Il commissario per la privacy afferma che i negozi BC hanno violato le leggi sulla privacy per la tecnologia Face ID – Notizie BC

Il commissario per la privacy afferma che i negozi BC hanno violato le leggi sulla privacy per la tecnologia Face ID – Notizie BC

BC Stores ha violato le leggi sulla privacy

Stampa canadese – | Storia: 422383

Il commissario per la privacy della Columbia Britannica afferma che i negozi di pneumatici canadesi che utilizzano la tecnologia di riconoscimento facciale non hanno informato adeguatamente i propri clienti né ottenuto il consenso per raccogliere informazioni personali.

Il rapporto di Michael McEvoy afferma che anche se i quattro negozi su cui ha indagato avevano il permesso, dovevano comunque mostrare uno scopo ragionevole per la raccolta delle informazioni, cosa che l’indagine ha scoperto che non avevano.

Dodici negozi di pneumatici canadesi utilizzavano la tecnologia da circa tre anni, affermando che era necessaria per il furto e la sicurezza dei dipendenti, ma i sistemi sono stati rimossi e le informazioni distrutte quando il commissario ha informato la catena che quattro negozi erano sotto inchiesta.

McEvoy afferma che i sistemi hanno acquisito informazioni biometriche molto sensibili tra il 2018 e il 2021 e i negozi hanno dovuto presentare un caso convincente per dimostrare che era ragionevole raccogliere l’esatta visione matematica del volto di ogni persona.

Dice che i negozi hanno infranto la legge sulla protezione delle informazioni personali e ha formulato raccomandazioni al governo e ai negozi.

I negozi devono sviluppare e mantenere un solido piano di gestione della privacy, afferma McEvoy, mentre il governo della Columbia Britannica deve modificare le leggi che regolano la vendita di tecnologia biometrica e creare ulteriori obblighi per le organizzazioni che la utilizzano.

READ  La nuova insegna del Rogers Building segna la ridenominazione della Shaw Tower a Vancouver

Ironia della sorte, dice l’assessore, ci sono norme per chi vende e installa vecchi sistemi di videosorveglianza, ma non per chi usa la più invasiva tecnologia di riconoscimento facciale.

“Capisco che i rivenditori si trovino ad affrontare un ambiente difficile, ma dovrebbero considerare attentamente i diritti alla privacy dei propri clienti prima di acquistare e installare nuove tecnologie che raccolgono informazioni personali altamente sensibili”, ha affermato in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *