Il più grande iceberg del mondo si separa dall’Antartide

L’Agenzia spaziale europea ha dichiarato mercoledì che un gigantesco pezzo di ghiaccio si è staccato dal bordo ghiacciato dell’Antartide nel Mare di Weddell, diventando il più grande iceberg del mondo.

In una dichiarazione pubblicata sul suo sito web con un’immagine dell’enorme calotta di ghiaccio rettangolare, l’agenzia spaziale ha affermato che il piolo neonato, identificato dagli scienziati A-76, è stato individuato in recenti immagini satellitari scattate dalla missione Sentinel-1 di Copernicus.

Ha una superficie di 4.320 chilometri quadrati (1.668 miglia quadrate), 175 chilometri (106 miglia) di lunghezza e 25 chilometri (15 miglia) di larghezza. Questo lo rende tre quarti dell’area dell’isola del Principe Edoardo, che ha un’area di 5.660 chilometri quadrati, e più grande dell’isola turistica spagnola di Maiorca nel Mediterraneo, che occupa 3.640 chilometri quadrati (1.405 miglia quadrate) . Lo stato americano del Rhode Island è ancora più piccolo, a soli 2.678 chilometri quadrati (1.034 miglia quadrate).

La magnitudine dell’A-76, che si è separata dalla runa del ghiaccio dell’Antartide, si classifica come il più grande iceberg presente sul pianeta, superando attualmente il secondo posto A-23A, che ha una dimensione di circa 3.380 chilometri quadrati (1.305 miglia quadrate ) ed è anche fluttuante. Nel mare di Weddell.

Gli scienziati hanno detto all’inizio di quest’anno un altro enorme iceberg in Antartide ha minacciato un’isola abitata da pinguini al largo della punta meridionale del Sud America che da allora ha perso gran parte della sua massa ed è stata frantumata.

L’iceberg è circa tre quarti delle dimensioni dell’Isola del Principe Edoardo. (Notizie CBC)

L’A-76 è stato rilevato per la prima volta dal British Antarctic Survey e confermato dall’US National Ice Center con sede nel Maryland utilizzando immagini di Copernicus Sentinel-1, che consiste di due satelliti in orbita attorno ai poli.

La piattaforma di ghiaccio Ronne vicino alla base della penisola antartica è uno dei più grandi strati di enorme ghiaccio galleggiante che si collega alla massa terrestre del continente e si estende nei mari circostanti.

Non legato al cambiamento climatico

Ted Scampus, ricercatore glaciologo, ha affermato che la nascita periodica di grandi pezzi di quegli scaffali fa parte di un ciclo naturale e la divisione dell’A-76, che probabilmente si dividerà presto in due o tre pezzi, non è collegata al cambiamento climatico. All’Università del Colorado a Boulder.

Scampos ha detto che il fiume Rodano e un’altra vasta piattaforma di ghiaccio, Ross, si sono “comportati in modo stabile e quasi periodico” per il secolo scorso o più. “Poiché il ghiaccio galleggiava già nel mare prima di andare alla deriva al largo della costa, il suo distacco non innalza il livello dell’oceano”, ha detto a Reuters via e-mail.

Alcune piattaforme di ghiaccio lungo la penisola antartica, lontano dall’Antartide, hanno visto una rapida disintegrazione negli ultimi anni, un fenomeno che gli scienziati ritengono possa essere collegato al riscaldamento globale, secondo il National Ice and Snow Data Center degli Stati Uniti.

READ  Stati Uniti: il Mukhtar che divenne ricco vendendo bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.