Il produttore russo di gas naturale liquefatto Novatek sospende le operazioni al terminal del Mar Baltico dopo gli spari dell'attacco di droni ucraini

Il produttore russo di gas naturale liquefatto Novatek sospende le operazioni al terminal del Mar Baltico dopo gli spari dell'attacco di droni ucraini

Un incendio è scoppiato in un terminale del Mar Baltico appartenente a Novatek, il più grande produttore russo di gas naturale liquefatto, dopo un sospetto attacco di droni ucraini, costringendo la società a sospendere alcune delle sue operazioni lì.

Il complesso di Ust-Luga, situato sul Golfo di Finlandia a circa 170 chilometri a ovest di San Pietroburgo, trasforma il condensato di gas stabilizzato in nafta leggera e pesante, carburante per aerei, olio combustibile e gasolio, secondo il sito web di Novatek. Il porto viene utilizzato per spedire prodotti manifatturieri verso i mercati internazionali.

L'agenzia di stampa Interfax-Ucraina, citando fonti anonime, ha riferito che l'incendio è stato il risultato di un'operazione speciale condotta dai servizi di sicurezza ucraini.

“Il terminal petrolifero di Ust-Luga nella regione di Leningrado è un'importante struttura per il nemico, dove viene raffinato il carburante e, tra le altre cose, viene fornito anche alle forze russe.

“Un attacco riuscito a una tale stazione non solo provoca danni economici al nemico, priva gli occupanti dell’opportunità di fare soldi per fare la guerra in Ucraina, ma complica anche significativamente la logistica del carburante per l’esercito russo”.

Il fumo si alza sopra un impianto di gas naturale nel porto russo di Ust-Luga, sul Mar Baltico. Foto: account AFP/Telegram @drozdenko_au_lo

Reuters non è stata in grado di confermare che l'incendio sia stato causato da un attacco di droni ucraini.

Alexander Drozdenko, governatore della regione di Leningrado, ha dichiarato tramite l'app di messaggistica Telegram che non ci sono state vittime e che tutti i lavoratori sono stati evacuati in sicurezza.

Le agenzie di stampa russe hanno riferito che i serbatoi di stoccaggio e una stazione di pompaggio sono stati danneggiati, ma l'incendio è stato domato.

Novatek ha dichiarato in una nota di aver sospeso alcune operazioni dopo l’incendio, che secondo lui era il risultato di una “influenza esterna”.

READ  Un alto funzionario della difesa statunitense ha affermato che l'aviazione ucraina ha aggiunto circa 20 velivoli operativi in ​​più dopo un afflusso di pezzi di ricambio

“Il processo tecnologico a Novatek-Ust-Luga è stato interrotto ed è stata istituita una sede operativa per eliminare le conseguenze. Il danno sarà valutato in seguito”, ha affermato la società.

I prezzi elevati limitano la sete dell’India di petrolio russo

Il sito di notizie russo Shot ha riferito che i residenti locali hanno sentito un drone operare nelle vicinanze, seguito da diverse esplosioni.

Russia e Ucraina hanno preso di mira le reciproche infrastrutture energetiche con attacchi volti a interrompere le linee di rifornimento e i servizi logistici, e ciascuna parte sta cercando di demoralizzare l’altra in una guerra che va avanti da quasi due anni e non mostra segni di fine.

Venerdì, un attacco di droni ha colpito un deposito petrolifero nella regione occidentale di Bryansk, in Russia, al confine con l'Ucraina, un attacco che Mosca ha attribuito a Kiev. Ciò è avvenuto il giorno dopo un attacco a un terminal petrolifero russo nel Mar Baltico, che secondo funzionari russi non ha avuto successo.

Baza, testata giornalistica russa nota per i suoi contatti con i servizi di sicurezza, ha pubblicato su Telegram un filmato che mostra grandi fiamme che si innalzano verso il cielo sopra quello che sembra essere un complesso industriale.

Fontanka ha riferito che tre navi cisterna internazionali erano ancorate vicino all'incendio, anche se non sono stati segnalati danni.

Drozdenko ha detto che è stato messo in atto un “sistema di allerta elevato” e che i funzionari si sono riuniti per una riunione di emergenza.

Novatek ha trattato nel complesso nella prima metà del 2023, secondo gli ultimi dati disponibili, 3,4 milioni di tonnellate di gas condensato stabilizzato, con un incremento dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *