Christian Eriksen non giocherà più in Italia a meno che non gli venga tolto il pacemaker, afferma la Federcalcio italiana

La Federcalcio italiana ha dichiarato che Christian Eriksen non potrà più giocare con l’Inter a meno che il suo pacemaker non venga rimosso dopo aver subito un arresto cardiaco mentre era in servizio in Danimarca.

Il 29enne è svenuto durante la partita di apertura di Euro 2020 contro la Finlandia il 12 giugno e ha richiesto un trattamento urgente di RCP da parte dei medici a bordo campo. Eriksen è stato riportato in vita in campo ma il resto della sua carriera calcistica rimane in dubbio.

Dopo l’arresto cardiaco, è stato confermato che Eriksen aveva ora un defibrillatore (ICD) inserito nel torace per regolare eventuali ulteriori disturbi del ritmo cardiaco.

Eriksen gioca a calcio per l’Inter in Italia, un paese che vieta ai giocatori sia a livello amatoriale che professionale di competere se hanno gravi difetti cardiaci.

Francesco Bracconaro, membro del comitato tecnico scientifico della Federcalcio italiana, ha rivelato che il calciatore danese deve aver tolto il pacemaker per tornare a giocare nel calcio italiano, in quanto si dimostrerà che non ha altri problemi cardiaci.

Christian Eriksen non potrà giocare in Italia quando avrà un pacemaker nel petto

Eriksen, 29 anni, ha avuto un arresto cardiaco durante la partita di Euro 2020 della Danimarca con la Finlandia il 12 giugno

Eriksen, 29 anni, ha avuto un arresto cardiaco durante la partita di Euro 2020 della Danimarca con la Finlandia il 12 giugno

bracconiere Bacio Bacio Radio: ‘Christian Eriksen non poteva essere chiaro per giocare in Italia.

“Se il giocatore toglie il defibrillatore, così si può risolvere il problema della conferma della malattia, può tornare a giocare nell’Inter”.

Durante l’apertura di Euro 2020 della Danimarca con la Finlandia il 12 giugno, Eriksen è sceso a terra incontrastato nel bel mezzo della partita a Copenaghen e ha ricevuto un trattamento di RCP immediato dallo staff medico.

READ  Tour di trasferimento dell'Arsenal: la nuova offerta di Granite Chaca di Jose Mourinho, il doppio raid dell'Arsenal

La partita è stata rinviata poco dopo le 18 di quella sera ed Eriksen è stato visto seduto in posizione eretta con una maschera di ossigeno sulla bocca pochi minuti dopo.

La star danese aveva urgente bisogno di rianimazione in campo ed è tornata in vita a Copenaghen

La star danese aveva urgente bisogno di rianimazione in campo ed è tornata in vita a Copenaghen

Eriksen gioca per un club italiano che ha regole ferree sui giocatori che praticano sport dopo problemi cardiaci

Eriksen gioca per un club italiano che ha regole ferree sui giocatori che praticano sport dopo problemi cardiaci

È stato portato in ospedale prima che la Federcalcio danese confermasse che era sveglio e cosciente, mentre il suo agente Michael Schuts ha rivelato più tardi quella sera che era in grado di parlare e parlare mentre riceveva ulteriori test.

Poi i danesi hanno deciso di chiudere la partita dopo aver appreso la notizia del recupero di Eriksen.

Eriksen è stato dimesso il 18 giugno dopo sei giorni di ricovero ospedaliero, dove è stato dotato di un cardioverter-defibrillatore impiantabile, un dispositivo collegato al cuore tramite fili e che invia un impulso elettrico per correggere i ritmi irregolari.

“Questo dispositivo è necessario dopo un infarto dovuto ad aritmie”, ha detto il medico danese Morten Possen dopo che Eriksen è stato dimesso dall’ospedale.

“Christian ha accettato la soluzione e il piano è stato confermato da professionisti nazionali e internazionali che raccomandano tutti lo stesso trattamento”.

Eriksen ora ha un defibrillatore impiantabile (ICD) per controllare il suo ritmo cardiaco نظم

Eriksen ora ha un defibrillatore impiantabile (ICD) per controllare il suo ritmo cardiaco نظم

Il calciatore è stato fotografato in pubblico per la prima volta dal collasso del 2 luglio mentre era in piedi con un giovane fan sulla spiaggia di Tisvilde Strand, nel nord della Danimarca.

READ  Thomas Parr salta la finale e l'Italia vince il doppio sogno d'oro

Al 29enne è stata offerta la possibilità di assistere alla finale di Euro 2020 l’11 luglio insieme ai sei infermieri che gli hanno salvato la vita.

La notte del crollo di Eriksen, il principale cardiologo del SSN, il dottor Scott Murray, ha affermato che Eriksen probabilmente non sarebbe stato in grado di giocare di nuovo per l’Inter a causa delle rigide regole italiane che consentivano alle persone con problemi cardiaci di prendere parte ad attività sportive.

Il dottor Murray ha detto a MailOnline: “Questa potrebbe essere (la fine della sua carriera) per lui. Gli italiani impediscono alle persone di praticare sport se si scopre che hanno un difetto cardiaco significativo, è per legge.

Lo fanno da molto tempo, da oltre 20 anni, e hanno ridotto i tassi di mortalità per arresto cardiaco nello sport da oltre il 3% a meno dell’1%.

Il principale cardiologo del SSN, il dottor Scott Murray, ha rivelato che è improbabile che Eriksen possa giocare di nuovo a calcio football

Il principale cardiologo del SSN, il dottor Scott Murray, ha rivelato che è improbabile che Eriksen possa giocare di nuovo a calcio football

“Lui (Eriksen) viene da un club italiano quindi avrebbe dovuto fare tutti gli esami prima di iniziare (giocando all’Inter). Gli italiani sono i migliori nel controllare le malattie cardiache negli atleti in gara.

L’Italia ha il più grande pre-spettacolo al mondo che sta cercando di ridurre l’azione, ma ha ancora un evento in campo. Quindi, anche se lo schermo, può ancora succedere.

“Sarà difficile per lui sradicare, e così sarà lo 0,01% delle persone che avranno ancora qualcosa da fare”.

Il centrocampista danese ha collezionato 60 presenze con l’Inter da quando è arrivato al club dal Tottenham Hotspur 18 mesi fa. Il 29enne ha aiutato la squadra italiana a vincere il suo primo titolo di Serie A in 11 anni la scorsa stagione.

Durante la sua permanenza in Inghilterra, Eriksen ha collezionato oltre 300 presenze con il Tottenham in un periodo di sei anni e mezzo nel nord di Londra.

Il professor Sanjay Sharma, che ha sottoposto l’ex centrocampista del Tottenham a una serie di test annuali tra il 2013 e il 2020, ha affermato che Eriksen non aveva precedenti di problemi cardiaci, ma nessun test era “garantito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *