Impronte di archosauro vecchie di 250 milioni di anni trovate in Italia | Paleontologia

I paleontologi in Italia hanno scoperto una raccolta di impronte fossili lasciate dal primo periodo Triassico Archosaurs.

Manifestazione di vita dei non-archosauri, il prodotto più adatto per Isochirotherium gardettensis. Credito immagine: Fabio Manucci.

Impronte di archosauro sono state individuate in un sito fossile sull’altopiano della Gardetta nelle Alpi occidentali, in Italia.

La maggior parte degli esemplari sono conservati come bricchetti naturali su uno strato spesso 3-4 cm di arenaria fine.

Sono poco profonde, meno di 2 cm di profondità, ma la maggior parte di esse sono tagliate attraverso piccole incisioni / fessure e sono molto esposte agli agenti atmosferici.

Vista dettagliata della GT-1 e GT-2 (ombreggiata) sull'Altopiano della Gardetta in Piemonte.  Credito immagine: Betty et al., Doi: 10.7717 / peerj.10522.

Vista dettagliata della GT-1 e GT-2 (ombreggiata) sull’Altopiano della Gardetta in Piemonte. Credito immagine: Betty Et al. , Doi: 10.7717 / peerj.10522.

Le tracce sono conservate su due superfici distinte, GT-1 e GT-2.

La GT-1 è composta da quattro impronte visibili e due deboli, disposte in una traccia di 2,1 metri nella parte inferiore dell’affioramento, a soli 2 metri sopra il livello del torrente. “La sua direzione sul ripido piano è fino a sud-est”, ha detto il dott. Marco Romano del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università La Sapienza di Roma e colleghi.

Il GT-2 è lungo 2,4 metri ed è tenuto in fondo allo stesso livello del materasso, 2 metri sopra il livello del torrente. “

I paleontologi hanno mappato i percorsi ai nuovi modelli, Isochirotherium GardettensisE lo interpretò come probabilmente prodotto dagli archosauri predatori di grosso corpo Erythrosuched, Trackmaker.

Sono stati realizzati circa 250 milioni di anni fa (Triassico inferiore), poco dopo l’estinzione di massa del Permiano-Triassico.

“Questa nuova scoperta fornisce ulteriori prove per la presenza di archosauri a basse latitudini durante il primo periodo Triassico”, hanno detto i ricercatori.

READ  Diretto | La speranza del Senato: "Se abbassiamo la guardia, la terza ondata è vicina". [VIDEO]

“Supporta un modello in cui l’estinzione di massa nei periodi Permiano e Triassico non ha svuotato completamente le terre a bassa latitudine dai tetrapodi che erano così in grado di far fronte alle temperature estremamente calde della Terra Pangea”.

Il gruppo un foglio È stato pubblicato sulla rivista Berg.

_____

Scatola FM Et al. 2020. Impronte archosauriformi nel Triassico inferiore delle Alpi occidentali e loro ruolo nella comprensione degli effetti del caldo estremo nel periodo Permiano-Triassico. Berg 8: e10522; Doi: 10.7717 / peerj.10522

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *