Il leader kazako ordina l’uso della forza letale in ogni ulteriore manifestazione

Il presidente del Kazakistan ha detto venerdì di aver permesso alle forze dell’ordine di aprire il fuoco sui “terroristi” e sparare per ucciderli, una mossa che arriva dopo giorni di proteste estremamente violente nell’ex paese sovietico.

In un discorso televisivo alla nazione, Kasim-Jomart Tokayev ha accusato i disordini di “terroristi” e “militanti” e ha affermato di aver autorizzato l’uso della forza letale contro di loro.

“Ho dato l’ordine alle forze dell’ordine e all’esercito di sparare e uccidere senza preavviso”, ha detto Tokayev. Chi non si arrende sarà eliminato».

Ha anche criticato le richieste di alcuni altri paesi per colloqui con i manifestanti, descrivendoli come “assurdità”. “Quali trattative si possono fare con criminali e assassini?” ha detto Tokayev.

Il ministero dell’Interno ha dichiarato che 26 “criminali armati” sono stati “liquidati” e 18 membri della polizia e del personale della Guardia nazionale sono stati uccisi, cifre che sembrano non essere state aggiornate da giovedì. La televisione di Stato ha riferito che sono stati effettuati più di 3.700 arresti.

Iniziano le proteste per l’aumento dei prezzi del gas

Il Kazakistan sta vivendo le sue peggiori proteste di piazza da quando il paese ha ottenuto l’indipendenza tre decenni fa. Le manifestazioni sono iniziate per il quasi raddoppio dei prezzi per un tipo di carburante per veicoli e si sono diffuse rapidamente in tutto il paese, riflettendo un più ampio malcontento per il governo dello stesso partito dall’indipendenza e l’autocrate che ha scelto Tokayev come successore, Nursultan Nazarbayev. .

Nazarbayev ha ceduto la presidenza a Tokayev tre anni fa, dopo aver governato dal 1991, ma è opinione diffusa che la sua famiglia abbia mantenuto la sua influenza a Nur-Sultan, la capitale appositamente costruita che porta il suo nome.

READ  È qui che le forze russe sono avanzate finora

Le proteste sono diventate violente, con edifici governativi incendiati e decine di manifestanti e più di una dozzina di agenti delle forze dell’ordine uccisi. Internet è stato chiuso in tutto il paese e due aeroporti sono stati chiusi, uno dei quali era ad Almaty, la città più grande del paese.

In un paese in cui è tollerato poco dissenso politico, nessun leader di spicco del movimento di protesta è apparso per presentare richieste ufficiali.

In una concessione, giovedì il governo ha annunciato un tetto massimo di 180 giorni sui prezzi del carburante per veicoli e una moratoria sugli aumenti dei prezzi delle utenze. Tokayev ha esitato tra il tentativo di pacificare i manifestanti, compresa l’accettazione delle dimissioni del suo governo, e la promessa di misure dure per sedare i disordini, che ha attribuito a “bande terroristiche”.

Guarda | Arrivo delle truppe in Kazakistan:

Le forze russe convocate per sedare le violente proteste in Kazakistan

Russia e Bielorussia hanno inviato truppe in Kazakistan nel tentativo di sedare le violente proteste per l’inflazione e l’aumento dei prezzi del gas. 2:06

In quella che era considerata una di queste misure, il presidente ha invitato una coalizione militare guidata dalla Russia ad aiutare. La coalizione, la Collective Security Treaty Organization (CSTO), comprende ex repubbliche sovietiche come Kazakistan, Bielorussia, Armenia, Tagikistan e Kirghizistan e ha iniziato a dispiegare truppe in Kazakistan per una missione di mantenimento della pace.

I media kazaki hanno citato funzionari del ministero degli Esteri affermando che un totale di 2.500 soldati dei paesi della CSTO sono arrivati ​​in Kazakistan e tutti sono stati dispiegati ad Almaty.

READ  Almeno 20 persone sono state trovate morte in una discoteca sudafricana

I funzionari kazaki insistono sul fatto che le truppe non combatteranno i manifestanti e proteggeranno invece le istituzioni governative.

Il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko ha affermato che Mosca “sta facendo ciò che dovrebbero fare gli alleati”.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che Washington sta monitorando le forze russe per qualsiasi “azione che possa gettare le basi per l’acquisizione delle istituzioni kazake”.

Venerdì, Tokayev ha annunciato che “in pratica, l’ordine costituzionale è stato ripristinato in tutte le regioni del Paese” e che “le autorità locali hanno il controllo della situazione”.

La gente fa la fila per prelevare contanti da un bancomat a Nur-Sultan tra le proteste anti-governative. Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha dichiarato venerdì che l’ordine costituzionale è stato ampiamente ripristinato. (Torar Kazangapov/Reuters)

Il presidente ha aggiunto, tuttavia, che “i terroristi continuano a usare armi e danneggiare le proprietà delle persone” e che dovrebbe continuare il “lavoro antiterrorismo”.

Ci sono state segnalazioni di schermaglie ad Almaty venerdì mattina. L’edificio, occupato dalla filiale kazaka della stazione Mir con finanziamenti provenienti da diversi paesi ex sovietici, ha preso fuoco, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ufficiale russa TASS.

Ripresa dei voli in aeroporto

Il portavoce del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov, ha dichiarato venerdì che l’aeroporto di Almaty – che è stato preso d’assalto e sequestrato dai manifestanti in precedenza – è tornato sotto il controllo delle forze dell’ordine kazake e delle forze di pace della CSTO. L’emittente televisiva locale Khabar 24, citando i portavoce dell’aeroporto, ha riferito che l’aeroporto rimarrà chiuso fino a venerdì sera.

In altre parti del Paese alcune cose stanno iniziando a tornare alla normalità. Nella capitale, Nur-Sultan, l’accesso a Internet è stato parzialmente ripristinato e il traffico ferroviario è ripreso in tutto il Kazakistan.

Il quotidiano “Khabar 24” ha riferito che l’aeroporto della capitale funziona come di consueto. Secondo il canale televisivo, le compagnie aeree riprenderanno i voli nazionali verso le città di Shymkent, Turkestan e Atyrau, nonché i voli per Mosca e Dubai, a partire dalle 15:00 ora locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.