Il team NZ ha bisogno solo di una vittoria

La nazionale neozelandese sta per vincere la Coppa America.

I difensori hanno ottenuto sei vittorie su sette, che hanno visto Luna Rossa affrontare un appuntamento imperdibile mercoledì.

Foto: fare foto

Il cambio di vento ha negato al team neozelandese la possibilità di sollevare Auld Mug il sesto giorno di regata e dare un’ancora di salvezza agli italiani, quando la vela è stata abbandonata dopo solo una delle due regate programmate per un giorno.

Mercoledì il tempo determinerà dove gareggeranno le squadre, ma il ritorno all’Ippodromo C al largo di North Head sarà nella lista dei desideri del capitano neozelandese Peter Burling.

In particolare, se le barche riescono a riprodurre alcune delle gare più difficili nelle regate nautiche e la storia recente dell’America’s Cup, come hanno fatto durante la nona prova della serie che la Nuova Zelanda ha vinto con un margine di 30 secondi.

Burling ha descritto la gara, che ha subito sei grandi modifiche, come “probabilmente una delle regate più divertenti”.

“Entrambe le squadre stavano probabilmente navigando al meglio, ed è stata una lotta interessante lì”, ha detto Burling.

Jimmy Spethyl, assistente capitano di Luna Rossa, ha rivendicato più volte la squadra perdente durante questa regata, ma mercoledì affronta davvero la sua squadra.

Sul 3-6, perde e torna a casa, infrangendo il sogno dell’Italia di vincere finalmente la Copa América.

Ma Spithill ha detto che non si sarebbero arresi facilmente, anche se avevano bisogno di quattro vittorie di fila.

“La mia esperienza di questo tipo di situazione, e abbiamo passato tutti prima, è che non devi guardare lontano nel futuro. Il risultato non ha molta importanza, l’unica cosa che conta è vincere il prossimo tempo “, ha detto Spethel,” la gara e questo è esattamente il modo in cui affronteremo e lo faremo tutto ciò che possiamo “.

Il veliero neozelandese Glenn Ashby ha detto che posticipare la regata è stata la scelta giusta anche se ha fermato lo slancio del team neozelandese.

Viviamo per combattere anche un altro giorno, abbiamo tutti giocato tante gare nautiche e tanti campionati nel corso degli anni [postponements] Fa parte del nostro sport, e anche se c’è un po ‘di quello che avrebbe potuto essere, avrebbe potuto essere, e potrebbe essere iniziato, siamo molto a nostro agio e non vediamo l’ora di uscire, ha detto Ashby.

Tuttavia, Ashby sa che non dà nulla per scontato.

“Ci sono molti di noi nella squadra neozelandese che sono stati solo una vittoria dalla vittoria della Copa America in precedenza, quindi abbiamo visto il film prima e non è mai finito”.

Quando la gara riprenderà mercoledì, Ashby ha detto che il team neozelandese avrà in mente alcuni piani, ma si preoccuperà anche di ciò che Madre Natura ha da offrire loro, perché i capricci del vento possono fare la differenza quando conta di più.

“Entriamo in ogni regata con una mente molto aperta sul fatto che navigheremo in questa regata, a volte puoi avere dei set e dei piani prestabiliti, e ci sono altre volte in cui devi nuotare liberamente le condizioni e prendere rapidamente alcune decisioni “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.