I talebani affermano di aver catturato il Panjshir, l’ultima provincia afghana

I talebani hanno detto lunedì di aver catturato la provincia del Panjshir a nord di Kabul, l’ultima roccaforte delle forze anti-talebane nel paese e l’unica provincia non catturata dai talebani durante la loro offensiva in Afghanistan il mese scorso.

Migliaia di combattenti talebani hanno invaso otto distretti del Panjshir durante la notte, secondo testimoni del distretto che hanno parlato a condizione di anonimato, temendo per la loro sicurezza. Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il Panjshir è ora sotto il controllo dei combattenti talebani.

“Abbiamo fatto del nostro meglio per risolvere il problema attraverso i negoziati, hanno rifiutato i colloqui e poi abbiamo dovuto inviare le nostre forze a combattere”, ha detto Mujahid in una conferenza stampa a Kabul.

Le forze anti-talebane erano guidate dall’ex vicepresidente Amrullah Saleh, nonché dal figlio dell’iconico combattente anti-talebano Ahmed Shah Massoud, ucciso pochi giorni prima degli attacchi terroristici dell’11 settembre negli Stati Uniti.

Nel frattempo, nella provincia settentrionale di Balkh, ha noleggiato almeno quattro aerei per evacuare diverse centinaia di persone che cercano di sfuggire al controllo dei talebani sull’Afghanistan. Sono giorni che non possono lasciare il PaeseI funzionari hanno detto domenica, poiché sono emersi resoconti contrastanti sul motivo per cui i voli non sono stati in grado di decollare mentre la pressione sugli Stati Uniti aumentava per aiutare coloro che erano rimasti indietro a fuggire.

Guarda | I talebani impediscono ai voli di evacuazione statunitensi di lasciare l’Afghanistan:

I talebani impediscono ai voli di evacuazione statunitensi di lasciare l’Afghanistan

I talebani stanno impedendo ad almeno due sfollati statunitensi di lasciare l’Afghanistan, che un politico americano ha paragonato alla situazione degli ostaggi. Gli afgani all’interno e all’esterno del Paese sono sempre più preoccupati per ciò che potrebbe accadere dopo. 2:01

READ  10 morti in un incidente in Alabama, di cui 9 bambini

Un funzionario afghano all’aeroporto di Mazar-i-Sharif, la capitale della provincia, ha affermato che i potenziali passeggeri sono afgani, molti dei quali non hanno passaporti o visti, e quindi non hanno potuto lasciare il Paese. Lui, che ha parlato a condizione di anonimato perché non autorizzato a parlare con i giornalisti, ha detto di aver lasciato l’aeroporto mentre la situazione si era risolta.

Tuttavia, il capo repubblicano della Commissione per gli affari esteri della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, ha affermato che il gruppo includeva americani e che erano seduti sugli aerei, ma i talebani non hanno permesso loro di decollare, ma piuttosto “li hanno tenuti in ostaggio”. Il rappresentante Michael McCaul del Texas ha dichiarato: Fox News Sunday Cittadini americani e interpreti afgani erano su sei aerei.

McCall non ha detto da dove provenissero queste informazioni e i due account non potevano essere riconciliati immediatamente.

Molti sono rimasti indietro dopo il ritiro degli Stati Uniti

Gli ultimi giorni della guerra ventennale americana in Afghanistan sono stati segnati da un orribile ponte aereo all’aeroporto di Kabul per evacuare decine di migliaia di persone – americani e i loro alleati – che temevano cosa avrebbe riservato il futuro, data la storia di oppressione dei talebani, in particolare di donne. Ma quando le ultime forze statunitensi si sono ritirate il 30 agosto, molti sono rimasti indietro.

Gli Stati Uniti hanno promesso di continuare a lavorare con i nuovi governanti talebani per convincere coloro che vogliono andarsene, e i militanti hanno promesso di lasciare partire chiunque abbia i documenti legali adeguati.

Gli esperti dubitavano che la resistenza talebana nel Panjshir, l’ultima provincia contemporanea, potesse avere successo a lungo termine nonostante il vantaggio geografico della regione.

READ  Enorme esplosione in America alla vigilia di Natale!
Membri del Fronte di Resistenza Nazionale guardano da una casa vicino alla valle del Panjshir, in Afghanistan, in questo fermo immagine ottenuto da un video post non datato. (Fronte di resistenza nazionale afghano/Reuters)

Situata nelle imponenti montagne dell’Hindu Kush, la valle del Panjshir ha uno stretto ingresso. I combattenti locali sono riusciti a tenere a bada i sovietici negli anni ’80 e i talebani un decennio dopo sotto Massoud.

In una dichiarazione di domenica, il figlio di Masoud, Ahmed, ha chiesto la fine dei combattimenti. Masoud, un giovane che ha studiato in Gran Bretagna, ha detto che le sue forze sono pronte a deporre le armi, ma solo se i talebani accettano di porre fine alla loro offensiva. Dozzine di veicoli carichi di combattenti talebani sono stati visti nella tarda serata di domenica affluire nella valle del Panjshir.

Nessuna dichiarazione di Saleh, l’ex vicepresidente afgano che si è dichiarato presidente ad interim dopo che il presidente Ashraf Ghani ha lasciato il Paese il 15 agosto quando i talebani hanno raggiunto le porte della capitale. Poi quel giorno i talebani sono entrati nell’edificio presidenziale.

Il raid fulmineo dei talebani in tutto il paese ha impiegato meno di una settimana per superare circa 300.000 soldati afgani, la maggior parte dei quali si sono arresi o sono fuggiti.

La sorte di Saleh e del giovane Massoud non fu immediatamente nota.

Segnalazioni di famiglie in fuga

Mujahid, il portavoce dei talebani, ha cercato di rassicurare i residenti del Panjshir che sarebbero stati al sicuro, anche se dozzine di famiglie sono fuggite sulle montagne prima dell’arrivo dei talebani.

“Diamo all’onorevole popolo del Panjshir la sua piena fiducia che non saranno soggetti ad alcuna discriminazione e che sono tutti nostri fratelli e che serviremo una patria e un obiettivo comuni”, ha detto Mujahid in una nota.

I talebani hanno intensificato il loro attacco al Panjshir domenica e hanno twittato che le loro forze hanno invaso il distretto di Rokha, uno degli otto più grandi distretti della provincia. Un certo numero di delegazioni talebane ha tentato di condurre negoziati con i resistenti, ma i colloqui non hanno avuto successo.

Fahim Dashti, portavoce del gruppo anti-talebano, è stato ucciso in una battaglia domenica, secondo l’account Twitter del gruppo. Dashti era la voce del gruppo e una figura di spicco dei media durante i precedenti governi.

Era anche nipote di Abdullah Abdullah, un alto funzionario del precedente governo coinvolto nei negoziati con i talebani sul futuro dell’Afghanistan.

Mujahid ha negato che Dashti sia stato ucciso in una battaglia con i talebani e ha affermato di essere stato ucciso in una “disputa interna tra due leader nel Panjshir” senza fornire alcuna prova a sostegno di questa affermazione.

Tra pochi giorni arriva un nuovo governo

Mujahid ha anche detto ai giornalisti che i talebani avrebbero annunciato un nuovo governo “entro pochi giorni” – uno che sarebbe stato completo, ha detto, senza entrare nei dettagli. Una volta formato il governo, ha affermato, i membri dell’ex esercito afghano e delle forze di sicurezza dovranno tornare al lavoro.

“Abbiamo bisogno della loro esperienza”, ha detto. Mujahid ha affermato che i membri delle ex forze di sicurezza afgane si sarebbero poi uniti ai combattenti talebani per formare un unico esercito. Combattenti talebani in abiti civili salgono a bordo di camioncini attraverso Kabul per essere sostituiti da uomini talebani in uniforme militare.

Quando è stato chiesto quali diritti avrebbero le donne sotto i talebani, Mujahid ha promesso che alla fine gli sarebbe stato chiesto di “richiedere” a tutte le donne di “tornare” al loro lavoro.

I talebani hanno rivendicato “motivi di sicurezza” non specificati dietro l’attuale lento ritorno delle donne afgane ai loro luoghi di lavoro, nonché la restrizione all’ingresso delle donne nelle loro case, a meno che non siano accompagnate da un tutore maschio. Ma molti che ricordano le restrizioni draconiane sulle donne sotto i talebani alla fine degli anni ’90 sono scettici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *