Il futuro dell’Italia: Gray | Europa | DW

Una mattina di sole a Roma, cielo azzurro e piacevole tepore primaverile. Ma le venerabili sculture sembrano deserte e le piazze e le strade deserte come in un set cinematografico spettrale. Gli stormi ruggenti di turisti se ne sono andati e invece si incontrano con gli agenti di polizia ad ogni angolo per verificare perché ti stai muovendo.

Domenica scorsa gli italiani hanno atteso con impazienza la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte. Sperano che il coprifuoco, in vigore da settimane, venga revocato il 4 maggio. Conte ha detto che si può fare solo a piccoli passi.

“Non resta molto finché non abbiamo fame.”

Il tassista rumeno Claudio dice: “Non vedo il nero del nostro futuro, né lo vedo attraverso occhiali rosa. Il grigio può essere il colore giusto per descrivere la nostra situazione”. Non sa come pagare il suo debito fiscale nei prossimi mesi. I clienti aspettano ore ogni giorno.

Il tassista Claudio non crede nei piani del governo

“Il virus ha perso parte del suo effetto nel nostro Paese, ma non manca molto finché non moriamo di fame. Abbiamo molta paura perché se hai debiti o un mutuo sulla casa, non puoi ottenere un nuovo prestito dalle banche”, lamenta Claudio.

I primi mesi della crisi sono finiti e il severo divieto di contatto ha avuto effetto. Il governo italiano ha ora annunciato una seconda fase. L’economia italiana ha la priorità sulla vita sociale e dovrebbe tornare di nuovo nell’economia il prima possibile. A partire dal 4 maggio, la maggior parte della produzione verrà riavviata. Inoltre, deve essere nuovamente consentita la consegna e il ritiro presso i ristoranti; Apriranno bar e parrucchieri.

READ  DIHK: Stai zitto - l'economia

Conte: La prossima tappa sarà più difficile

Il premier Conte ha ringraziato il suo popolo per la pazienza dimostrata finora. È orgoglioso di quanto siano arrivati ​​gli italiani: un enorme successo. Ma “la prossima tappa sarà più difficile”.

Italia |  Coronavirus |  PK del presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Il premier Conte chiede che vengano fatti piccoli passi per allentare la situazione

Il tassista Claudio è frustrato. “Molti italiani sono stati costretti a indebitarsi chiudendo le loro attività”. Il governo offre ai lavoratori autonomi ea tempo pieno un’indennità mensile di 600 euro, ma Claudio non convince di questo aiuto. Il tassista si lamenta: “La maggior parte degli italiani non ha ricevuto alcun risarcimento dal mese scorso. Se questo aiuto non arriva, come pagherete le tasse il mese prossimo?” Dice che altri paesi sosterranno i loro cittadini in modo più finanziario. “Quello che otteniamo è il permesso di uscire di casa”, dice sarcastico Claudio.

Simona, che gestisce un caffè nel centro di Roma, è nella stessa direzione. “Anche se questo aiuto viene pagato per settimane, non è sufficiente”. È un piano futile. “Molte famiglie stanno ancora aspettando i 600 euro promessi. Come dovremmo mettere un piatto pieno davanti ai nostri figli a lungo termine? Ci aspettavamo più aiuto dallo Stato. L’Italia sta letteralmente morendo di fame”.

La mobilità rimane fortemente limitata

Ci saranno anche restrizioni alla libertà di movimento nella Fase 2: a partire dal 4 maggio, è consentito uscire di casa solo per fare acquisti, lavoro, cure mediche o visitare parenti o partner. L’amministrazione regionale locale può essere lasciata solo con una buona causa.

Irene Farinelli, 70 anni, in pensione, si oppone ai pignoramenti regionali. “I miei figli e nipoti vivono in altre zone. Non li vedo da due mesi. Molti sono preoccupati che dovremo chiuderci in casa per molto tempo. Dobbiamo uscire da questa situazione il prima possibile”.

Anche se molti italiani vogliono porre fine alle restrizioni di viaggio, i virologi e gli epidemiologi italiani chiedono che tali restrizioni vengano mantenute il più a lungo possibile. Andrea Cristante, uno dei virologi più famosi della nazione dell’Università di Padova, sostiene che anche una leggera diluizione farà molto. Ha detto al quotidiano italiano La Repubblica: “Quando l’intero Paese è stato imprigionato l’11 marzo, c’erano 1.800 casi al giorno. Questo è lo stesso numero che abbiamo registrato ieri”.

Le scuole non dovrebbero aprire fino a settembre

Danielle, un giovane padre, si lamenta dell’abbandono scolastico. Gli impianti di produzione verranno aperti, ma le scuole rimarranno chiuse. “Chi dovrebbe prendersi cura dei bambini, non possono essere lasciati anche loro con i nonni? Siamo lasciati soli”, ha detto Danielle.

I romani lo mettono in dubbio: le numerose restrizioni legate al Coronavirus nonché i danni economici inflitti a molti romani li riguardano. La maggior parte di loro non crede che la seconda fase migliorerà in modo significativo la loro situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *