Il segretario generale delle Nazioni Unite invita i talebani ad abolire il divieto imposto alle lavoratrici | Notizie sui diritti delle donne

Il segretario generale delle Nazioni Unite invita i talebani ad abolire il divieto imposto alle lavoratrici |  Notizie sui diritti delle donne

Le Nazioni Unite hanno affermato di non poter accettare la decisione dei talebani di vietare alle dipendenti afghane di lavorare per l’agenzia.

Le Nazioni Unite hanno affermato di non poter accettare la decisione dei talebani di vietare alle dipendenti afghane di lavorare per l’agenzia, definendola una violazione “senza precedenti” dei diritti delle donne.

La dichiarazione di mercoledì è arrivata il giorno dopo che le Nazioni Unite hanno dichiarato di essere stato informato dai talebani al potere in Afghanistan che alle donne afghane non sarebbe più stato permesso di lavorare per l’organismo internazionale. L’annuncio è arrivato dopo che la Missione delle Nazioni Unite nel Paese ha espresso preoccupazione per impedire alle sue dipendenti di venire a lavorare nella provincia orientale di Nangarhar.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto che l’embargo venga “revocato immediatamente”.

“Questa è una violazione dei diritti umani fondamentali e inalienabili delle donne”, ha detto mercoledì il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric in una dichiarazione a nome di Guterres.

I talebani non hanno commentato pubblicamente il divieto e non hanno rilasciato una dichiarazione.

La dichiarazione delle Nazioni Unite afferma che molte donne del personale nazionale delle Nazioni Unite avevano già subito restrizioni ai loro movimenti, tra cui molestie, intimidazioni e detenzione.

“Le Nazioni Unite hanno quindi incaricato tutto il personale locale – sia uomini che donne – di non presentare rapporti all’ufficio fino a nuovo avviso”, afferma la dichiarazione.

Nonostante le promesse iniziali di un governo più morbido rispetto al precedente periodo al potere, i talebani hanno imposto misure dure da quando hanno conquistato il paese nel 2021, mentre le forze statunitensi e della NATO si ritirano dall’Afghanistan dopo due decenni di guerra.

READ  L'Iran accusa Israele di essere dietro gli attacchi ai gasdotti Notizia

Alle ragazze è proibito l’istruzione dopo la prima media. Alle donne è vietato lavorare, studiare, viaggiare senza un compagno maschio e visitare i parchi pubblici. Le donne dovrebbero anche coprirsi dalla testa ai piedi.

Donne afgane cantano e tengono cartelli di protesta durante una manifestazione a Kabul, Afghanistan, 26 marzo 2022. [File: Mohammed Shoaib Amin/AP Photo]

Alle donne afghane è già stato vietato di lavorare per ONG nazionali e internazionali, interrompendo la consegna degli aiuti umanitari. Tuttavia, il divieto in precedenza non includeva il lavoro per le Nazioni Unite.

Questa settimana è cambiata. Mercoledì, la missione delle Nazioni Unite ha affermato che, secondo l’ordine dei talebani, a nessuna donna afghana è permesso lavorare per le Nazioni Unite in Afghanistan e che “questa misura sarà attuata attivamente”.

La dichiarazione afferma che il divieto è illegale ai sensi del diritto internazionale e non può essere accettato dalle Nazioni Unite.

La rappresentante speciale del segretario generale per l’Afghanistan, Rosa Otunbayeva, sta impegnando le autorità talebane a trasmettere la protesta delle Nazioni Unite e chiedere un’immediata ritrattazione della questione. Le Nazioni Unite hanno dichiarato di coinvolgere anche gli Stati membri, la comunità dei donatori e i partner umanitari.

“Nella storia delle Nazioni Unite, nessun altro regime ha mai tentato di impedire alle donne di lavorare nell’organizzazione semplicemente perché sono donne”, ha detto Otunbayeva. “Questa decisione rappresenta un attacco alle donne, ai principi fondamentali delle Nazioni Unite e al diritto internazionale”.

Il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha affermato che l’ONU ha circa 3.900 dipendenti in Afghanistan, di cui circa 3.300 afghani e 600 internazionali. Il numero totale comprende anche 600 donne afghane e 200 donne di altri paesi.

Otunbayeva è un ex presidente e ministro degli affari esteri della Repubblica del Kirghizistan. Nominato dal Segretario generale in coordinamento con il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Martedì un portavoce delle Nazioni Unite ha dichiarato che i talebani non hanno intrapreso alcuna azione nei confronti dell’Alto comando delle Nazioni Unite.

READ  Un dipendente dell'Ahuachapen Hospital muore a causa di COVID-19; La seconda vittima entro tre giorni Notizie da El Salvador

Le restrizioni dei talebani in Afghanistan, in particolare il divieto all’istruzione e al lavoro delle ONG, hanno suscitato una feroce condanna internazionale. Ma i talebani non mostrano segni di cedimento, sostenendo che il divieto è una sospensione temporanea presumibilmente perché le donne non indossavano il velo o il velo in modo appropriato e perché le regole sulla segregazione di genere non venivano seguite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *