Jim Jordan: il comitato della Camera chiede un colloquio con il turbolento GOP il 6 gennaio

La Giordania aveva precedentemente avvertito il comitato che prendere di mira i deputati del Partito Repubblicano a qualsiasi titolo avrebbe affrontato ritorsioni politiche se i repubblicani avessero riconquistato la Camera dei Rappresentanti dopo le elezioni di medio termine del prossimo anno.

Il repubblicano dell’Ohio è il secondo alleato di Trump a ricevere una richiesta di intervista questa settimana. Rappresentante Scott Perry della Pennsylvania Ha già rifiutato la richiesta della commissione di sedersi volontariamente con gli inquirenti, promettendo invece di continuare a combattere i “fallimenti della sinistra radicale”.
afferma il rappresentante Benny Thompson del Mississippi, che presiede il comitato Nella lettera alla Giordania Il comitato vuole saperne di più sui contatti con Trump del 6 gennaio.

“Ci risulta che tu abbia avuto almeno uno e forse diversi contatti con il presidente Trump il 6 gennaio. Vorremmo discutere di ciascuno di questi contatti con te in dettaglio”, ha scritto Thompson.

Nella sua lettera, la commissione ha affermato di avere documenti in archivio che dimostrano che Trump stava guardando la copertura televisiva dell’attacco del 6 gennaio dalla sua sala da pranzo privata accanto allo Studio Ovale e che Trump, attraverso il suo team legale, stava cercando di ritardare o ostacolare il processi. Conteggio elettorale anche dopo la dispersione della folla.

Vorremmo anche chiedere informazioni su eventuali comunicazioni che hai avuto il 5 o il 6 gennaio con quelli nella Willard War Room, il team legale di Trump, lo staff della Casa Bianca o altri coinvolti nell’organizzazione o pianificazione di azioni e strategie il 6 gennaio (gennaio),” afferma la lettera, riferendosi in parte al “centro di comando” legato alle elezioni degli alleati di Trump al Willard Intercontinental Hotel di Washington intorno al 6 gennaio.

READ  Kristen Lee: L'MI5 del Regno Unito afferma che una donna legata al Partito Comunista Cinese "cerca di interferire di nascosto nella politica del Regno Unito"

Il comitato suggerisce di incontrarsi con la Giordania il 3 gennaio, 4 gennaio o la settimana del 10 gennaio, quando la Camera dei Rappresentanti tornerà a Washington. Il comitato suggerisce anche che l’intervista sia condotta nella regione giordana se ciò è più facile per il membro del Congresso.

L’ufficio di Jordan non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Invia un SMS

Jordan è stato identificato come uno dei legislatori che Invia un messaggio di testo a Mark Meadows, allora capo dello staff della Casa Bianca Di cui la commissione è in possesso. La lettera inviata da Jordan a Meadows il 5 gennaio delineava una teoria giuridica secondo cui l’allora vicepresidente Mike Pence aveva l’autorità per ostacolare la ratifica delle elezioni del 2020.

Parte di questa lettera è stata letta dal comitato ristretto del 6 gennaio durante la presentazione del rapporto sul disprezzo prima che l’intera Camera dei rappresentanti votasse per deferire Meadows al Dipartimento di Giustizia per una decisione su potenziali accuse di oltraggio.

Un portavoce della Giordania aveva precedentemente confermato alla CNN di aver inviato un messaggio a Meadows il 5 gennaio che gli era stato inviato da Joseph Schmitz, un ex ispettore generale del Dipartimento della Difesa. Il testo di Schmitz includeva una bozza di presentazione in cui sosteneva che Pence aveva l’autorità costituzionale di porre il veto alla certificazione dei risultati elettorali di alcuni stati.

Le richieste di intervista di Perry e Jordan rappresentano un passo importante nelle indagini e potrebbero portare la commissione a emettere citazioni in giudizio per i legislatori che si rifiutano di collaborare volontariamente, aumentando drammaticamente le tensioni politiche.

READ  Il passaporto di questo paese è il più forte del mondo

Quando Perry si è rifiutato di parlare con la commissione martedì, la commissione ha denunciato le sue azioni ma ha rifiutato di dire che avrebbe emesso un mandato di comparizione.

La Giordania è stata a lungo vista come un obiettivo per il comitato. Ad agosto, Jordan faceva parte di un gruppo di legislatori repubblicani che hanno chiesto a varie società di tenere i tabulati telefonici. All’epoca, Jordan avvertì del precedente che il comitato avrebbe stabilito se avesse inseguito i membri del Congresso.

Nella sua lettera alla Giordania, il comitato fa riferimento al membro del Congresso dell’Ohio dicendo: “Non ho nulla da nascondere. Sono stato in anticipo per tutto il tempo” in risposta a una domanda sulla disponibilità a condividere le informazioni che aveva sugli eventi fino al 6 gennaio.

Dal momento che Jordan sarebbe il prossimo in linea a presiedere la commissione giudiziaria se i repubblicani riprendessero la Camera, potrebbe essere nella posizione di perseguire i democratici se ritiene che la commissione abbia oltrepassato le sue richieste.

La Giordania ha fornito un megafono per dire che le elezioni del 2020 erano state rubate.

“Non so come puoi convincermi che il presidente Trump non ha davvero vinto questa cosa in base a tutte le cose che vedi”, ha detto Jordan in un’intervista a Fox News nel dicembre 2020.

L’ufficio di Jordan non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *