Jacobs sfida Bolt all’organizzazione di beneficenza “Capture the Flag”

Lamont Marcel Jacobs. (Ulrik Pedersen/NurPhoto via Getty Images)

Lamont ha sfidato il campione olimpico italiano dei 100 metri Usain Bolt alla gara di sprint di beneficenza della squadra dopo che il giamaicano in pensione ha detto che avrebbe potuto vincere la fascia azzurra a Tokyo.

Bolt ha detto all’AFP in un’intervista la scorsa settimana che è stato deludente guardare i Giochi del 2020 posticipati dalla sua casa in Giamaica mentre i suoi connazionali maschi hanno fallito e Jacobs, un parente sconosciuto prima delle Olimpiadi, ha rivendicato la sua vittoria a sorpresa.

Il 35enne giamaicano, che ha detenuto il record mondiale negli oltre 100 metri per 9,58 secondi nel 2009, ha affermato che il tempo di vittoria di Jacobs in 9,80 secondi a Tokyo era ancora alla sua portata nonostante avesse interrotto le sue vette nel 2017.

Jacobs, che non ha corso da quando ha vinto la medaglia d’oro nella gara, lunedì è andato sui social media per sfidare Bolt, l’otto volte medaglia d’oro olimpica e 11 volte campione del mondo.

“Sei il mio eroe, quindi grazie per il cappello!” Jacobs, che è nato negli Stati Uniti da padre americano ma la cui madre italiana è cresciuta in Italia, ha detto.

“Ma hai anche detto che eri sicuro di vincere, quindi sono all’altezza della sfida!

“Che ne dici di fondare un ente di beneficenza che catturi la bandiera? Porta la tua squadra e io vengo con me!”

Cattura la bandiera, o “rubabandiera” come è noto in Italia, è un gioco del cortile della scuola giocato dai bambini in cui due squadre competono per catturare la bandiera dell’altra squadra, che è alla “base” della squadra, e riportarla sana e salva alla loro Paese d’origine. stazionato.

READ  Foto degli interni della cena di Ronaldo in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *