Italia, Albania e Grecia smantellano la rete che contrabbandava oltre 1.100 migranti

In un’indagine congiunta durata più di 18 mesi, le autorità italiane, greche e albanesi hanno arrestato 29 sospetti membri di una rete di contrabbando transfrontaliera che ha trafficato più di 1.100 migranti, Europol segnalato mercoledì.

In un’indagine congiunta durata più di 18 mesi, le autorità italiane, greche e albanesi hanno arrestato 29 sospetti membri di una rete di contrabbando transfrontaliera che ha trafficato più di 1.100 migranti. (Foto: Europol)I sospetti provengono da una varietà di background, poiché i loro membri hanno la cittadinanza albanese, turca, siriana, iraniana, irachena e pakistana, secondo quanto riferito. Eurojust.

Le autorità ritengono, tuttavia, che i sospetti detenuti facciano parte di una più ampia rete criminale composta da almeno 80 membri coinvolti in almeno 30 operazioni di contrabbando marittimo.

I trafficanti utilizzano varie rotte attraverso il Mediterraneo per aggirare le autorità; Gli investigatori hanno notato che questo gruppo in particolare ha tracciato rotte pianificate dalla Turchia alla costa meridionale italiana del Salento, con soste lungo l’Albania e la Grecia.

Le navi da diporto, in particolare gli yacht, erano impiegate dalla rete criminale, che avrebbe assunto marinai alle prime armi per gestirla.

Le autorità non hanno chiarito se questi marinai fossero consapevolmente complici del complotto.

I pagamenti sono stati ricevuti dai migranti tramite servizi di trasferimento di denaro informale come hawala, un servizio attraverso il quale è possibile trasferire denaro senza fornire alcuna documentazione. Quindi è un modo anonimo molto popolare per trasferire denaro.

Il sistema ha i suoi vantaggi al di fuori del mondo criminale; Poiché hawala non addebita una tassa di trasferimento, gli immigrati possono utilizzarla per inviare denaro sotto forma di rimesse alle loro famiglie nei loro paesi d’origine.

READ  Italian Garbage Group serve Pattaya

Europol riferisce che in questo caso, tuttavia, l’uso da parte della rete di contrabbando di servizi di trasferimento di denaro informale le ha consentito di realizzare profitti illegali per centinaia di milioni di euro.

Per oltre 18 mesi, Europol ha assistito l’operazione facilitando lo scambio di informazioni tra le autorità internazionali e coordinando le loro riunioni operative.

Hanno anche fornito ai loro partner italiani, greci e albanesi pacchetti di intelligence sui trafficanti.

Mercoledì, giorno in cui sono stati effettuati gli arresti, le autorità si sono impegnate nella sorveglianza a lungo termine dei sospetti, intercettando le loro telefonate e registrando video delle loro attività al fine di identificare correttamente gli autori prima che la trappola fosse rilasciata.

Europol ha riferito che, nonostante i successi di mercoledì, l’operazione è tutt’altro che conclusa e che ci sono ancora molti obiettivi di alto valore all’interno della rete criminale che devono ancora essere identificati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.