Jacir dice che gli adolescenti di talento l’hanno spinta al grande oro

In uno sport pieno di adolescenti di talento, la 30enne Anna Jacir è solitamente una delle snowboarder più anziane a competere in eventi, ma l’austriaca ha detto ieri che la sua spinta da parte delle giovani generazioni l’ha aiutata ad assicurarsi grandi medaglie d’oro consecutive . Ai Giochi Olimpici.

Jacir è stata la campionessa inaugurale quando il big air ha debuttato ai Giochi di Pyeongchang quattro anni fa, e ha detto di essere stata “sorpresa” di difendere con successo il suo titolo a Pechino.

L’austriaca è stata l’unica contendente a raggiungere quota 1.260 nella finale di ieri, regalandole l’oro davanti alla neozelandese Zoe Sadovsky Sinnott e al giapponese Kokomo Murasi, 17 anni.

Foto: Reuters

Ha detto che uno dei motivi per cui può ancora eseguire i trucchi più difficili all’età di 30 anni è che è entrata nello sport un po’ tardi.

“Ho iniziato a 18 anni, quindi forse sono ancora un po’ rinfrescata, ma mi sto anche divertendo”, ha detto.

A differenza di molti prodigi che si arrampicano sul ghiaccio una volta che possono camminare, Jacir le è stata presentata solo all’ultimo anno di scuola tramite suo cugino. Jacir, che si è allenata in ginnastica quando era giovane, si è innamorata immediatamente del pattinaggio artistico ed è migliorata rapidamente.

Gasser ha detto che lo sport sta spingendo nuovi confini grazie a pattinatori sul ghiaccio come la ventenne Sadoski Senote e la giapponese Rera Iwabuchi, che ieri ha provato il 1260 triple cork, un trucco mai provato prima nella competizione femminile.

“I progressi che ho fatto nel pattinaggio artistico femminile sono stati così grandiosi e il solo fatto di essere parte dello spettacolo oggi mi ha reso davvero felice”, ha detto Jacir. “Onestamente, non so se sarei all’altezza se Zoi e le altre ragazze non mi avessero spinto al limite.”

READ  Italia vs Svizzera: la squadra di Roberto Mancini può arrivare agli ottavi con una vittoria

sciare

AFP, Yanqing, Cina

Ieri, Corin Sutter ha confermato il dominio della Svizzera nello sci alpino alle Olimpiadi di Pechino quando ha ottenuto una vittoria consecutiva nello sci alpino femminile conquistando la quarta medaglia d’oro del Paese e la quinta ai Giochi.

Il 27enne ha segnato 1 minuto e 31,87 secondi sul percorso “Rock” di 2,7 chilometri a Yanqing, in Cina, con 0,16 secondi di vantaggio sulla campionessa italiana in carica Sofia Gugia, che ha incoronato la medaglia d’argento con un’impressionante rimonta dopo essersi infortunata. Si è inginocchiata in un incidente il mese scorso.

L’italiana Nadia Delago ha vinto la medaglia di bronzo, con 0,57 secondi di vantaggio su Sutter.

“Sono molto contento della mia corsa”, ha detto Sutter. “Alla fine non ero sicuro se fosse bello o no, perché a volte avevo la sensazione che ci fosse vento contro di me, poi con me, e anche di lato… È il sogno più grande della mia vita. “

Sutter è diventato il secondo pattinatore da quando l’americana in pensione Lindsey Vonn ha vinto un oro olimpico dopo il titolo mondiale.

Dopo aver vinto la medaglia d’argento a sorpresa, Jogja ha detto: “Ho fatto tutto il possibile”.

“Da zero a 10, la mia condizione fisica è di circa cinque. Riesco a malapena a piegare le ginocchia”, ha detto. “È stato molto difficile per me mentalmente. Ho preso antidolorifici prima della gara”.

biathlon

Reuters, ZHANGJIAKOU, Cina

Ieri Vettel Sgastad-Kristiansen ha mantenuto la calma mentre la Norvegia è tornata per rivendicare una straordinaria vittoria nel biathlon maschile nella 4×7,5 km alle Olimpiadi di Pechino dopo uno straordinario crollo nell’ultimo tiro del russo Eduard Latepov.

READ  Pronostici Champions League: partite Real Madrid, Inter, Milan, Liverpool e Oda

Le gambe centrali della gara sembravano una parata della vittoria per la squadra del Comitato Olimpico Russo, ma una serie di errori di Latypov ha rovinato le loro possibilità di vincere l’oro, consentendo a Christiansen di balzare con calma e rivendicare la vittoria per la Norvegia.

“Ero così calmo [at the last shoot]Ero totalmente nel mio mondo ed è difficile dire cosa stavo pensando… ma sono molto, molto felice che siamo stati in grado di farlo, ha detto Christiansen.

Ha tagliato il traguardo di 27,4 secondi sul francese Quentin Fillon Millais e Latibeouf è tornato a casa di 17,9 secondi.

Maillet era ancora più felice con il suo argento in quanto gli ha dato cinque medaglie di biathlon in un’Olimpiade.

I commenti saranno moderati. Conserva i commenti relativi all’articolo. Le note che contengono linguaggio osceno o osceno, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozione e divieto dell’utente verranno rimosse. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.