Il Ramadan attira 60.000 persone a Gerusalemme dopo una notte di violenze

Circa 60.000 musulmani hanno pregato nella moschea di Al-Aqsa nella Città Vecchia di Gerusalemme il secondo venerdì del Ramadan, dopo una notte di violenze.

Dalla tarda notte di giovedì fino all’inizio di venerdì, la polizia israeliana ha arrestato più di 50 persone e medici palestinesi hanno detto che 100 sono stati feriti durante gli scontri nella città contesa nel cuore del conflitto israelo-palestinese.

La polizia in tenuta antisommossa ea cavallo ha combattuto per disperdere due gruppi di manifestanti: giovani palestinesi che lanciavano petardi e incendiavano bidoni della spazzatura e israeliani estremisti che cantavano slogan anti-arabi.

Scontri e altri incidenti violenti si sono verificati tra palestinesi e israeliani ogni notte dall’inizio del Ramadan.

Sovrapposizione di agenti di polizia israeliani passano davanti a un incendio durante gli scontri con i palestinesi, fuori dalla Città Vecchia di Gerusalemme il 22 aprile 2021. (Ariel Shalit / Associated Press)

I fedeli si scontrano con la polizia

Palestinesi dicono che la polizia ha cercato di impedire loro di tenere i loro soliti raduni serali del Ramadan fuori dalla Porta di Damasco, un punto di riferimento storico sul lato settentrionale della Città Vecchia e adiacente a diversi quartieri palestinesi.

“Ci sono chiare intenzioni per fermare i fedeli, e c’è l’intenzione di creare problemi e creare nemici con i fedeli e impedire loro di raggiungere la moschea di Al-Aqsa”, ha detto un residente di Gerusalemme, Noureddin Qurei.

Una donna palestinese si fa strada attraverso il checkpoint israeliano di Qalandia per partecipare alla seconda preghiera del venerdì del Ramadan alla moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme, vicino a Ramallah, nella Cisgiordania occupata il 23 aprile 2021. (Muhammad Turkman / Reuters)

La polizia afferma che la misura fa parte di uno sforzo per garantire ai musulmani un accesso sicuro al principale sito di preghiera islamico, che i musulmani rispettano come il Nobile Santuario, e gli ebrei venerano il Monte del Tempio.

Israele afferma che tutta Gerusalemme, compreso il settore orientale catturato nella guerra in Medio Oriente del 1967, è la sua capitale. I palestinesi cercano di fare di Gerusalemme est, compresi i luoghi santi musulmani, cristiani ed ebrei, la capitale del loro futuro stato.

Ascolta | L’anno in cui abbiamo digiunato da soli:

READ  Biden ha sollevato diverse questioni controverse nella sua prima telefonata con il presidente russo Vladimir Putin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.