La Banca Mondiale si sta preparando a ospitare il Fondo per le perdite e i danni climatici, nonostante le preoccupazioni

La Banca Mondiale si sta preparando a ospitare il Fondo per le perdite e i danni climatici, nonostante le preoccupazioni

4 novembre – Sabato i paesi hanno fatto un passo avanti verso la creazione di un fondo per aiutare i paesi poveri colpiti da disastri climatici, nonostante le riserve dei paesi in via di sviluppo e degli Stati Uniti.

L’accordo per creare un fondo “perdite e danni” è stato accolto come una svolta per i negoziatori dei paesi in via di sviluppo ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite in Egitto lo scorso anno, poiché hanno superato anni di resistenza da parte dei paesi ricchi.

Ma negli ultimi 11 mesi, i governi hanno faticato a raggiungere un consenso sui dettagli del fondo, come chi pagherà e dove verrà collocato il fondo.

Un comitato speciale delle Nazioni Unite incaricato di implementare il fondo si è riunito per la quinta volta ad Abu Dhabi questa settimana – dopo che le cose si sono bloccate in Egitto il mese scorso – per finalizzare le raccomandazioni che saranno presentate ai governi quando si incontreranno per il vertice annuale sul clima COP28 a Dubai a Dubai. meno di un mese. Da quattro settimane. L’obiettivo è attivare il fondo e renderlo operativo entro il 2024.

Lo ha deciso il Comitato, che rappresenta un gruppo geograficamente diversificato di paesi consigliare La Banca Mondiale funge da amministratore fiduciario e amministratore del Fondo, un punto di tensione che ha alimentato le divisioni tra paesi sviluppati e in via di sviluppo.

READ  Gli Stati Uniti sono preoccupati per un incontro ufficiale Onu con i russi voluto dalla Corte Penale Internazionale - Dipartimento di Stato

I paesi in via di sviluppo affermano che l’istituzione di un fondo presso la Banca Mondiale, i cui direttori sono nominati dagli Stati Uniti, darebbe ai paesi donatori un’enorme influenza sul fondo e porterebbe all’imposizione di commissioni elevate sui paesi beneficiari.

Per includere tutti i paesi, è stato concordato che la Banca Mondiale avrebbe agito come fiduciario temporaneo e ospite del Fondo per un periodo di quattro anni.

Berlino “è pronta ad assumersi le proprie responsabilità: stiamo lavorando attivamente per contribuire al nuovo fondo e valutare opzioni per fonti di finanziamento più strutturali”, ha detto in un post su X Jennifer Morgan, l’inviata speciale tedesca per il clima.

Altri erano meno ottimisti.

“È un giorno triste per la giustizia climatica, poiché i paesi ricchi voltano le spalle alle comunità vulnerabili”, ha affermato Harjit Singh, capo della strategia politica globale presso l’organizzazione internazionale no-profit Climate Action Network.

“I paesi ricchi… non solo hanno costretto i paesi in via di sviluppo ad accettare la Banca Mondiale come ospite del Fondo per le perdite e i danni, ma hanno anche eluso il loro dovere di guidare la fornitura di assistenza finanziaria a quelle comunità e paesi”.

Il comitato ha inoltre raccomandato di esortare i paesi sviluppati a continuare a fornire sostegno al fondo, ma non ha specificato se i paesi ricchi saranno soggetti a un rigoroso impegno finanziario per partecipare.

Un funzionario del Dipartimento di Stato americano ha detto a Reuters: “Ci rammarichiamo che il testo non rifletta il consenso sulla necessità di chiarezza sulla natura volontaria dei contributi”.

Gli Stati Uniti hanno tentato di includere una nota in cui spiegavano che qualsiasi contributo al fondo sarebbe stato volontario, ma il presidente del comitato non lo ha consentito. Gli Stati Uniti si sono opposti a questo rifiuto.

READ  Settimane dopo l'occupazione della città, le forze russe hanno preso il controllo del consiglio comunale di Kherson, affermano i funzionari

Sultan Al Jaber, che presiederà i colloqui della COP28, ha affermato di accogliere con favore le raccomandazioni del comitato e che apriranno la strada al raggiungimento di un accordo alla COP28.

(Segnalazione di Gloria Dickey a Londra e Valerie Volcovici a Washington, D.C.; Preparato da Mohammed per l’Arab Bulletin) Montaggio di Andrew Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Gloria Dickey riferisce sulle questioni climatiche e ambientali per Reuters. La sua sede si trova a Londra. I suoi interessi includono la perdita di biodiversità, la scienza artica e criosferica, la diplomazia climatica internazionale, il cambiamento climatico, la salute pubblica e il conflitto uomo-fauna selvatica. In precedenza ha lavorato come giornalista ambientale freelance per 7 anni, scrivendo per pubblicazioni come The New York Times, The Guardian, Scientific American e Wired. Dickie è finalista 2022 ai Livingstone Awards for Young Journalists nella categoria International Reporting per i suoi reportage sul clima dalle Svalbard. È anche autrice presso W.W. Norton.

Valerie Volcovici copre la politica climatica ed energetica degli Stati Uniti da Washington, D.C. Si concentra sulle normative climatiche e ambientali nelle agenzie federali e nel Congresso e su come si sta delineando la transizione energetica negli Stati Uniti. Altre aree di copertura includono il suo pluripremiato reportage sull’inquinamento da plastica e i dettagli della diplomazia climatica globale e dei negoziati sul clima delle Nazioni Unite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *