La casa stregata di Steven Soderbergh – IndieWire

La casa stregata di Steven Soderbergh – IndieWire

Avere una macchina fotografica cambia le cose. Indipendentemente dagli attori addestrati, la maggior parte delle persone si sente abbastanza a disagio sapendo che c'è una lente sul loro volto che cambierà a sua volta il loro comportamento. Nel frattempo, i fantasmi osservano inosservati, e poche anime sensibili sono in grado di riconoscerli. L'ultima esperienza cinematografica di Steven Soderbergh unisce le due cose, descrivendo la storia di una casa infestata dal punto di vista di uno spirito.

I fantasmi sono associati alla posizione, così come alla “presenza”. Il film è ambientato interamente entro i confini di una bellissima casa secolare: il punto più lontano che i personaggi raggiungono è il vialetto, che la telecamera osserva con ansia attraverso la finestra come un cane che aspetta il ritorno della sua famiglia. Il film si sviluppa in una serie di inquadrature singole, che seguono i personaggi attraverso la casa e li osservano dagli armadi e dai diversi angoli delle stanze. Quando qualcosa fluttua attraverso la stanza, la telecamera si muove con esso; Quando i personaggi parlano tra loro, vanno avanti e indietro tra loro.

"Società magica dei negri americani"

Il punto di vista in prima persona, le inquadrature continue e la totale assenza di inquadrature danno a Presence la sensazione di un videogioco o di un'esperienza VR coinvolgente. Il fatto che funzioni ancora come film è una testimonianza della coesione del cast e della troupe, con Soderbergh che funge sia da operatore di macchina da presa che da regista. Non è esattamente una pellicola trovata e, ancora una volta, non lo è nemmeno la fotocamera veramente Una macchina fotografica, ma gli occhi di una “presenza” in casa. Ma funziona all'unisono, raccogliendo frammenti di conversazioni ed eventi isolati separati da pochi fotogrammi neri.

READ  Stelle libanesi pluripremiate per il remake italiano di "The Perfect Strangers"

La storia inizia scivolando attraverso le stanze vuote della casa, catturando l'agente immobiliare Sissy (Julia Fox) mentre irrompe dalla porta e si riprende rapidamente per lo spettacolo. La prima famiglia a vedere la casa – Rebecca (Lucy Liu), Chris (Chris Sullivan), il figlio Tyler (Eddie Maddy) e la figlia Chloe (Kalina Liang) – la acquistano sul posto. (È in un buon distretto scolastico.)

Il denominatore comune nelle storie di case stregate, sia reali che immaginarie, è la presenza di un adolescente emotivamente disturbato. E Callie, la cui migliore amica è recentemente morta per overdose di fentanil e che è stata trascurata in favore del suo fratello d'oro, è un classico esempio. È anche, non a caso, l'unica che può percepire che c'è qualcos'altro in loro.

Il problema è che, sebbene il film sia solido in teoria, la sua storia diventa più traballante man mano che procede. Lo sceneggiatore David Koepp crea intrighi attraverso dialoghi naturali e piccoli dettagli – la famiglia non cucina mai, ma mangia sempre da asporto – dicono molto su questi personaggi e sulle loro relazioni. Ma l'introduzione di Ryan (West Mulholland), un sinistro giocatore con dei piani per Chloe, manda la storia in una direzione meno ironica della somma delle sue parti. Qui Sullivan e Liang salvano il film, interpretando persone reali circondate da situazioni sinistre.

E, cosa forse più importante, per un film sulla casa stregata, la “presenza” non è poi così spaventosa. Forse è perché non stiamo aspettando di vedere il fantasma, siamo noi Noi siamo il fantasma. Questa è un'idea interessante in teoria. Ma in termini di creazione di tensione, una semplice ombra alla fine di un corridoio lungo e buio è molto più efficace.

READ  La ragazza del meteo Yannette Garcia e l'influencer del fitness Jen Selter hanno collaborato per Booty Meet - OutKick

Grado B-

The Presence è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival del 2024. Attualmente è in cerca di distribuzione negli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *