’ex primo ministro non poteva candidarsi perché non era un elettore registrato nella circoscrizione elettorale e perché era stato “condannato dal tribunale”.

La candidatura del giocatore di cricket diventato politico è stata respinta anche nella sua città natale di Mianwali, nella provincia del Punjab, secondo il suo team mediatico.

Khan non è più stato visto in pubblico dal suo arresto in agosto in un caso di corruzione in cui era stato accusato di aver venduto illegalmente doni statali mentre era in carica.

READ  La mega siccità sta peggiorando da almeno 1.200 anni negli Stati Uniti occidentali

La settimana scorsa, la Corte Suprema gli ha concesso la libertà su cauzione in un caso in cui si sosteneva che avesse divulgato segreti di stato, ma continua a combattere una serie di cause legali che lo perseguitano sin dalla sua rimozione dall'incarico lo scorso anno.

Khan, ampiamente considerato il leader più popolare del paese, ha affermato che il potente esercito del Pakistan è in collusione con i partiti tradizionali per distruggere il suo partito politico e impedirgli di candidarsi nuovamente.

L'esercito ha storicamente svolto un ruolo importante nella politica del paese e ha governato direttamente per decenni dall'indipendenza dal dominio britannico nel 1947.

Il leader 71enne ha anche affermato che l'esercito pakistano e il governo degli Stati Uniti hanno cospirato per rovesciare la sua amministrazione dopo aver visitato Mosca prima dell'invasione russa dell'Ucraina.

Washington e l'esercito pakistano hanno negato queste accuse.

Tuttavia, il sito di notizie statunitense The Intercept in agosto ha pubblicato quelli che sosteneva fossero i dettagli di un dispaccio diplomatico segreto che indicava che l’amministrazione americana voleva rimuovere Khan dal potere.

L'ECP aveva precedentemente stabilito che il partito Tehreek-e-Insaf di Khan non poteva contestare le elezioni generali utilizzando il logo della mazza da cricket, ma l'Alta Corte della città nordoccidentale di Peshawar all'inizio di questa settimana ha concesso alla sua squadra una vittoria legale sospendendo l'ordine.

Oltre al 71enne Khan, la Commissione elettorale ha respinto anche le candidature presentate da altri membri anziani del suo partito, tra cui il vicepresidente Shah Mehmood Qureshi.

Tuttavia, il comitato ha accettato la richiesta di nomina dell'ex primo ministro Nawaz Sharif proveniente da due collegi elettorali, settimane dopo che la corte aveva annullato due condanne per corruzione.

READ  5 funzionari e ispettori minerari in custodia dopo l'esplosione fatale nella miniera di carbone siberiana

Ma Sharif, che ha affrontato per anni sfide legali ed è tornato in patria in ottobre per porre fine al suo esilio autoimposto di quattro anni nel Regno Unito, deve ancora vedere revocata la sua interdizione a vita da cariche pubbliche, per la quale si terrà un'udienza. essere tenuto. Tenutosi a gennaio.

Il movimento PTI ha accusato le autorità pakistane di Ha rifiutato il 90% delle candidature dei candidati del suo partito Pur consentendo documenti di candidatura da altri partiti, inclusa la Lega musulmana-Nawaz Sharif.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *