In epidemiologia, il tempismo è tutto

Il primo ministro Brian Ballester ha affermato che l’interruzione delle forniture di vaccini Pfizer-BioNTech è un buon esempio del motivo per cui Manitoba è stato lento e ammonito nel lanciare la vaccinazione contro il coronavirus.

Ha detto che il governo era pronto per questo tipo di ostacolo.

Tuttavia, secondo i dati della contea, Manitoba era in ritardo sul programma di vaccinazioni molto prima di annunciare il rallentamento del vaccino Pfizer.

MIKAELA MACKENZIE / WINNIPEG FREE PRESS

Il primo ministro del Manitoba Brian Ballester parla in una conferenza stampa alla legislatura Manitoba a Winnipeg venerdì.

Pfizer-BioNTech ha confermato venerdì che prevede di ritardare alcune spedizioni di vaccini (incluso in Canada) nelle prossime settimane per riorganizzare le sue fabbriche. I funzionari dell’azienda hanno detto che si aspettano di recuperare entro la fine di marzo.

Non ci sono dettagli su come questo influenzerà le spedizioni verso le province. Ma ci sarà una temporanea diminuzione delle dosi.

Considerato il ritardo di Manitoba con il suo programma di immunizzazione, questo rallentamento potrebbe non fare molta differenza.

Ma dà copertura politica al governo in tunica. Più lente saranno le spedizioni nelle prossime settimane, più facile sarà recuperare.

“Penso che questo supporti la nostra strategia”, ha detto venerdì Ballister. “Il nostro team di vaccinazione si è concentrato un po ‘meno sul tentativo di ottenere buone statistiche a breve termine accelerando tutto e di più su una migliore protezione a lungo termine bloccando qualcosa”.

non esattamente. Il governo provinciale ha espresso fiducia nella filiera due settimane fa, annunciando che non era più necessario prenotare il 50 per cento delle dosi per tenere traccia dei colpi di richiamo.

“Penso che questo supporti la nostra strategia. Il nostro team di vaccinazione si è concentrato un po ‘meno sul tentativo di ottenere buone statistiche a breve termine accelerando tutto e di più su migliori garanzie a lungo termine trattenendo qualcosa”.
Il primo ministro Brian Ballester

I funzionari hanno giustamente sostenuto che c’è abbastanza certezza nella catena di approvvigionamento per fare affidamento su future spedizioni di seconde dosi. Hanno detto che avrebbero mantenuto forniture sufficienti per soddisfare la domanda per la settimana successiva. Oltre a ciò, non c’era alcun piano per costruire grandi scorte.

READ  Il gruppo si ispira alla leggenda degli astronauti della NASA

Da allora il boicottaggio si è ritirato. Il ritardo di Pfizer fa guadagnare tempo per recuperare il ritardo, anche se ci sono sempre stati piani per questo. Ecco perché, venerdì in ritardo, è stata annunciata una pausa temporanea sulle nuove date di vaccinazione (anche se le spedizioni Pfizer continuano ad arrivare; ce ne saranno meno).

I commenti di Ballister entrano in conflitto con una grande retorica politica, ma entrano in conflitto con i fatti.

Manitoba ha somministrato 13.539 dosi dei vaccini Pfizer e Modern dall’inizio del programma di vaccinazione a dicembre. Il numero totale di vaccini ricevuti finora è 38.890. Se vengono utilizzate tutte le 5.300 dosi inviate a First Nations all’inizio di questo mese, significa che solo il 48 percento delle dosi è stato iniettato finora. Manitoba avrebbe dovuto ricevere 7.400 dosi di Moderna questa settimana. Se queste dosi arrivano (la contea rifiuta di confermare quando riceve le spedizioni), solo il 41 per cento delle dosi è stato somministrato. Il resto si trova nei congelatori.

L'ufficiale capo della sanità pubblica della contea di Manitoba, il dottor Brent Rosen.

MIKAELA MACKENZIE / WINNIPEG FREE PRESS

L’ufficiale capo della sanità pubblica della contea di Manitoba, il dottor Brent Rosen.

Non è menzionato da nessuna parte nel piano di lancio del vaccino del governo di Ballester che la contea abbia intenzione di accumulare così tante scorte nel caso in cui le forniture vengano interrotte.

Parte del motivo per cui Manitoba è stata così lenta a introdurre è il ritardo nell’ottenere le vaccinazioni per i residenti delle case di cura personali. La contea aveva scorte sufficienti per avviare questo programma all’inizio di gennaio, ma non è iniziato fino a lunedì. In un’epidemia, ogni giorno conta.

READ  I canadesi hanno battuto Maple Leaves come primo passo importante nella finale dei playoff

Il piano mira a immunizzare circa 9.834 residenti in case di cura in 28 giorni. L’obiettivo per la prima settimana era di 1.157, ma il numero è sceso bene. A partire da giovedì, solo 281 residenti avevano ricevuto l’iniezione.

Il capo della sanità pubblica regionale, il dottor Brent Rosen, non fornirà alcuna spiegazione per il numero basso venerdì, se non per dire che ci saranno ulteriori aggiornamenti la prossima settimana.

Per soddisfare la stima originale della spedizione del governo federale per gennaio e febbraio (che ora cambierà), Manitoba dovrà somministrare circa 2.400 dosi al giorno.

Ma solo 1.130 persone, compresi i residenti in case di cura, sono state vaccinate tra mercoledì e venerdì.

Sembra che la provincia non possa effettivamente lanciare questo programma. Ma ora c’è una scusa.

Non è chiaro quando o di quanto il dosaggio di Pfizer verrà ritardato. Politicamente, tuttavia, questo potrebbe essere un vantaggio sotto mentite spoglie per il governo Balestar.

[email protected]

Tom Broadbike

Tom Broadbike
Editorialista

Tom ha coperto la politica del Manitoba dall’inizio degli anni ’90 e si è unito al team di notizie di Winnipeg Free Press nel 2019.

Leggi il CV completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *