La bicicletta prima di coricarsi: una bellezza italiana del 1949, Frejus Campionissimo

Dimentica per un momento, se puoi, le celebrazioni del giubileo di platino. Questa è una bici che abbiamo avvistato a Milano la scorsa settimana indietro di tre anni prima che la Regina Elisabetta II salisse al trono e quando la Repubblica Italiana festeggiava il suo primo compleanno.

Sì, stiamo parlando del 1949, e quella che abbiamo qui è una bici del marchio italiano Frejus e inoltre una dotata di una delle più antiche meccaniche posteriori Campagnolo: quattro marce, cambiate non da leve del cambio downtube, che verranno molto più tardi, ma dalle leve esistenti A destra e dietro la sella.

È l’attuale Bici del Mese – Bike of the Month – in un posto fantastico Upcycle Bike Café nella zona est della città, vicino al Politecnico, l’università cittadina dedicata alla scienza e alla tecnologia.

Se ti trovi a Milano, ti consigliamo vivamente una visita: sono 2 fermate in Metropolitana dalla Stazione Centrale, non lontano dal cuore della città.

Si può dire con certezza che questa bici supererà la dama a L’Eroica, l’antico festival del ciclismo che è stato fondato in Toscana ma ora ha versioni in tutto il mondo.

Per inciso, il marchio Frejus fu rilevato da Legnano negli anni ’30 – e prima della guerra, il grande Gino Bartali guidava le loro biciclette.

Ecco le specifiche tecniche:

Frejus Campionissimo (1949) di Collezione Ciclico (link Instagram qui)
Lunetta cromata completamente nichelata.
Sistema di pagamento – Campagnolo Corsa.
Manubrio e gamba – Campione Ambrosio.
Freni – modello universale 50.
Altri componenti – tutti realizzati per Frejus.

Divertiti.



Frei 03

Freus 04

Frejus 05

Freus 06

libero 07

Freus 08

Freus 09

Virus 10

READ  Pura Vita, un ristorante vegetariano italiano, porta il suo "business più grande" a Redondo Beach - Daily Breeze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.