Il Qatar Barshim e l’Italia Tampere condividono l’oro nel salto in alto | Notizie sui Giochi Olimpici

Il raro oro congiunto è arrivato quando il Qatar Moataz Barshim e l’italiano Gianmarco Tampere hanno pareggiato 2,37 metri a Tokyo.

Il Qatar Mutaz Barshim e l’italiano Gianmarco Tampere si sono lasciati alle spalle l’incubo di gravi infortuni per condividere una rara medaglia d’oro nell’atletica olimpica nel salto in alto.

Barshim – che ha consegnato al Qatar il suo primo titolo olimpico nell’atletica leggera – Timbery ha avuto un miglior gioco di 2,37 metri domenica.

Anche Maxim Nidasekow della Bielorussia ha superato l’altezza per stabilire un record nazionale. Tuttavia, una parte dell’oro è stata persa a causa di un precedente fallimento.

Barshim, 30 anni e Timbery, 29 anni, non hanno avuto un tentativo fallito fino a quando non hanno cercato di attraversare il segno dei 2,39 metri.

Dopo tre fallimenti ciascuno a 2,39, sono finiti legati e hanno avuto una conversazione con un ufficiale olimpico, che prima ha offerto loro un “salto” per decidere.

Barshim chiese: “Possiamo ottenere due monete d’oro?”

L’ufficiale annuì ei due giocatori si strinsero le mani, singhiozzando di gioia.

Per Barchem, completa una serie completa di medaglie olimpiche dopo aver vinto il bronzo a Londra nel 2012 e l’argento a Rio cinque anni fa.

Barshim ha saltato gran parte del 2018 a causa di un grave infortunio alla caviglia, tornando a vincere la medaglia d’oro mondiale all’aperto in casa nel 2019.

“Questo è un sogno da cui non voglio svegliarmi”, ha detto.

“Ne ho passate tante. Sono cinque anni che aspettavo, con molti infortuni e battute d’arresto.

Ma oggi siamo qui per condividere questo momento e tutti i sacrifici. Ne vale davvero la pena in questo momento”.

READ  Maradona chiede il drammatico aiuto del suo medico personale: "C'è un uomo che soffre di arresto cardiaco respiratorio" | prima pagina
La medaglia d’oro del Qatar Mutaz Issa Barshim ha assegnato al Qatar la sua prima medaglia d’oro olimpica nell’atletica leggera [Cameron Spencer/Pool/AFP]

Tampere ha aggiunto l’oro olimpico a un titolo mondiale indoor ed europeo, entrambi nel 2016, e ha festeggiato selvaggiamente nonostante l’assenza di spettatori ai Giochi colpiti dalla pandemia.

L’uccello dal pelo lungo crollò a terra e si rotolò in estasi.

Ha riguadagnato la sua compostezza brevemente prima di iniziare a giocare ancora quando il connazionale di Lamont, Marcel Jacobs, ha sbalordito il mondo dello sprint vincendo il titolo olimpico dei 100 metri.

Le sue celebrazioni emotive erano comprensibili dato che ha subito un grave infortunio al tendine d’Achille settimane dopo i Giochi del 2016 che lo hanno visto esibirsi in un cast.

“Dopo il mio infortunio, volevo solo tornare, ma ora ho questo oro, è incredibile”, ha detto.

“L’ho sognato molte volte. Mi è stato detto nel 2016, poco prima di Rio, che c’era il rischio che non sarei più stato in grado di competere. È stato un lungo viaggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *