Il tokamak giapponese compie un nuovo passo

Il graduale funzionamento del tokamak giapponese JT60-SA ha superato un traguardo il 26 novembre: le 18 bobine ad anello superconduttore della macchina hanno raggiunto una temperatura di esercizio nominale di 4,5 K (-269 ° C).


Confronto tra la dimensione del tokamak e la dimensione umana

Dopo la fine dell’assemblea giapponese del tokamak il 31 marzo 2020, nonostante un Contesto (Il contesto dell’evento include le circostanze e le condizioni che lo circondano; …) Condizioni sanitarie difficili, da cui deriva il funzionamento del JT60-SA Umano (Il genere Passer è stato creato dallo zoologo francese Mathurin Jacques …) Un passaggio fondamentale nell’implementazione il freddo (Il freddo è la sensazione opposta del calore associata alle basse temperature.) A partire dal’la banda (Nella teoria degli insiemi, un gruppo definisce intuitivamente un insieme …) Magnete superconduttore. Questo processo è iniziato il 20 ottobre e almeno il 47 giorni (Oggi o oggi è il periodo tra l’alba e il tramonto; è …) Era necessario raffreddare 700 tonnellate del sistema di congelamento magnetico tokamak.

Per questo primo raffreddamento, il sistema di refrigerazione stava operando molto vicino alle sue prestazioni nominali, rivelando la realtà dei margini di dimensionamento che potevano essere utilizzati durante il funzionamento della macchina.


Raffreddamento con magnete ad anello (bobine TF) di JT60-SA

I prossimi passi nella messa in servizio saranno un forno di essiccazione a 200 ° C da Vuoto (Il vuoto è generalmente definito come l’assenza di materia in una regione spaziale.) Da JT-60SA per due settimane, mettendo in servizio l’alimentazione al magnete e producendo i primi campi magnetici durante il secondo (Seconde è il femminile del secondo aggettivo, che viene subito dopo il primo o che …) Due settimane a dicembre 2020.

READ  Gli scienziati hanno scoperto una caratteristica dei nuovi ceppi britannici di COVID

I progressi possono essere monitorati, quasi in tempo reale, sul sito JT60-SA.

Il primo plasma dovrebbe raggiungere Tutti (Tutto è inteso come tutto ciò che spesso esiste come il mondo o …) Inizio 2021 e una nuova pagina da Ricerca (La ricerca scientifica si riferisce in primo luogo a tutte le misure adottate per …) Ali Fusione nucleare (La fusione nucleare (a volte chiamata termonucleare) è, insieme alla fissione, una …) Usando il confinamento magnetico puoi iniziare a scrivere!

Torniamo indietro nel tempo

La costruzione del tokamak JT-60SA in Giappone è stata completata il 30 marzo 2020, che è la conclusione di quindici anni di sforzi. questo è Progetto (Un progetto è un impegno irreversibile per un risultato incerto e non è ripetibile a …) Collaborativo traEuropa (L’Europa è un’area selvaggia che può essere considerata …) Il Giappone mira a costruire il tokamak più grande Globalismo (La parola può significare mondo 🙂 Prima di eseguire Iter, utilizzando le tecniche di Superconduttore (La superconduttività (o superconduttività) è un fenomeno caratterizzato da …), Nell’ambito di un approccio più ampio a Iter.

Il 16 gennaio 2018 era il decimo e ultimo un eroe (Il campo corrisponde all’idea di uno spazio specifico 🙂 Anello per JT-60SA, in uscita dalle officine GE2 Power (ex Alstom) a Belfort, costruite sotto la responsabilità di CEA, il passato (Il passato è prima di tutto un concetto legato al tempo: è composto da tutto …) Hai completato con successo gli esami finali di ammissione. Altre dieci bobine sono prodotte in Italia da ASG3, sotto la responsabilità dell’ente di ricerca ENEA4. Il reattore (Potrebbe significare il reattore 🙂 Il JT-60SA utilizzerà solo diciotto bobine, due amplificatori (italiani) vengono prodotti oltre a garantire sostanzialmente il programma di fornitura e per superare eventuali contrattempi.

READ  La NASA si prepara per il "test verde" finale della sua gigantesca navicella spaziale SLS sulle missioni lunari di Artemis - notizie tecnologiche, firstpost

La fabbricazione di bobine a Belfort consiste nel realizzare la bobina magnetica, dai cavi superconduttori, e portare quella bobina in una scatola in Acciaio inossidabile (L’acciaio inossidabile gioca un ruolo enorme in innumerevoli settori: la vita …) Per fornire rigidità alla bobina Meccanico (Nel linguaggio quotidiano, la meccanica è il dominio di macchine, motori, veicoli e organi …) Necessarie per azionarlo, macchine meccaniche per dare alla bobina la precisione geometrica specificata sotto il millimetro e infine collegare gli elementi necessariAlimentazione elettrica (Il termine alimentazione si riferisce a un gruppo di sistemi in grado di fornire …) E raffreddamento criogenico, senza perdere di vista l’esecuzione di tutti i test intermedi e controlli di qualità.

I cavi superconduttori, parzialmente specificati da CEA, così come gli elementi scatolari sono stati forniti da F4E. La linea di produzione del coil è stata suddivisa in 12 postazioni di lavoro corrispondenti alle 12 fasi di lavorazione di base, tutte qualificate in modelli di produzione rappresentativi. Ogni bobina ha superato l’intera linea di produzione in poco più di 18 Mese (Un mese (dal latino mensis “mese”, precedentemente al plurale. “Mestruazioni”) è un periodo di tempo …) in un Vota (La media è una misura statistica che caratterizza gli elementi di un gruppo di …) E fino a cinque file esistono contemporaneamente su diverse workstation. L’obiettivo era quello di poter consegnare una bobina ogni due mesi dopo la prima bobina. Questo ritmo può essere raggiunto sui primi sette rulli.

Contatti:
Walid Abdel-Maqsoud (Irvo), (IRFM)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *