Il bigodino olimpico passa all’avvocato aziendale

“Surreale”. È così che Maureen Brunt Clark descrive la marcia alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali del 2006. Vestito con una giacca bianca adornata di blu e con indosso un berretto rosso, Clark stava vivendo questa sensazione da sogno allo Stadio Olimpico Grande Torino, a Torino, in Italia, come membro della squadra di curling statunitense. Come bigodino, spiega, “non sei abituato a stare in stadi di quelle dimensioni”.

Con l’inizio delle Olimpiadi questa settimana a Pechino, il curling farà la sua comparsa quadriennale nelle famiglie americane. E per molti spettatori, guardare i giocatori che spazzano il ghiaccio con una scopa lascerà senza dubbio uno sguardo interrogativo sui loro volti.

Tre anni dopo aver rappresentato il suo paese nelle Alpi italiane e aver ottenuto l’ottavo posto, Clark ha rivolto la sua attenzione a qualcosa di più familiare: la scuola di legge.

Maureen Brunt Clark (a sinistra) e Jessica Schultz della squadra americana guardano mentre i canadesi fanno scivolare la loro pietra sul ghiaccio alle Olimpiadi invernali del 2006. Il Canada li ha sconfitti, 11-5. Foto di Cyrus McCrimmon/The Denver Post tramite Getty Images.

In un’intervista telefonica la scorsa settimana da Minneapolis, Clark, ora vicepresidente e consulente aziendale senior della US Bank, mi ha dato un tutorial sullo sport a cui ha dedicato una vita. Essere un atleta d’élite ha anche preparato Clark per il William Mitchell College of Law (ora Mitchell Hamline School of Law) a St. Paolo, Minnesota.

Clark, 39 anni, originario di Portage, nel Wisconsin, ha iniziato a fare curling all’età di 6 anni ea gareggiare da adolescente. “In quel momento ho capito che lo sport mi piaceva molto, c’erano molte opportunità e viaggiavo dappertutto”, mi dice l’olimpionico.

“Il curling è stato un evento di famiglia”, dice Clark. “Tutti nella mia città natale sapevano cosa fosse il curling. Non solo il mio liceo aveva una squadra di curling, ma veniva offerto come parte del corso di educazione fisica al liceo”.

READ  Iga Swiatek vs Coco Gauff, streaming in diretta

La strada di Clark verso il palcoscenico più grande del curling è stata lastricata di numerosi campionati statali e nazionali mentre era al liceo e frequentava l’Università del Wisconsin a Madison. Nel 2005, la sua squadra ha vinto l’argento ai campionati del mondo a Paisley, in Scozia.

Il modo di curling sembra più confuso del codice fiscale. Ma, in effetti, a Clark bastano pochi minuti per spiegare il gioco e io ho le basi in giù.

Curling squadra di curling.

Cassie Johnson degli Stati Uniti consegna la sua pietra mentre Courtney George (a sinistra) e Maureen Brunt Clark (a destra) si preparano a spazzare durante i Giochi Olimpici Invernali del 2006. Foto di Brian Bahr/Getty Images.

Come arricciare

Nel curling olimpico, due squadre, ciascuna con quattro giocatori, a turno fanno scivolare una pietra di granito levigato di circa 42 libbre, estratta ad Ailsa Craig, in Scozia, lungo una lastra di ghiaccio di 150 piedi verso un grande cerchio, chiamato la casa, con un piccolo cerchio situato al centro: il pulsante. Ogni squadra fa scorrere otto pietre (chiamate anche rocce) che compongono una “fine”. È come un inning, mi dice Clark, inserendolo in un contesto più familiare. I punti vengono assegnati a ciascuna estremità solo alla squadra con le pietre più vicine al pulsante. Il vincitore è la squadra con il maggior numero di punti dopo 10 finali.

C’è anche una “parte fisica che in qualche modo entra nel curling”, spiega Clark. A differenza dell’hockey, con il suo ghiaccio simile al vetro, la superficie del curling è sassosa.

“Come una buccia d’arancia”, lo descrive Clark. Mentre la pietra scivola verso la casa, i giocatori, usando una spazzola o una scopa specifica per curling, spazzano il ghiaccio. Questo fa sciogliere il sasso, che controlla la distanza e la direzione, ma non la velocità, che la pietra percorre.

READ  Titoli del calcio spagnolo mattutino: il Madrid ha sei partite di doppio, una grande decisione sarà presa su Hazard, i club italiani dopo Ricky, Gaia per affrontare l'Alba.

Il curling richiede alcune abilità fisiche, dice Clark, per l’equilibrio e lo spazzamento richiesti. Anche la memoria muscolare gioca un ruolo significativo. “Gran parte del curling”, spiega, è “fare le cose allo stesso modo ogni volta. La più piccola oscillazione potrebbe smuovere tutta la tua roccia.

Il prossimo capitolo

Dopo non essere riuscito a qualificarsi per le Olimpiadi del 2010, Clark si è rivolto alla facoltà di giurisprudenza. Era motivata da un amore permanente per la lettura e l’apprendimento. “La legge offre l’opportunità di continuare a imparare”, mi dice. “Nuovi concetti, nuove informazioni. Sono un fanatico di tutto ciò che imparo a conoscere. ”

Per qualcosa di più dell’ovvio, sarebbe un’esperienza diversa per il bigodino in pensione. “Come atleta, durante tutto il college, mi sono sempre concentrato su più cose. Per la facoltà di giurisprudenza, volevo solo concentrarmi su una cosa. È stato fantastico poter mettere tutte le mie energie nella facoltà di giurisprudenza”.

Come atleta di livello mondiale, Clark ha capito l’immensa importanza della pratica e della preparazione. Questo ha portato con sé a William Mitchell. “Ci ha aiutato a rispettare le scadenze e tutto il lavoro che dovevi fare per prepararti. Ero pronto per quello”, mi dice. Sapevo cosa dovevo fare. Sapevo come superarlo”.

Il curling ha anche insegnato a Clark una lezione che ha portato alla sua successiva carriera. “Proprio come la più piccola oscillazione può fare un’enorme differenza nel curling”, dice, “il modo in cui parli con un cliente o redigi un contratto richiede anche molta precisione”.

Molti che guardano il curling stanno senza dubbio pensando: “Semplicemente non sembra così difficile. Potrei farlo.”

Clark fa una risatina alla mia osservazione. L’ha già sentito. “Da giovane”, dice, “[hearing that] è stato un po’ frustrante”. Ma non più.

“La gente lo vede alle Olimpiadi e pensa: ‘Se dovessi andare alle Olimpiadi, questo è lo sport che potrei fare.’ —Maureen Brunt Clark

READ  Il capitano irlandese dell'Under 17, Catal Heffernan, è in prestito ai giganti italiani dell'AC Milan.

Anche a Torino i bigodini hanno mancato di rispetto. Clark racconta uno di questi casi: “Ci siamo fatti vedere un giornalista che ha detto: ‘Ho portato il mio ferro arricciacapelli. Sono pronto per arricciare.’ Aveva letteralmente un ferro arricciacapelli nelle loro mani mentre venivano per intervistare una squadra olimpica”.

USA Curling, l’organo di governo dello sport, conta circa 190 club membri in tutto il paese con quasi 27.000 membri individuali.

Il curling cattura l’attenzione delle persone durante le Olimpiadi: la partita della medaglia d’oro nel 2018 ha avuto 7,5 milioni di spettatori. Come può essere sostenuto quell’interesse dopo che i giochi sono finiti? “Questa è la domanda secolare”, dice Clark.

La risposta potrebbe risiedere in ciò che passa per la mente degli spettatori mentre guardano.

“La gente lo vede alle Olimpiadi”, dice Clark, “e pensa: ‘Se dovessi andare alle Olimpiadi, questo è lo sport che potrei fare.’ Lo rende accessibile. Attingere a tale accessibilità è il modo per continuare a coinvolgere le persone.

“Anche i bigodini sono accoglienti e vogliono condividere il loro amore per il gioco con chiunque sia interessato”, aggiunge Clark. “Se ti piace guardarlo durante le Olimpiadi, provalo. Vai a usacurling.org e trova un club vicino a te con una casa aperta.

Maureen e la sua squadra

Maureen Brunt Clark (a destra) e le sue compagne di squadra (da sinistra) Cassie Johnson, Jamie Johnson e Jessica Schultz nel villaggio olimpico di Torino, Italia. Foto fornita da Maureen Brunt Clark.


Randy Maniloff

Randy Maniloff è avvocato presso White and Williams a Filadelfia e professore a contratto presso la Temple University Beasley School of Law. Gestisce il sito web CoverageOpinions.info.


Questa colonna riflette le opinioni dell’autore e non necessariamente le opinioni dell’ABA Journal o dell’American Bar Association.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.