La città italiana degli Uffizi accoglie i visitatori con meravigliosi affreschi

La Galleria degli Uffizi di Firenze, in Italia, accoglierà i visitatori con dipinti murali scoperti di recente alla riapertura dopo essere stati chiusi per mesi tra i timori del coronavirus.

I restauratori hanno scoperto affreschi del XVII e XVIII secolo sotto gli stucchi nell’ala ovest del museo, dove sarà l’ingresso del visitatore quando gli Uffizi saranno aperti al pubblico.

Il direttore degli Uffizi Ick Schmidt ha detto che il nuovo ingresso di fronte al fiume Arno fornirebbe una “meravigliosa introduzione” ai visitatori.

La data di riapertura non è ancora certa. Il Ministero della Cultura italiano ha detto che i musei nelle regioni meno pericolose d’Italia potrebbero aprire a partire da lunedì. I funzionari degli Uffizi stavano aspettando di scoprire la categoria di rischio nella regione Toscana prima di decidere una possibile data di apertura.

Gli affreschi precedentemente nascosti includono una figura a grandezza naturale di un giovane Cosimo II de ‘Medici risalente al XVII secolo, nonché un motivo floreale ornamentale del XVIII secolo sulle pareti e sul soffitto delle stanze adiacenti. Il progetto di restauro ha recuperato più di 40 stanze al piano terra e in livelli seminterrati inaccessibili.

“Ci sono stati progressi significativi negli ultimi cinque anni nel ripristino degli spazi all’interno del museo, un progresso che consentirà un ingresso più razionale e più sicuro al museo”, ha detto Schmidt in una nota. Infine, il nuovo ingresso ospiterà una statua classica che era in magazzino o è stata acquistata di recente.

Con il nuovo sistema di ingresso degli Uffizi, i visitatori acquisteranno biglietti e depositeranno cappotti e borse nell’ala ovest e attraverseranno un cortile fino all’ala est, dove passeranno attraverso i metal detector e raccoglieranno prove audio prima di iniziare le loro visite al museo.

READ  Sei paesi rugby | L'Irlanda fa quattro cambiamenti nelle qualificazioni ai Mondiali di rugby contro l'Italia

Gli Uffizi sono stati chiusi dal 5 novembre ad eccezione di due settimane durante la stagione invernale, quando la Toscana era sotto il livello di restrizioni più basso in Italia. Il paese sta gradualmente uscendo da mesi di blocco regionale continuo imposto durante l’autunno.

Oltre a consentire ai musei di aprire le loro porte, i ristoranti nelle aree a basso rischio lunedì potranno servire cibo all’aperto prima delle 22:00 per il coprifuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *