Isola del Principe Edoardo per utilizzare autobus elettrici per gestire i centri di riscaldamento durante le emergenze

Isola del Principe Edoardo per utilizzare autobus elettrici per gestire i centri di riscaldamento durante le emergenze

Dopo che la tempesta tropicale Fiona ha colpito il PEI lo scorso autunno, sono stati aperti centri di riscaldamento in tutta la contea per aiutare gli isolani senza elettricità, con molte di queste strutture che si affidano a generatori diesel.

Un nuovo progetto pilota regionale è destinato a cambiare la situazione.

Il governo provinciale sta collaborando con Lion Electric per utilizzare gli scuolabus elettrici dell’azienda per alimentare rifugi per il riscaldamento di emergenza, con il North Rustico Lions Club che funge da sito pilota.

La tecnologia vehicle-to-grid (V2G) disponibile sugli autobus elettrici di Lion consentirà ai caricatori abilitati V2G di prelevare energia dalle batterie dell’autobus per far funzionare un centro di riscaldamento di emergenza se quell’edificio non è in grado di ottenere energia dalla rete elettrica marittima.

Da sinistra a destra: Stephen Myers, Ministro dell’ambiente, dell’energia e dell’azione per il clima dell’Isola del Principe Edoardo. Heather McKenna, sindaco di North Rustico; e Benoit Morin, vicepresidente canadese delle vendite di autobus di Lion Electric. (Wayne Thibodeau/CBC)

Le persone coinvolte nel progetto ritengono che questa sarà la prima volta in Canada che gli autobus elettrici saranno utilizzati per rispondere a interruzioni di corrente legate a disastri.

“È davvero incredibile che sia una città così piccola [like] “North Rustico potrebbe fare qualcosa del genere”, ha detto il sindaco Heather McKenna.

L’Isola del Principe Edoardo “il perfetto banco di prova”

Dopo che Fiona ha invaso l’isola il 23 e 24 settembre, il North Rustico Lions Club ha avuto giorni in cui poteva soddisfare fino a 300 persone, offrendo pasti caldi e un luogo dove le persone potevano ricaricare i propri telefoni per rimanere in contatto con il mondo. McKenna ha detto.

Ha detto che l’edificio è stato in grado di farlo grazie a un generatore diesel. Alimentarlo con un autobus elettrico in caso di una futura emergenza significherebbe aria più pulita nelle vicinanze e minori emissioni.

READ  Scopri il destino del progetto Terra Nova entro la fine della giornata

Stephen Myers, ministro dell’Ambiente, dell’energia e dell’azione per il clima della provincia, ha affermato che tutti gli autobus elettrici in PEI potrebbero essere aggiornati per utilizzare la tecnologia V2G per questo scopo.

Una persona in piedi sul bus
Due scuolabus elettrici Lion possono fornire al North Rustico Lions Club circa tre giorni di energia, afferma Benoit Morin. (Wayne Thibodeau/CBC)

Myers ha affermato che Lion Electric si è offerta di avviare questo progetto a PEI perché la provincia ha già un gran numero di scuolabus elettrici. L’azienda dovrebbe semplicemente apportare gli aggiornamenti necessari alla sua tecnologia V2G.

“Siamo il miglior banco di prova qui in PEI”, ha detto Myers.

società a coprire la maggior parte dei costi

La città e il Lions club Nord Rustico non dovrebbero pagare per il progetto; Lion Electric se ne occuperà.

La contea pagherà eventuali spese impreviste durante l’installazione, come l’aggiunta di ulteriori caricabatterie elettrici pubblici, ha dichiarato la contea a CBC News in una e-mail.

Finora, i test indicano che due autobus carichi possono fornire elettricità all’edificio del Lions Club per circa tre giorni, ha affermato Benoit Morin, vicepresidente canadese delle vendite di autobus per Lion Electric.

“Questo è ciò che il primo calcolo ha appena mostrato e siamo sicuri che farà esattamente quello che dovrebbe fare”, ha detto Morin.

Per quanto tempo gli autobus possono risparmiare energia varierà per ogni edificio che ospita un centro di riscaldamento, ha detto Myers, quindi l’azienda deve lavorare sui profili degli edifici.

Entro la fine di maggio, PEI dovrebbe avere un totale di 82 scuolabus elettrici Lion nella sua flotta, con altri 125 in arrivo nei prossimi cinque anni, secondo un comunicato stampa sul progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *